Le sanzioni alla Siria: come uccidere un intero popolo per perseguire i propri piani d’invasione stando comodi comodi

Sanzionare la Siria.

18 milioni di siriani in balia dell’embargo da 8 anni: BASTA!

pubblicato il 10 gennaio 2020 da Chris Ray – trad. Gb.P. OraproSiria

Le Nazioni Unite erano disposte a pagare per porte, finestre e cavi elettrici nell’appartamento di Alaa Dahood, ma non per le riparazioni alle pareti del suo soggiorno forate da colpi di mortaio. Quella era considerata “ricostruzione”, una categoria di aiuti vietata in Siria. “Mia madre e io abbiamo usato i nostri risparmi per riparare noi stessi il muro”, mi ha detto Alaa, un insegnante di inglese della scuola elementare.

Alaa vive con la madre vedova Walaa a Saif al-Dawla, un sobborgo di Aleppo che è diventato una linea del fronte tra truppe governative e forze di opposizione nel 2012. Dopo che il loro isolato residenziale è finito sotto il fuoco dei cecchini, la famiglia è fuggita in un settore della città controllato dal governo, e successivamente, nella relativa sicurezza di Damasco. “Lo stress fu fatale per mio padre: era un uomo nervoso ed è morto a causa di un infarto nel 2013. Mia madre ed io siamo tornati a casa nel 2017, quando Aleppo era al sicuro ”, racconta Alaa mentre serve caffè speziato nel salotto della sua modesta casa con due camere da letto.

Più di 521.000 Aleppini sfollati dalla guerra sono tornati a casa entro la fine del 2018, secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR). Pochissimi hanno trovato le loro proprietà intatte. Tuttavia, in tutta la Siria, solo 42.000 residenti hanno ottenuto aiuti di “ripristino” delle Nazioni Unite, la categoria di assistenza che copriva le riparazioni di Alaa. L’aiuto delle Nazioni Unite era in gran parte limitato agli aiuti d’emergenza a breve termine, l’unica categoria di aiuti accettabile per i principali donatori delle Nazioni Unite che si oppongono alla continuazione del governo del presidente Bashar al-Assad.

Alaa non ha avuto alcun aiuto per il suo muro, ma le sue finestre finanziate dall’ONU sono almeno in vetro. Ad Hanano, un sobborgo della parte orientale di Aleppo precedentemente sotto il controllo dei ribelli, una giovane guardia di sicurezza, Mohamed, mi ha mostrato il suo appartamento di famiglia, che si affaccia su un campo da calcio pieno zeppo di carcasse di autobus e macchine distrutti. Mohamed ha installato finestre realizzate con teli di plastica lo scorso inverno, quando la temperatura è scesa sotto lo zero. Ha ottenuto la plastica in un “kit di riparazione” fai-da-te fornito dalle Nazioni Unite che includeva legno di pino per serramenti, pannelli di fibra per porte, schiuma di espansione, chiodi e attrezzi.

“La plastica non va bene per l’inverno ma è meglio di niente”, ha detto Mohamed, che non voleva che fosse pubblicato il suo cognome. Nonostante una grave carenza di carburante, è riuscito a comprare abbastanza olio combustibile per riscaldare la camera da letto della sua fragile sorella di 13 anni, Asma, per un paio d’ore ogni notte. Mohamed ha sostituito la plastica con il vetro in una finestra e sta mettendo da parte i soldi per fare il resto.

I kit di riparazione rientrano nell’elenco degli aiuti di emergenza a breve termine. L’UNHCR afferma che i kit coprivano circa 92.000 siriani nel 2018, più del doppio del numero di coloro che hanno beneficiato del ripristino abitativo. Secondo le agenzie siriane che attuano programmi finanziati a livello internazionale, le Nazioni Unite valutano i kit di accoglienza circa 500 Dollari, ma i destinatari spesso li vendono per molto meno o bruciano la legna come combustibile.

residenti di Aleppo ricostruiscono le loro case danneggiate dalla guerra

Uno dei maggiori partner siriani delle Nazioni Unite, l’agenzia di aiuti greco-ortodossa Gopa-Derd, rifiuta di distribuire i kit. “Non collaboreremo a far mettere fogli di plastica sui telai delle finestre dove dovrebbero esserci dei vetri. I fogli di plastica non ripareranno un buco nel muro nè terranno al caldo una famiglia in inverno “, ha dichiarato Sara Savva, vicedirettore di Gopa-Derd.

