Gli USA rubano il grano siriano ma denunciano il blocco del grano ucraino

grano siriano portato in Iraq

Gli Stati Uniti hanno imposto pesanti sanzioni alla Siria per impedire al governo siriano di importare i beni di prima necessità per il popolo siriano. Ma non solo, a questo c’è da aggiungere la sottrazione di petrolio e grano.

Ancora una volta, gli atteggiamenti irresponsabili degli Stati Uniti stanno minacciando la sicurezza alimentare globale. Rapporti recenti sottolineano che Washington sta intensificando il contrabbando di grano siriano, importando il prodotto dalle regioni occupate illegalmente da truppe straniere e milizie paramilitari. Questa situazione è un forte affronto alla sovranità siriana e ha un impatto negativo sugli sforzi globali per ridurre la fame e la povertà. (Global Research)

Luca Leiroz

Il 25 maggio , il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vasily Nebenzia , ha affermato che gli importatori statunitensi stanno aumentando in modo significativo i loro acquisti di grano siriano, proseguendo la strategia del Paese di massimizzare le importazioni dalle regioni in crisi e in conflitto, come Siria e Ucraina. Oltre al grano, viene importato su larga scala petrolio, prelevato da regioni sulle quali il legittimo governo siriano non ha alcun controllo.

Questo è uno stralcio del suo intervento:

“Gli Stati Uniti continuano a depredare le risorse naturali e agricole che appartengono al popolo siriano (…) [Gli Stati Uniti] espandono il loro commercio illegale di grano e petrolio siriano e li contrabbandano gli stessi fuori dal confine (…), depredando il grano e il petrolio siriani , che sono la base per affrontare la crisi energetica e alimentare”. Nel suo discorso, l’ambasciatore ha anche sottolineato la situazione attuale delle aree occupate dagli Stati Uniti da cui vengono importati petrolio e grano, affermando che “i civili nelle aree occupate dagli Stati Uniti in Siria vivono in condizioni umanitarie inaccettabili e non vi è alcuna responsabilità per questi delitti”.

Questa situazione in Siria, sebbene ora si stia intensificando mentre il mondo si avvicina a una crisi di approvvigionamento globale, è iniziata molti anni fa. Per due decenni la Siria è stato l’unico Paese arabo autosufficiente per quanto riguarda il grano, mantenendo anche un elevato surplus che gli garantiva capacità di esportazione. Nel 2007, le piantagioni di grano occupavano colture per un totale di 1,7 milioni di ettari e producevano un volume totale di oltre quattro milioni di tonnellate di grano. La situazione iniziò a deteriorarsi a seguito della guerra finanziata dall’Occidente contro il governo legittimo. Nel 2012, un anno dopo l’inizio del conflitto, la Siria è stata costretta per la prima volta a importare farina di frumento. E da allora il paese è diventato assolutamente dipendente dalle importazioni di grano per la sua sicurezza alimentare.

L’inviato siriano delle Nazioni Unite accusa l’occupazione degli Stati Uniti di abilitare gruppi terroristici e controllare l’approvvigionamento alimentare
Con l’escalation della guerra, il governo siriano ha perso il controllo di alcune delle principali aree di produzione del grano, che sono passate sotto il controllo dei gruppi paramilitari delle Forze democratiche siriane (SDF) guidate dagli Stati Uniti. Dopo l’intervento non autorizzato degli Stati Uniti, le truppe americane sono state dispiegate in queste zone e hanno assicurato il flusso diretto di merci fuori dalla Siria, facendo perdere quasi tutta la produzione al governo siriano. In ogni regione in cui le forze ribelli avanzavano, agli agricoltori locali era proibito vendere il loro grano al governo nei mercati agricoli regionali. Tutta la produzione è stata confiscata dagli Stati Uniti e dalle forze paramilitari e poi immediatamente spedita all’estero. Un processo simile è avvenuto con il petrolio, le cui aree di produzione erano un obiettivo speciale dell’occupazione americana.

Commentando il caso, Taleb Ibrahim, analista politico siriano e vicedirettore del Centro di studi strategici di Damasco, ha dichiarato:

“Gli Stati Uniti hanno iniziato la grande rapina organizzata in Siria cinque anni fa . Le regioni in cui rubano petrolio e cereali sono le parti più produttive della Siria, ad esempio le parti orientali della Siria dove gli Stati Uniti hanno stabilito le basi militari illegali forniscono ai siriani il 90% dei prodotti petroliferi e l’80% del grano. Allo stesso tempo gli Stati Uniti hanno imposto pesanti sanzioni alla Siria per impedire al governo siriano di importare i beni di prima necessità per il popolo siriano, il che è un crimine di guerra, come quello che era successo in Iraq, Libia, Cuba, Corea del Nord e altri paesi (…) I paesi occidentali stanno prendendo il mondo intero per una carestia internazionale, non si preoccupano delle considerazioni umanitarie”.

È importante notare come queste accuse giungono in un momento di particolare preoccupazione per l’approvvigionamento alimentare globale. Il conflitto in Ucraina danneggia il commercio mondiale di cereali e fertilizzanti, oltre a una serie di sanzioni imposte dall’Occidente che ostacolano il flusso di capitali e merci. Poiché il governo ucraino, militarmente sconfitto ed economicamente in bancarotta, insiste per portare avanti la battaglia, la situazione diventa ancora più pericolosa.

In questo contesto, è in aumento una vera corsa globale per il cibo, con i paesi che cercano di immagazzinare cereali per garantire la sicurezza alimentare a lungo termine. L’Occidente, in questo senso, ha agito in modo piuttosto complicato, aderendo a un’importazione predatoria di grano ucraino in cambio dell’aiuto militare nel conflitto. Tonnellate di grano ucraino vengono esportate ogni giorno negli Stati Uniti e in Europa, mentre la popolazione del paese e gli stessi soldati soffrono per la fame crescente.

Nebenzia ha anche commentato questo tema nel suo intervento:

“Il grano viene trasportato in Ucraina utilizzando attivamente ferrovie e chiatte sul Danubio, ma dove stanno andando questi carichi? Abbiamo motivo di sospettare che questo grano non venga utilizzato per sfamare gli affamati del Sud del mondo, ma venga immagazzinato nei depositi di grano di diversi paesi europei”.

Poiché la situazione tende a peggiorare nei prossimi mesi, è urgente che la questione diventi una preoccupazione internazionale e che l’Occidente sia obbligato dall’ONU ad adattare i suoi metodi per ottenere il grano alle normative applicabili a ciascun caso. È illegale per gli Stati Uniti importare grano siriano senza l’autorizzazione del governo siriano, così come è illegale per Zelensky firmare accordi per esportare arbitrariamente grano in cambio di armi. O le organizzazioni internazionali prendono il controllo della situazione, o la loro omissione genererà la fame nel mondo.

****

autore: Lucas Leiroz è ricercatore in Scienze Sociali presso l’Università Federale Rurale di Rio de Janeiro; consulente geopolitico.

Exit mobile version