Hong Kong: interessa veramente la democrazia o la guerra dei dazi?

Hong Kong: interessa veramente la democrazia o la guerra dei dazi? 1

foto Wired

Sappiamo delle repressioni in Hong Kong contro i manifestanti ma quello che non si dice è che in Cina la gente (e non solo il governo ) è furiosa per questi sentimenti anti-cinesi generalizzati . Non lo so , ma non è molto chiaro… credo che chiaramente lo scontro si sia polarizzato lungo le due solite direttive. Pompeo si era fatto vedere ad Hong Kong pochi giorni prima dell’inizio delle proteste con i leader quindi non credo che non ci sia lo zampino di terzi . Credo che invece si debba trovare una soluzione equa senza strumentalizzazioni. Non parteggio per la Cina ma questa non è la strada giusta. Chiaramente ora la protesta vuole innalzare lo scontro : lo ha detto al New York Times (30/06/2019) uno dei leader della protesta non io…

La narrativa dei media è semplice e chiara: gli attivisti ” pro-democrazia ” hanno protestato per mesi contro il ” regime comunista “, per la libertà e la democrazia. Manifestazioni pacifiche affrontano la violenza della repressione della polizia. Indipendentemente dal pretesto iniziale – un progetto di legge di estradizione nella Cina continentale, progetto congelato da allora. La lotta è diventata più emblematica: quella della democrazia contro la dittatura, la libertà contro il comunismo. Bene contro il male

“Le manifestazioni continuano pacificamente”.

La parzialità dei media a favore dei cosiddetti “militanti filo-democratici” è quasi caricaturale nella loro ossessione di respingere ogni violenza contro la polizia e rifiutare di vedere i manifestanti. In un articolo tipico, Le Figaro, che è costantemente soffocato dall’indignazione per l’intollerabile violenza dei giubbotti gialli, evidenzia il caso del manifestante ferito agli occhi da un proiettile di gomma. Per un giornale che sostiene senza riserve la repressione della polizia in Francia che ha lanciato 23 manifestanti con la palla in pochi mesi, è stato necessario osare.
Tuttavia, non mancano gli esempi e le testimonianze dell’ultraviolenza delle camicie nere; il loro confronto con la polizia si svolge con mattoni, bastoncini di bambù, cocktail Molotov, lanciagranate … Più di 170 agenti di polizia sono stati feriti dal 9 giugno. Durante l’occupazione “pacifica” dell’aeroporto, due persone sospettate di simpatia “pro-cinese” sono state quasi linciate; uno di loro era un giornalista del Global Times che era legato a un carrello per bagagli e incosciente. Un video [1] lo mostra senza sensi evacuato su una barella, mentre uno dei rivoltosi continua a provare a colpirlo con un bastone.

A giugno, uno dei leader del movimento ha difeso nel New York Times [2] la ” teoria della violenza marginale” sostenendo che i manifestanti devono ” usare le azioni più ”violente non violente” possibili per incitare la polizia a reagire con la forza inutile […]. I manifestanti dovrebbero intensificare ‘intensamente la non violenza’, o persino ricorrere a una ”forza moderata”, per spingere il governo alla fine “.

Sembra che la sottigliezza del confine tra “le azioni non violente più aggressive possibili e gli “assalti violenti” non siano pienamente comprese da alcuni di questi pacifisti amici. Ma dopo tutto, importa? In ogni caso, ai leader viene assicurato che i media occidentali attribuiranno al potere cinese la fonte di qualsiasi violenza . “Mentre le manifestazioni continuano pacificamente, Pechino cerca di provocare i manifestanti per giustificare un futuro intervento militare “ , ha sottolineato il quotidiano parigino il 14 agosto.

Il triste retaggio della colonizzazione

L’isola di Hong Kong fu strappata dalla Cina alla fine della prima guerra dell’oppio (1840-1842), condotta di nuovo in nome della libertà! – per commerciare oppio in Cina, dove era vietata la droga, e il traffico di oppio fortemente punito. A seguito di una vasta distruzione di droga sequestrata, l’Impero britannico lanciò le sue cannoniere contro la Cina, che fu costretta due anni dopo a firmare il malvagio Trattato di Nanchico , che gli impose il “libero” commercio di oppio , l’obbligo di pagare un risarcimento per la droga distrutta nel 1839, – e la consegna di Hong Kong alla corona nobile britannica. Era solo il primo dei detti ” Trattati ineguali”, imposto alla Cina per quasi un secolo dalle potenze occidentali (dopo di che il territorio della colonia britannica si era ampiamente ampliato – i “nuovi territori” rappresentano oltre l’80% della superficie di Hong Kong).
Il fatto che oggi questi stessi paesi affermino di dare lezioni di libertà e diritti umani alla Cina lascia un po’ perplessi …

Hong Kong e territori furono teoricamente restituiti alla Cina nel 1997, ma la consegna è stata accompagnata da un accordo curioso di blocco della sovranità cinese su questi territori per un periodo di 50 anni [3] . Al momento non si tratta più di trattati ineguali, ma tale concessione è sorprendente. Il trattato impone in particolare che, secondo il principio di “un paese, due sistemi”, il socialismo praticato nella Repubblica popolare cinese non si estende ad Hong Kong, che deve mantenere il suo sistema capitalista fino al 2047.
155 anni di colonizzazione e dozzine di anni di capitalismo selvaggio hanno lasciato profonde cicatrici e gli ultimi 20 anni non hanno aiutato la situazione. Hong Kong rimane uno dei luoghi al mondo in cui le disuguaglianze sociali sono più estreme. ” Qui, negozi di lusso e magnati miliardari si sfidano con senzatetto e vecchi collezionisti di cartone ” [4] . Come altrove, il paradiso dei ricchi è costruito sull’inferno dei poveri. All’inizio di quest’anno, Oxfam ha stimato che oltre 1,3 milioni di persone vivono al di sotto della soglia di povertà, il 20% della popolazione.