Un altro partner delle Nazioni Unite, il Syria Trust for Development, che ha gestito le riparazioni di Alaa, desidera che i soldi dei kit di protezione vengano reindirizzati al ripristino. “Nel 2017 abbiamo realizzato 1000 kit di protezione, poi abbiamo deciso basta. Sono una perdita di tempo e risorse “, ha dichiarato il direttore del Trust in Aleppo, Jean Maghamez. Ha aggiunto, tuttavia, che il programma di ripristino del Trust ha riguardato solo 200 appartamenti di Aleppo nel 2019 a causa di tagli ai finanziamenti delle Nazioni Unite.

In una dichiarazione congiunta di marzo 2019 i governi di Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania hanno ribadito la loro opposizione a qualsiasi assistenza per la ricostruzione in Siria fino a quando “un processo politico credibile, sostanziale e autentico sia irreversibilmente in corso”. La posizione delle Nazioni Unite è stata espressa in una Direttiva interna del 2018 dal suo Office of Political Affairs, guidata da un diplomatico di carriera americano, Jeffrey Feltman. “Solo una volta che vi fosse una transizione politica autentica e inclusiva negoziata dalle parti, le Nazioni Unite sarebbero pronte a facilitare la ricostruzione”, ha affermato.


Alaa Dahood and her mother Walaa at their Aleppo apartment. May 4, 2019. Photo: Alex Ray.

Una soluzione negoziata rimane distante, tuttavia. Un piano di pace sostenuto dall’ONU elaborato nel 2012 è moribondo. Anche i colloqui separati supervisionati dai sostenitori di Assad, Russia e Iran, insieme alla Turchia, la quale sostiene elementi dell’opposizione jihadista, hanno fatto pochi progressi. L’uso dei fondi delle Nazioni Unite per ricostruire il muro dell’appartamento di Alaa Dahood avrebbe rischiato di attraversare ciò che il personale delle Nazioni Unite in Siria definisce una “linea rossa” tra ripristino e ricostruzione.

Nessuno dei due termini è chiaramente definito, ma la linea è zelantemente controllata. Il personale delle Nazioni Unite a Damasco mi ha detto che spesso devono rispondere alle domande di governi, altri donatori delle Nazioni Unite e “controllori dei diritti umani” che mettono in guardia da qualsiasi violazione del divieto di ricostruzione.

Un rapporto di giugno di Human Rights Watch con sede a New York ha palesemente disapprovato il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), Oxfam e altri per aver ricostruito reti di servizi igienico-sanitari e strutture sanitarie nella parte di Siria controllata dal governo.

Qualsiasi progetto volto a “ricostruire e ripristinare in modo sostenibile infrastrutture, servizi, abitazioni, strutture e mezzi di sussistenza può comportare rischi di implicazione in gravi violazioni dei diritti umani”, ha affermato Human Rights Watch. “Per evitare di violare il divieto di ricostruzione, il Syria Trust generalmente non ricostruirà nessun muro dell’appartamento con un buco più grande di due metri quadrati”, mi ha detto il suo ingegnere capo ad Aleppo, Ragheb Al Mudarres. Gopa-Derd vuole che il ripristino sia ampiamente interpretato per consentire alle case di essere rese sicure e abitabili. “Se c’è un buco nel muro, lo blocchiamo, se l’acqua gocciola dal soffitto, lo ripariamo, se non ci sono porte o finestre le installiamo. Alcuni donatori ritengono che questa sia una ricostruzione, noi no ”, ha detto Sara Savva.

Mohamed and his sister Asma outside their Aleppo apartment block. May 4, 2019. Photo: Alex Ray.

