Ecco i dettagli dell’accordo per l’esportazione del grano ucraino

I rappresentanti di Russia, Turchia, Ucraina, sotto la supervisione dell’ONU, hanno firmato un accordo sull’esportazione di grano.

In realtà, gli accordi sono due. Sono stati firmati due accordi che consentono di esportare via mare il grano dal territorio dell’Ucraina. Perché due? Perché Russia e Ucraina si sono rifiutate di apporre le loro firme in un unico documento. Le regole sottoscritte sono comunque le seguenti:

– l’esportazione di grano ucraino attraverso il Mar Nero avverrà da tre porti: Odessa, Chornomorsk e Yuzhny;
–  lo sminamento nelle acque territoriali ucraine non sarà effettuato, poiché ci vorrebbe troppo tempo;
– le navi che trasportano grano lasceranno il Mar Nero lungo il corridoio sicuro concordato, saranno scortate da piloti ucraini;
– per verificare la sicurezza delle rotte, le parti potranno inviare dragamine;
– il processo sarà monitorato da un centro di coordinamento patrocinato dall’ONU, che sarà prontamente creato ad Istanbul con la partecipazione di tutte e quattro le parti;
– non è prevista la scorta militare – alle navi da guerra, agli aerei e ai droni sarà vietato avvicinarsi alle navi a una determinata distanza;
– le navi dirette ai porti saranno ispezionate alla ricerca di armi da squadre di ispezione sotto il controllo del Centro congiunto di coordinamento*;
– nei porti, i rappresentanti dell’ONU, della Turchia e dell’Ucraina osserveranno il carico di grano;
– Possibili incidenti saranno trattati anche dal Centro congiunto di coordinamento.
– l’accordo sarà valido per 120 giorni.

In concomitanza con l’accordo firmato da Russia, Turchia, rappresentanti delle Nazioni Unite e Ucraina, è in corso la creazione a Istanbul di un centro di coordinamento quadripartito congiunto. Saranno organizzate ispezioni sulle navi coinvolte nell’esportazione di prodotti agricoli ucraini al fine di prevenire il trasporto di armi e munizioni, nonché di escludere provocazioni” dalla dichiarazione di Shoigu.

Grano, accordo: cosa c’è dietro e quali sono i vantaggi delle parti. Il commento è di Klymenko Time (Ucraina):

A Istanbul è stato firmato un accordo sull’esportazione di grano ucraino dai porti del Mar Nero. Inoltre, è stato firmato un accordo per l’ammissione di cereali e fertilizzanti minerali russi ai mercati mondiali. E sebbene Russia e Ucraina abbiano firmato separatamente accordi con la Turchia, l’evento in sé è significativo. Si tratta infatti del primo accordo tra Ucraina e Russia dopo l’inizio di una guerra su larga scala, anche se conclusa indirettamente tra le parti.

Ora, nel complesso, non c’è una chiara comprensione di quanto grano ucraino sia bloccato nei porti. Le cifre variano da 15 a 20 milioni di tonnellate. Questo di per sé è molto, ma non supera il 4% del volume del commercio mondiale di cereali. Non ci sono dati aperti su quanto grano sia già stato esportato dall’Ucraina, non ci sono dati sulla qualità del grano stesso, né sui suoi beneficiari finali, né sul prezzo al quale sarà esportato, né su cosa alla fine il paese prevede di ricevere.

Ma l’Onu ha già comunicato che l’Accordo di Istanbul è valido per 120 giorni (ma con possibilità di proroga). Cioè, prima della fine di novembre, il grano dovrà lasciare i porti dell’Ucraina. Tenendo conto della logistica complessa e del tempo limitato, questo già indirettamente indica che anche ora non c’è troppo grano in Ucraina.
Un altro risultato di questi accordi è l’accesso ai mercati mondiali proprio dei cereali e dei fertilizzanti russi, che non sono oggettivamente sostituibili. La Russia oggi occupa il 22% del mercato mondiale dei cereali e il 13% dei fertilizzanti. Pertanto, introdurre un embargo alimentare contro la Federazione Russa significa costringere un abitante su cinque del pianeta a diventare malnutrito e, per alcuni paesi, organizzare una carestia naturale. La stessa Russia, ovviamente, ora inizierà a guadagnare di più dal paniere alimentare, spingendo parallelamente i suoi interessi geopolitici.