Non sono certamente quelli che sono vestiti di nero, ben equipaggiati, con elmetto e maschere antigas, armati di laser. I militanti filo-occidentali sono benestanti [5] . Anche se il loro numero è importante – specialmente dopo essere stati sotto la lente d’ingrandimento della propaganda occidentale – sono lungi dal rappresentare la maggioranza della popolazione reale, e certamente non costituiscono quel 20% più povero. La borghesia è preoccupata, senza dubbio a ragione, della prospettiva a lungo termine dell’integrazione nella Cina popolare. Al punto che alcuni arrivano apertamente a chiedere il ritorno allo stato coloniale. Anche per rivendicare un incredibile razzismo anti-cinese – dato che il movente naturalmente non è l’aspirazione ad essere britannici …

Perché una “rivoluzione del colore” a Hong Kong?

Queste manifestazioni presentano molte delle caratteristiche delle ” rivoluzioni colorate” che sono sorte, per una singolare coincidenza, in molti altri paesi oltre agli Stati Uniti. Questa volta, sarà buio … Prima delle manifestazioni di giugno, il segretario di Stato americano Mike Pompeo si era incontrato con i leader della democrazia di Hong Kong e con il capo dei media per la democrazia . Il National Endowment for Democracy , uno dei perizoma “ONG” della CIA ha finanziato apertamente diversi gruppi di manifestanti [6] . I nostri media hanno deriso le proteste della Cina, denunciando gli incontri tra diplomatici con sede negli Stati Uniti a Hong Kong e attivisti democratici [7] . Potremmo immaginare un un attimo le loro reazioni se diplomatici cinesi o russi organizzassero incontri con manifestanti per i diritti civili negli Stati Uniti o con giubbotti francesi?
Rivoluzione colorata, – tranne che questa volta, il crollo del paese non è un’opzione. La Cina, non è l’Ucraina, e nemmeno la Russia, dove un tentativo di questo tipo viene accuratamente montato intorno a Alexei Navalny (di estrema destra notoriamente corrotta), per mancanza di una figura migliore.

Al contrario, le manifestazioni di odio verso i cinesi del continente, il fatto che i viaggiatori che parlano il mandarino siano aggrediti dai “democratici” che parlano il cantonese di Hong Kong, probabilmente scaturirà l’effetto di incitare il ​​popolo cinese a radunarsi attorno ai loro leader  e aprire gli occhi ad alcuni su ciò che sta dietro sul discorso sulla democrazia e la libertà.

La divisione tra “Hong Kong” e la Cina è in gran parte una costruzione mediatica, ottenuta nascondendo o minimizzando le vaste manifestazioni di sostegno al governo di Hong Kong – che hanno radunato  più di 100.000 persone riunite il ​​20 luglio per protestare contro le camicie nere – e discretamente mettere a tacere l’origine sociale di coloro che rivendicano un ritorno allo stato coloniale.

D’altra parte, la rivoluzione nera di Hong Kong è un’eccellente opportunità per aumentare qui in Occidente, la propaganda contro la Cina e contro il suo ” regime comunista “. L’argomento qui non è discutere la natura del comunismo in Cina, le riserve o le domande che può sollevare, ma dello sfruttamento che la borghesia spera di attingere per la sua continua lotta contro il socialismo.

Al momento in cui scrivo, non è ancora chiaro se la Cina riuscirà a far cadere ”la sedizione senza violenza sfruttabile” o se l’intervento militare alla fine si rivelerà inevitabile. I servizi statunitensi stanno lavorando attivamente per raggiungere questo secondo risultato. Nell’ottobre 2019, la Cina celebrerà il 70 ° anniversario dell’avvento della Repubblica popolare. È certo che i nostri media sono attualmente avidi di belle immagini che “mostrano” che il comunismo schiaccia le aspirazioni di sangue alla libertà e alla democrazia .

FONTE: Investig’Action

[1] https://twitter.com/Liam_Stone18/status/1161408178526965760

[2] “Nella tattica del contestatore di Hong Kong: far colpire la polizia”, ​​”New York Times, 30/06/2019

[3] “Dichiarazione congiunta sino-britannica sulla questione di Hong Kong”, 1984

[4] “Dalle borse di Dior ai bassifondi: Hong Kong, disuguaglianze concentrate”, Liberazione, 20/01/2019

[5] “I manifestanti di Hong Kong sono giovani, istruiti e arrabbiati”, Le Vif, 14/08/2019

[6] Vedi https://www.ned.org/region/asia/hong-kong-china-2018/

[7] Vedi, ad esempio, “La colpa negli Stati Uniti! », La sera, 09/08/19

Exit mobile version