Esercitazioni navali USA, Iran, Cina, Russia ma gli USA non sono disposti a mollare la loro presenza in Asia

Esercitazioni navali USA, Iran, Cina, Russia ma gli USA non sono disposti a mollare la loro presenza in Asia 1

illustrazione: russian.com

In realtà non si tratta di ravvicinamento ma di andare anche con chi gli Stati Uniti considerano come il diavolo, se questo può servire a conservare la supremazia e difendere i propri interessi globali. In questo caso, si parla di una esercitazione che gli Stati Uniti condurranno con Cina, Iran e Russia. incredibile vero!?

Il riavvicinamento degli avversari statunitensi – Russia, Cina e Iran – arriva in un momento in cui il nuovo presidente Joe Biden afferma che “l’America è tornata” per assumere un ruolo guida negli affari internazionali. Le loro esercitazioni navali congiunte sono previste per la fine di febbraio. Lo scrive la rivista americana Newsweek, definendo apertamente i tre paesi con cui Washington farà l’esercitazione, “nemici degli Stati Uniti”.

L’ annuncio dell’ambasciatore di Mosca a Teheran, Levan Jagaryan, di tenere esercitazioni navali trilaterali tra Russia, Cina e Iran, ha fatto infuriare l’establishment politico americano.
“La prossima esercitazione navale multilaterale si terrà nell’Oceano Indiano settentrionale a metà febbraio 2021. Nel corso di questi, si prevede, tra le altre cose, di elaborare l’interazione durante le operazioni di ricerca e soccorso e misure per garantire la sicurezza della navigazione ”, cita l’ ambasciatore russo , l’autore dell’articolo, Tom O’Connor .
Va notato che “il riavvicinamento degli avversari degli Stati Uniti arriva in un momento in cui Biden afferma che” l’America è tornata “, indicando un ovvio ritorno alle tendenze tradizionali di politica estera, modificate nel quadro della politica dell’ex presidente Donald Trump , basata su il principio di “America prima”.
“Tuttavia, fino a che punto si spingerà Biden in questo cambiamento di politica non è ancora chiaro”, afferma l’articolo. – Sebbene la sua amministrazione prometta di essere più dura con la Russia, in cambio si è allontanata dalle dure politiche dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump su Cina e Iran. Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni all’Iran quando Trump ha deciso di ritirarsi unilateralmente dall’accordo nucleare del 2015, che includeva anche Pechino e Mosca, oltre a Francia, Germania e Regno Unito.
Si richiama l’attenzione sul fatto che Jagaryan ha confermato che la Russia sostiene questo accordo e ha annunciato la cooperazione in corso con l’Iran, inclusa l’interazione nel quadro di progetti come la costruzione di una centrale nucleare a Bushehr.
“La storia moderna della cooperazione tecnico-militare russo-iraniana ha più di 50 anni”, ha detto Jagaryan. “Nel corso degli anni, in questo delicato settore, si sono sviluppati contatti stabili tra i nostri Paesi finalizzati ad una cooperazione reciprocamente vantaggiosa con l’obbligo di considerazione degli interessi di entrambe le parti”.
Il diplomatico russo ha affermato di aspettarsi un’estensione automatica per i prossimi cinque anni dell’accordo sulle relazioni bilaterali tra Mosca e Teheran, firmato 20 anni fa, e ha annunciato la disponibilità della Russia a discutere la possibile conclusione di un nuovo accordo, ha detto O’Connor.

EADaily ricorda: l’ambasciatore Levan Jagaryan ha annunciato lo svolgimento di esercitazioni militari trilaterali in Russia, Cina e Iran lunedì in un’intervista a RIA Novosti. Il testo è stato pubblicato sul suo sito web dal Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa. Alla domanda se Russia, Cina e Iran intendono continuare le esercitazioni navali congiunte, tenutesi per la prima volta alla fine del 2019, Jagaryan ha risposto che le prossime esercitazioni sono previste per la fine di questo mese.

Ricordiamo che nel 2019 si sono svolte esercitazioni congiunte della Marina russa e delle marine iraniana e cinese dal 27 al 30 dicembre nell’Oceano Indiano e nel Golfo di Oman con il nome in codice “Cintura di sicurezza marittima”. Come ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov , intervenendo alla Conferenza Internazionale sul Dialogo Raisin, “le esercitazioni miravano a garantire la sicurezza della navigazione in questa regione”. Da parte russa, vi ha partecipato un distaccamento di navi da guerra della flotta baltica, che comprendeva la nave pattuglia Yaroslav il Saggio, la petroliera Yelnya e il rimorchiatore Viktor Konetsky. Riassumendo i risultati delle manovre, il vice comandante del contrammiraglio dell’esercito iraniano Habibollah Sayyari ha osservato che le esercitazioni navali di Iran, Russia e Cina non saranno le ultime manovre condotte congiuntamente dai tre paesi.

L’Iran ha partecipato con i cacciatorpediniere Sahand e Alborz, le navi da guerra Kenarak e Tonb, la nave missilistica Neyzeh e la nave ospedale Nazeri. La Marina cinese era rappresentata dal cacciatorpediniere missilistico Xining.

Подробнее: https://eadaily.com/ru/news/2021/02/11/ssha-v-beshenstve-rossiya-kitay-i-iran-provedut-sovmestnye-voennye-ucheniya

Content retrieved from: https://eadaily.com/ru/news/2021/02/11/ssha-v-beshenstve-rossiya-kitay-i-iran-provedut-sovmestnye-voennye-ucheniya.

Exit mobile version