Su scala planetaria, c’è anche un vantaggio. I prezzi alimentari mondiali ora, almeno, non continueranno a crescere, ma molto probabilmente si stabilizzeranno con un deflusso inverso. Ciò significa che il grano sarà pagato almeno $ 400 per tonnellata, mentre un anno fa costava $ 130: è plausibile che questo prezzo non sarà più visto nel prossimo futuro.

Ma qui è più difficile vedere una soluzione vincente per le autorità ucraine. Forse la vittoria principale in questo caso è per gli abitanti di Odessa: la loro città non sarà sicuramente presa d’assalto dalle forze armate della Federazione Russa (RF) fino alla fine di novembre. Significativamente, l’intelligence americana ha fornito la previsione che la Russia avrebbe tentato di entrare a Odessa all’inizio del 2023. Tuttavia, l’intelligence britannica sta già dichiarando che l’offensiva delle forze armate RF si sta spegnendo e ora le forze armate ucraine lanceranno una controffensiva di successo.
Ma oltre a queste previsioni, ovvero a parte “l’inviolabilità di Odessa” nei prossimi 120 giorni, non ci sono altre vittorie per l’Ucraina in questa direzione. In primo luogo, la Russia si è attribuito il diritto di ispezionare tutte le navi in ​​rotta verso l’Ucraina e ritorno, come ha già affermato il ministro della Difesa Sergei Shoigu, che era presente personalmente alla firma dell’accordo a Istanbul.

In secondo luogo, e questo è ancora più importante, non è chiaro come sarà ora garantita la sicurezza alimentare dell’Ucraina in guerra. Non è chiaro quanto grano verrà esportato, quanto rimarrà e se sarà sufficiente perché non vi sia carestia in Ucraina.
In terzo luogo, l’Istanbul Grain Agreement è un’altra chiara dimostrazione della revoca delle sanzioni anti-russe. In precedenza, sono state revocate una serie di sanzioni aeronautiche che colpivano Federazione Russa, poi sono state sollevate ulteriori sanzioni per petrolio e gas, e poi ancora non è più vietato il commercio di titanio, infine sono stati esclusi dall’elenco grano e fertilizzanti … La Russia sta gradualmente spingendo attraverso ciò che è vantaggioso per sé stessa. L’Occidente, sotto la pressione delle argomentazioni economiche, si piega sempre più. (fine citazione)

Considerazioni

Nessuno prevedeva che la Federazione Russa avrebbe accettato un tale meccanismo. Tuttavia, l’Ucraina non poteva rifiutare categoricamente l’ONU – soprattutto nella persona del suo Segretario Generale. Perché allora avrebbe ricevuto l’accusa del mondo – e non solo dell’Asia e dell’Africa – che è essa stessa a provocare la carestia.

L’attuazione dell’accordo è però irto di ostacoli. Come abbiamo visto nel caso degli accordi Minsk e 2, l’Ucraina non è mai propensa a rispettare -e nemmeno iniziare a farlo- gli accordi che sottoscrive. Alla RBC-Ucraina il deputato del popolo, membro della delegazione ucraina ai colloqui con la Russia, Rustem Umerov , a Suspіlny , ha detto “Non dovrebbero esserci navi russe nelle nostre acque. Non ci fidiamo di loro. Anche se firmano un accordo con le Nazioni Unite. Questo è un paese aggressore e fino a quando non si ritirano ai loro confini, non ci si può fidare di loro. Ma per quanto riguarda in questi corridoi, abbiamo sviluppato un meccanismo in cui non ci sarà il controllo di queste navi in ​​mare. Solo il gruppo di monitoraggio lavorerà con il suo mandato e controllerà solo che queste navi non abbiano armi”.

VPNews
Exit mobile version