I dipendenti delle Nazioni Unite affermano di seguire una linea guida non scritta per evitare lavori su qualsiasi edificio pubblico con danni strutturali superiori al 30%. In qualche caso, il divieto di ricostruzione obbligava le agenzie a respingere la richiesta del comitato di vicinato di aiutare a ricostruire tre scuole. I fondi erano disponibili, la proposta era tecnicamente valida e le scuole erano nella parte orientale di Aleppo, un tempo salutata dai sostenitori del cambio di regime come un bastione della rivoluzione. In tutto il paese, 1,75 milioni di bambini non hanno scuola da frequentare e la necessità nell’est di Aleppo è particolarmente acuta. Tuttavia, a quanto pare la sua popolazione può aspettarsi poco aiuto dagli ex sponsor stranieri che se ne sono andati dopo la fine delle sparatorie.

Le Nazioni Unite descrivono i bisogni umanitari della Siria come “sconcertanti”. Circa 5,6 milioni di persone sono andate all’estero – circa i due terzi come rifugiati – e circa l’80% dei 18 milioni che rimangono hanno bisogno di assistenza. Un terzo del patrimonio immobiliare è stato distrutto, lasciando oltre sei milioni di persone senza una casa permanente. Circa 7,6 milioni soffrono di un’acuta mancanza di acqua potabile pulita e 4,3 milioni di donne e bambini sono malnutriti. Malattie precedentemente sradicate come poliomielite, tifo, morbillo e rosolia sono tornate e un bambino su tre non prende i vaccini salvavita. Circa 1,5 milioni di persone vivono con disabilità permanenti legate al conflitto.

In questo contesto, le restrizioni agli aiuti esteri sono pesanti, ma le sanzioni commerciali e finanziarie sono letali. Hanno “contribuito alla sofferenza del popolo siriano” bloccando le importazioni di farmaci antitumorali, antibiotici e vaccini contro il rotavirus, attrezzature mediche, cibo, carburante, semi delle colture, pompe per l’acqua e altri elementi essenziali, ha segnalato già nel 2018 il relatore speciale delle Nazioni Unite sulle sanzioni, Idriss Jazairy . Jazairy ha definito le sanzioni “perniciose” e ha affermato che hanno ostacolato gli sforzi per ripristinare scuole, ospedali, acqua pulita, abitazioni e lavoro.

Le misure statunitensi sono le più punitive dei regimi sanzionatori sovrapposti applicati anche da Unione Europea, Giappone, Canada, Australia e altri. Nelle parole di un ex ambasciatore degli Stati Uniti in Siria, Robert Ford, gli Stati Uniti stanno conducendo una “guerra economica” per “strangolare a morte” il governo di Assad. Le vittime sono i poveri, i malati e i bambini, non l’élite politica e economica.

Syria trust for Development remedial class for children in Hanano, a former rebel-controlled zone in Aleppo. May 4, 2019. Photo: Alex Ray.

A Damasco, i missili ribelli non cadono più nei distretti residenziali che sono rimasti fedeli al governo durante quasi nove anni di guerra. Tuttavia, piuttosto che celebrare la relativa sicurezza, i siriani che incontro sono sfiniti da difficoltà economiche prolungate e in peggioramento. “Ho vissuto con la guerra ogni giorno per sette anni e mi ci sono abituato. Non riesco ad abituarmi a non essere in grado di nutrire la mia famiglia “, dice un impiegato statale.
Gli embargo sui carburanti dell’UE e degli Stati Uniti hanno colpito duramente, con carenze di elettricità a livello nazionale e lunghe code per benzina e gas in bombole razionati.

I prodotti farmaceutici sono ancora più difficili da ottenere rispetto al carburante. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che le sanzioni bloccano l’importazione di farmaci antitumorali, che erano sovvenzionati a basso prezzo dal sistema sanitario pubblico prima della guerra. Sara Savva ha affermato che le medicine per il diabete o le malattie cardiache, se disponibili, potrebbero costare un impiegato medio un mese di stipendio. “Dimenticate la chemioterapia o i farmaci antitumorali: è ridicolmente costoso”, ha detto. Le apparecchiature mediche sono obsolete perché il Ministero della salute non può importare parti o aggiornare il software. I medici di un importante ospedale di Damasco hanno riferito a Reuters che circa il 10% dei pazienti affetti da insufficienza renale sta morendo a causa dell’impossibilità dell’ospedale di procurarsi parti di macchine per dialisi di produzione europea.

