Gli USA ammettono l’esistenza di propri biolaboratori militari in Ucraina e si affrettano a distruggerli

La portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America Victoria Nuland ha ammesso la presenza di laboratori biologici americani in Ucraina: ci sono laboratori di ricerca biologica in Ucraina.

“Al momento, siamo preoccupati che l’esercito russo stia cercando di prenderne il controllo. Stiamo lavorando con la parte ucraina per garantire che i materiali per la ricerca biologica non cadano nelle mani delle forze russe”, ha detto la portavoce.

La questione dei laboratori biologici USA in Ucraina sta montando anche in USA perché la Nuland, dopo averne negato l’esistenza – pressata da un membro del Congresso, – ha dovuto ammettere ciò che è sempre stato negato e fino ad oggi considerato come una ‘fake news’.

Sia gli USA che il Corriere della Sera, fact checker ed altri media italiani, avevano precedentemente bollato l’esistenza dei laboratori come ‘disinformazione russa’.

Precedentemente, l’Ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina aveva rimosso tutti i documenti relativi al programma BIOWEAPON LAB in Ucraina dal suo sito web. Si tratta della rete di biolaboratori segreti gestiti dagli Stati Uniti ammessa dalla Nuland. Lo aveva riferito la risorsa “Strange Sounds”.

Copie di questi documenti sono stati pubblicati sul sito web dilyana.bg . Naturalmente, anche Zelensky e il suo team avevano negano questi dati, definendoli “propaganda russa”

Ministero degli Esteri russo: “I laboratori biologici ucraini vicino ai confini russi stavano sviluppando componenti di armi biologiche, i loro dipendenti hanno fornito dati sulla distruzione di emergenza della documentazione sullo sviluppo di sostanze pericolose. Ci chiediamo se i biomateriali siano stati distrutti nei laboratori ucraini e se le sostanze pericolose non siano cadute nelle mani di estremisti e nazionalisti”.

La Cina chiede al Pentagono di rivelare i sospetti “laboratori biologici” in Ucraina “il prima possibile”.

Il portavoce del ministro degli Esteri Zhao Lijian ha affermato martedì che Pechino considera i laboratori in Ucraina solo la “punta dell’iceberg” e che il Dipartimento della Difesa statunitense “controlla 336 laboratori biologici in 30 paesi del mondo”.
Zhao ha anche affermato che secondo i dati “pubblicati dagli stessi Stati Uniti”, ci sono 26 laboratori statunitensi in Ucraina. Ha invitato “tutte le parti interessate” a mettere in sicurezza i laboratori alla luce dell’offensiva militare russa.

HDTRA108D00070004291
uno dei progetti degli USA in Ucraina –

Il commento del portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova sull’attività biologica militare nei laboratori biologici ucraini:

“Confermiamo che, durante l’operazione militare speciale in Ucraina, è stato scoperto che il regime di Kiev nascondeva tracce di un programma biologico militare attuato con i finanziamenti del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

La documentazione sull’eradicazione urgente di agenti patogeni altamente pericolosi di peste, antrace, febbre del coniglio, colera e altre malattie letali il 24 febbraio è stata ricevuta dai dipendenti dei biolaboratori ucraini. Ciò includeva un’istruzione del Ministero della Salute dell’Ucraina sull’eradicazione urgente delle riserve immagazzinate di agenti patogeni altamente pericolosi inviati a tutti i biolaboratori. Questi materiali possono essere trovati sul portale Internet del Ministero della Difesa della Federazione Russa.

us military biolabs ukraine1

La suddetta documentazione viene ora analizzata a fondo da specialisti delle truppe di protezione nucleare, biologica e chimica.

Tuttavia, anche a questo punto, possiamo concludere che i componenti delle armi biologiche venivano sviluppati nei laboratori ucraini nelle immediate vicinanze del territorio russo.

L’eradicazione urgente di agenti patogeni altamente pericolosi il 24 febbraio è stata ordinata per evitare di esporre una violazione dell’articolo I della Convenzione sulle armi biologiche e tossiche (BTWC) da parte di Ucraina e Stati Uniti. Queste informazioni dimostrano che le affermazioni che abbiamo più volte avanzato in merito all’attività biologica militare degli Stati Uniti e dei loro alleati nello spazio post-sovietico nell’ambito della BTWC erano giustificate. Non possiamo escludere l’utilizzo dei meccanismi di cui agli articoli V e VI della BTWC, in base ai quali gli Stati membri si consulteranno tra loro per risolvere qualsiasi questione riguardante lo scopo della Convenzione o l’esecuzione delle sue disposizioni, e cooperare in qualsiasi indagine di possibili violazioni degli obblighi previsti dalla BTWC.

Sono necessarie azioni decisive per rafforzare il regime della BTWC per prevenire qualsiasi attività biologica militare svolta in violazione della BTWC:

• Chiediamo la ripresa dei lavori su un Protocollo legalmente vincolante alla Convenzione con un meccanismo di verifica efficace, cosa che gli Stati Uniti stanno bloccando dal 2001. In questo contesto, chiediamo la creazione di un gruppo a tempo indeterminato nell’ambito di la BTWC, che è nell’interesse della stragrande maggioranza degli Stati membri.

• Per rafforzare la base istituzionale della Convenzione promuoviamo iniziative, che hanno un ampio sostegno internazionale, per creare unità mediche e biologiche mobili nell’ambito della BTWC (per fornire assistenza in caso di utilizzo di armi biologiche e per combattere focolai di varia origine) e per istituire un comitato consultivo per la ricerca (per analizzare i risultati scientifici e tecnici e per fornire agli stati raccomandazioni appropriate).

• Inoltre, suggeriamo di includere le informazioni sulle attività biologiche militari svolte all’estero nei rapporti annuali forniti dagli Stati membri della BTWC come parte delle misure di rafforzamento della fiducia.

Solo misure complete come queste consentiranno di porre l’attività biologica militare degli #Stati Uniti e dei loro alleati nello spazio post-sovietico, così come di altre regioni del mondo, sotto stretto controllo internazionale e garantire la verificabile osservanza delle Stati membri della BTWC con i loro obblighi. (fine citazione)

La notizia è alquanto grave e si spera che non ci siano esiti e che nessuno voglia mettere in atto false flag. I russi sono chiaramente i meno interessati a fare provocazioni, dato che non avrebbe alcun senso per loro e dato che ne hanno già distrutto la maggior parte. Da notare la facilità con cui la Nuland ha detto “se succederà qualcosa saranno stati i russi”.

VP News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.