Cosa non va nella scienza di oggi, e come riportarla alla sua grandezza?

Dati secretati e problemi irrisolti, discriminazione per chi non accetta dati molto ‘liquidi’ ed il contraddittorio, influenze nei governi e risultati scientifici che vogliono essere come una religione: tutto questo è lontano dalla Scienza. Eppure il presidente della Repubblica, e tutti gli esperti scelti dicono che è tutto a posto. Ma in un mondo in cui nulla è a posto, perché il senso della vita umana è giornalmente tradito, nulla è a posto. Quello che segue è un semplice ma efficace ragionamento del blogger Alexander Rozov.

Ragionamento di un semplice bidello sulla secolarizzazione della scienza.

Il problema si riduce più o meno a quanto segue:

L’utile lavoro degli scienziati consiste nel produrre conoscenze che possono essere convertite in tecnologie, il cui uso migliora il benessere delle persone, amplia le loro capacità e apporta specifici benefici pratici. Di nient’altro ha bisogno della scienza. Gli scienziati, ovviamente, possono fare qualcos’altro nelle loro università (come cercare la verità e le risposte a domande vitali), ma la società è indifferente a questo. È come il lavoro di un bidello: la società lo paga per la pulizia delle strade. Il custode, ovviamente, può fare qualcos’altro nella stanza del suo custode (come la floristica), ma questo è indifferente alla società.

La scienza nel 19° secolo e gran parte del 20° secolo ha fatto quello per cui era pagata e, grazie a ciò, il benessere materiale delle persone è cresciuto rapidamente sotto tutti gli aspetti, ma alla fine del 20° secolo è apparso una sorta di marciume: la situazione richiede un controllo ragionevole delle conquiste di sviluppo della scienza. L’uomo è costretto a fare un passo verso la natura, a mettersi allo stesso livello con essa, a cambiare la sua coscienza. L’Homo sapiens deve rendersi conto di non essere il re della natura, ma solo una parte di essa.

Le persone certamente non supportano la scienza affinché dica loro come stare allo stesso livello di corvi, mucche e alberi. Le persone supportano la scienza proprio per l’opposto.

La scienza nel XXI secolo è quasi un completo marciume ideologico. Gli scienziati hanno sostanzialmente rinunciato al futuro della loro professione, e semplicemente elaborano borse di studio, emettendo freeklam [spesso non si inventa niente ma si commercializza mettendo insieme conoscenze già acquisite per farne una nuova disciplina] e vendendolo come “risultato scientifico”, ovvero qualsiasi assurdità che piaccia al cliente. Di conseguenza, il confine tra uno scienziato utile e un creatore di freeklam è stato completamente cancellato.
La scienza smette gradualmente di risolvere i problemi reali delle persone, inventando invece minacce immaginarie e creando problemi artificiali.

Di conseguenza, i rappresentanti della cosiddetta generazione di millennial stanno perdendo salute più velocemente dei loro predecessori, secondo il rapporto della Federation of American Independent Insurers Blue Cross Blue Shield Association. I millennial, o Generazione Y, sono persone nate nel 1981-1996 La salute dei millennial si sta deteriorando più rapidamente rispetto alle generazioni precedenti e il tasso di mortalità potrebbe aumentare notevolmente nel prossimo futuro.

Per la prima volta in 150 anni in un paese sviluppato, la generazione successiva era meno sana e meno prospera della precedente. Questa è una chiara indicazione della svolta della scienza e del progresso.

Perché chiunque può capire che bisogna separare la scienza da risultati finti che hanno come orizzonte il profitto mentre le stesse istituzioni scientifiche non sono in grado di farlo?

Proviamo a capire perchè:

Prima di tutto è necessaria la totale deregolamentazione della scienza. Perché tutti i controllori del traffico si sono rivelati truffatori, ladri e idioti, questo è un dato di fatto.

Perciò si richiede:

– di rimuovere tutti i divieti e restrizioni (tranne quelli che sono imposti a qualsiasi attività basata su banali requisiti di sicurezza),
– di abolire ogni forma di impresa sul diritto d’autore e sui brevetti industriali, compreso il divieto di acquisto di invenzioni per motivi di ritiro e “sepoltura in archivio” .
– liquidare tutti i ministeri nazionali e i comitati internazionali sulla scienza (o presumibilmente basati sulla scienza) e tutti i programmi centralizzati di finanziamento della scienza,
– privare tutte le fondazioni private/non governative che presumibilmente finanziano la scienza di tutti i privilegi finanziari.

Anche in questo caso la domanda è: chi finanzierà la vera scienza?

La risposta è semplice: sarà almeno chi finanzierà l’ingegneria – come strumento praticamente utile per le tecnologie dei materiali.
È fondamentale che la scienza diventi ingegneria scientifica (ingegneria della conoscenza scientifica) comprensibile come lo erano le scienze naturali alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo.
È necessario restituire un principio chiaro, noto fin dai tempi degli Enciclopedisti del XVIII secolo. La conoscenza riguarda solo la natura e si realizza solo in tecnologie specifiche. Tutto il resto non è conoscenza, ma spazzatura di cui le persone non hanno bisogno, e spesso anche dannose.

Uno scienziato è un vero scienziato solo quando può spiegare il suo campo di studio al grande pubblico con un’istruzione scolastica decente.

Uno scienziato è un vero scienziato solo quando è in grado di costruire una chiara catena composta da sette anelli:

1. Idea scientifica
2. Formulazione di un’ipotesi
3. Verifica sperimentale di un’ipotesi
4. Correzione di un’ipotesi
5. Formulazione di un’ipotesi scientifica e teoria applicata
6. Tecnologia costruita su una teoria scientifica e applicata
7. Applicazione pratica nella pratica socioeconomica, che apporta benefici materiali specifici a una cerchia illimitata di persone.

Una piccola ma importantissima aggiunta. La scienza (reale) come l’arte (reale) richiede una grande quantità di romanticismo e curiosità avventurosa. Niente funzionerà senza questo. È in questa fase che può funzionare la completa deregolamentazione della scienza, che consente:

– agli scienziati (veri, anche dilettanti) – di impegnarsi in qualsiasi pratica scientifica in qualsiasi luogo, per mezzo di eventuali fondi raccolti, e con la pubblicazione integrale delle proprie azioni al fine di ricevere donazioni dal pubblico interessato.
– alla società (ad ogni persona specifica) – di partecipare in modo economico o in altro modo alla generazione di nuove conoscenze scientifiche, anche solo per curiosità.

In un certo senso, tale requisito dei sette anelli è uno schema per la secolarizzazione della scienza (cioè la separazione della scienza reale dalle scienze umane e da altre sciocchezze quasi religiose).
In questo modo, la scienza può essere resa grande di nuovo.

Prevedo l’obiezione “chi lo permetterà”? E questa è una questione politica, che va oltre lo scopo di questo articolo. Ed è molto importante stabilire il principio: la struttura della scienza nella società è una questione politica, e non un’altra.

da uno elaborato di Alexander Rozov 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.