Presumibilmente esistono esenzioni umanitarie dalle sanzioni, ma sono difficili e costose da ottenere. In ogni caso, le sanzioni finanziarie hanno isolato il paese dai sistemi bancari e di pagamento globali, motivo per cui bancomat e carte di credito straniere sono inutili in Siria. Perfino le organizzazioni umanitarie internazionali sono costrette a trasportare denaro attraverso il confine libanese con veicoli o ad utilizzare commercianti di denaro informali. Il cappio è così stretto che le banche europee hanno rifiutato di aprire conti bancari per il personale delle Nazioni Unite quando la parola “Siria” è apparsa nel loro titolo professionale.

Walaa Kanawati from the Syria Trust for Development teaches English to young Aleppans at a former Islamic State prison in Hanano, eastern Aleppo. May 4, 2019. Photo: Alex Ray.

Le Nazioni Unite non hanno approvato sanzioni ma il loro effetto sugli aiuti umanitari è stato “agghiacciante”, ha detto Jazairy. Gli esportatori, le compagnie di trasporto e gli assicuratori si sono rifiutati di fare affari con la Siria per paura di violare inavvertitamente le sanzioni statunitensi, che sono extraterritoriali. Si applicano a qualsiasi transazione che implichi una connessione negli Stati Uniti, ad esempio beni con oltre il 10 percento di contenuti statunitensi o l’uso di dollari USA.
In un caso, i produttori europei hanno rifiutato di presentare offerte per la fornitura di sedie a rotelle alle Nazioni Unite in Siria. Il mercato è potenzialmente grande – circa 86.000 siriani hanno perso arti nel conflitto – ma non abbastanza redditizio da giustificare il rischio di perdere l’accesso ai clienti statunitensi. Nel suo rapporto del 2018, Jazairy ha proposto il rilascio di risorse della banca centrale siriana “congelate” dall’UE. Il suo suggerimento di mettere a parte i soldi per pagare le importazioni di grano e foraggi animali per soddisfare le “urgenti esigenze di sopravvivenza della popolazione” è stato ignorato.

Le Nazioni Unite affermano che le sue operazioni siriane completano semplicemente il lavoro degli organismi statali, che sono i principali responsabili per far fronte all’emergenza umanitaria. Tuttavia, il bilancio nazionale per il 2019 è stato fissato a meno di 9 miliardi di dollari USA – metà del livello del 2011 – e la spesa effettiva è quasi certamente inferiore. In otto anni di guerra, il PIL è diminuito della metà o dei due terzi. Nel dicembre 2019, la sterlina siriana è scesa a circa il sei percento del suo valore prebellico.

Il governo continua a sovvenzionare carburante, pane, riso e altri alimenti di base, ma, con la riduzione dei budget del ministero, i servizi di assistenza sociale sono sempre più forniti da organizzazioni locali non governative come la Mezzaluna Rossa Araba Siriana, Gopa-Derd e il Syria Trust. Nel sobborgo di Hanano di Aleppo, il Trust gestisce un centro comunitario finanziato dall’UNHCR, ospitato in un ex carcere dello Stato islamico.


A Gopa-Derd ‘body safety and personal boundaries’ class in the Damascus suburb of Kashkoul. May 10, 2019. Photo: Alex Ray.

Il giorno che l’ho visitato, un insegnante stava aiutando i bambini a modellare la relazione della Terra con il Sole con l’uso di globi e torce. Il patrocinio è stato offerto alle donne divorziate in cerca di affidamento di minori e una dottoressa stava vedendo dei pazienti. Il centro fornisce anche quello che il suo insegnante di inglese, Walaa Kanawati, ha definito un “servizio di consulenza psicologica”. Ha affermato che questo era molto richiesto dai genitori preoccupati per il comportamento dei bambini e delle donne sottoposte a violenza domestica. Secondo Kanawati, il centro impegna molto tempo a cercare di insegnare ai bambini e ai giovani come non essere d’accordo senza combattere. “Facciamo due personaggi o due squadre e aiutiamo ciascuna parte a difendere la propria opinione”, ha affermato. “Proponiamo argomenti che nascono nella società, come il matrimonio precoce, che è un grosso problema in questa zona. Abbiamo madri di appena 15 anni. ”

Walaa Kanawati del Trust for Development siriano insegna inglese ai giovani Aleppini in un ex carcere dello Stato Islamico ad Hanano, nella parte orientale di Aleppo. Il Trust tiene anche corsi di recupero di inglese e di matematica per i bambini che avevano perso anni di scuola quando vivevano in distretti tenuti dai ribelli. Kanawati ha detto che quei bambini hanno difficoltà a tenere il passo con le lezioni e spesso abbandonano la scuola.

Alaa Dahood, l’insegnante di scuola elementare di Saif al-Dawla ha anche parlato della sfida di educare gli studenti a quella che lei ha definito “l’altra parte”. “Sono due, tre e quattro anni indietro rispetto agli altri bambini e devo restare dopo le lezioni per insegnare loro a leggere e scrivere “, ha detto. Alcuni non hanno studiato nelle zone controllate dall’opposizione, mentre altri hanno ricevuto solo istruzioni religiose. Ma “i genitori dell’altra parte di solito apprezzano l’educazione. Vogliono che i loro figli siano bravi quanto i loro compagni di classe “, ha detto Alaa.

A Damasco Gopa-Derd gestisce un centro comunitario finanziato dall’ONU nel sobborgo orientale di Dweila. L’area è un inquietante mix di residenti sottoposti a anni di colpi di mortaio dalla vicina Ghouta, una roccaforte jihadista in tempo di guerra, e rifugiati di Ghouta che sono fuggiti dagli attacchi aerei che hanno portato alla riconquista dell’esercito nel 2018. Il personale del centro cerca di promuovere l’integrazione mettendo a disposizione i servizi per entrambi i gruppi. Incoraggiano anche ragazzi e ragazze a frequentare le lezioni insieme. Le famiglie sfollate dalle aree di opposizione in genere credono che i sessi debbano essere separati in giovane età e “solo i maschi sono importanti”, afferma Remi Al Khouri, manager di Gopa-Derd. Lei dice che le classi delle scuole primarie a sesso singolo erano sconosciute in Siria prima “della crisi”, aggiungendo: “Vogliamo dimostrare che è normale che ragazzi e ragazze vadano a lezione insieme e giochino insieme”.

Nel vicino sobborgo di Kashkoul, un altro centro della comunità Gopa-Derd è concentrato sulla lotta contro l’abuso sessuale dei bambini. Secondo la direttrice del centro, Lina Saker, gli abusi sui minori sono peggiorati durante la guerra. Ho osservato una classe di ragazzi e ragazze di età compresa tra i cinque e i dieci anni impegnati in un esercizio di “sicurezza del corpo e dei confini personali”; un’insegnante di sesso femminile ha usato un poster sul muro per indicare le aree “no touch” del corpo.

“Alcuni di questi bambini sono già delle vittime e vogliamo che sappiano che è inaccettabile che le persone tocchino determinate parti del loro corpo”, ha detto la signora Saker. Togliere i bambini dalle strade per portarli a scuola li renderebbe meno vulnerabili, ma le famiglie sfollate spesso fanno affidamento su figli e figlie per avere un po’ di reddito.

Il centro sta cercando di aiutare i bambini di nove anni che vendono pane per strada, preparano tubi di shisha (narghilè ndt) nei caffè, raccolgono rifiuti da riciclare e aiutano nei cantieri. Ha organizzato cure mediche e scolarizzazione per una ragazza di 14 anni la cui salute ha sofferto per il suo lavoro in una fabbrica di carbone. Mentre la lezione sulla sicurezza del corpo era in sessione, le madri dei bambini erano in una stanza vicina a parlare del matrimonio precoce. La maggior parte di loro si era sposata prima dell’età legale dei 18 anni e un impiegato del centro le incoraggiava ad aprirsi sulle conseguenze fisiche, emotive e materiali. “Vogliamo convincerle a impedire alle loro figlie di sposarsi troppo presto e a dare loro una buona istruzione”, conclude Lina Saker.

Sanctioning Syria