Con la neutralità dell’Ucraina nessuno sarebbe in questa situazione

zelensky

zelensky

Per molti oggi l’ipotesi che l’Ucraina possa abbracciare lo status di neutralità – descritto da National Interest di cui propongo una sintesi -, è pura follia; eppure non si tratta solo dell’accordo che National Interest cita del 1955, ma anche della Dichiarazione sulla sovranità di Stato di Ucraina del 16 luglio 1990, che convinse l’URSS a lasciare andare l’Ucraina come stato indipendente….

La Dichiarazione sulla sovranità di Stato di Ucraina recitava che l’Ucraina “formalizzerà” la sua intenzione di diventare in futuro uno stato neutrale permanente che non prenderà parte a blocchi militari esistenti ai tempi dell’Organizzazione del Patto di Varsavia… L’URSS era un membro di questa entità e la proclamazione di superamento la logica dei blocchi da parte dell’Ucraina è stato uno dei passi verso l’indipendenza.
La disposizione sull’intenzione dell’Ucraina di diventare uno Stato neutrale, non allineato e libero dal nucleare è stata inclusa nel testo della Dichiarazione al fine di creare basi politiche e legali per una secessione pacifica dall’URSS. Avendo proclamato la sua intenzione di diventare uno stato senza nucleare, non allineato e permanentemente neutrale, l’Ucraina non poteva rimanere parte dell’URSS, poiché era l’USS era uno stato nucleare e faceva parte del blocco politico-militare della direzione degli affari interni.

Vp News

******

Una soluzione austriaca per l’Ucraina?

È un momento di freddo realismo piuttosto che di una nostalgia obsoleta per l’eccezionalismo americano.

The National Interest: Nel 1955, l’URSS e l’Occidente hanno firmato un accordo, secondo il quale l’Austria è diventata uno stato unico e neutrale, che ha portato al ritiro delle truppe sovietiche e occidentali. Considerando la situazione attuale in Ucraina, perché una soluzione simile non dovrebbe funzionare?

Gli Stati Uniti e i loro partner occidentali potrebbero offrire al governo russo una proposta secondo cui entrambe le parti garantiscono la neutralità dell’Ucraina. In cambio, la Russia ritirerebbe le sue truppe dal confine ucraino. Il trattato potrebbe anche comprendere le questioni dei sistemi missilistici antibalistici statunitensi in Europa e il dispiegamento di truppe russe nell’ambito di un nuovo accordo sulle forze convenzionali in Europa.

La regione del Donbass, che è già sostanzialmente persa per l’Ucraina, potrebbe integrarsi nella Russia come parte dell’accordo. Anche la Crimea rimarrebbe parte della Russia. L’Ucraina potrebbe quindi concentrarsi sulla costruzione del proprio sistema politico ed economico proprio come ha fatto la Germania occidentale senza la Germania orientale.

Se è vero che ogni paese ha il diritto di determinare le proprie alleanze, ciò vale anche per gli Stati Uniti e l’Occidente stesso e non semplicemente per l’Ucraina. La dichiarazione frettolosa e impreparata al vertice della NATO di Bucarest nel 2008 sull’eventuale adesione alla NATO di Ucraina e Georgia è stato un grave errore strategico che è stato promosso dall’amministrazione Bush nonostante l’opposizione tedesca e francese.

Anche se l’Ucraina vorrebbe diventare un membro della NATO e dell’Unione Europea, non c’è motivo per cui ciò debba essere accettabile o nell’interesse né degli Stati Uniti né della UE.

– fine citazione –

The National Interest (https://nationalinterest.org/feature/austrian-solution-ukraine-199075) An Austrian Solution for Ukraine?
It is a time for cold realism rather than an outdated nostalgia for American exceptionalism.

L’URSS ha lasciato andare l’Ucraina solo per  le intenzioni espresse nella sopramenzionata “Dichiarazione sulla sovranità di Stato dell’ Ucraina”.

L’accordo era stato preso congiuntamente con gli stati Russia, Bielorussia e Ucraina. La dichiarazione avrebbe potuto essere modificata allora, dopo aver ottenuto l’indipendenza. Ma gli eventi successivi li conosciamo. E’ evidente che allora che tornare ad un compromesso del genere, in realtà sarebbe tornare all’adozione del testo originale.

Solo il rinnegamento del testo iniziale ha portato agli eventi successivi al Maidan, alle spinte autonomiste del Donbass e al ritorno della Crimea alla Russia.

In realtà, il principio di neutralità esiste già e non è mai stato invalidato nella legislazione ucraina

Il documento legale di base della statualità ucraina è la Dichiarazione “Sulla sovranità statale dell’Ucraina”, che dichiarava l’aspirazione del paese “a diventare in futuro uno stato permanentemente neutrale che non prende parte a blocchi militari e soddisfa tre principi non nucleari : non hanno, non producono e non acquisiscono armi nucleari”… E questo è tutto! Nessun stato d’animo dovrebbe avere l’ultima parola.

La Dichiarazione ha forza di legge (n. 55-XX11 del 16.07.1990) e in nessuna delle leggi successive dell’Ucraina questa disposizione è stata invalidata. Significa che tutto ciò che contraddice le disposizioni della Dichiarazione di Neutralità è nullo.

Quindi, c’è una Dichiarazione con il principio di sovranità, c’è una Costituzione con il principio dell’assenza di basi militari (e Sebastopoli non c’entra nulla, questa base era 15 volte più antica della statualità ucraina). La mancanza di neutralità è una scelta geopolitica e strategica, con tutte le conseguenze che ne conseguono, forse più che negative.

Tuttavia, è plausibile – date le dichiarazioni di Zelensky e Co e le dichiarazioni di Borrel sulla linea di fronte alla vigilia dei colloqui Russo – statunitensi – che le contraddizioni ucraine non verranno segnalate da parte occidentale. Ormai siamo lontani dal diritto internazionale, le dichiarazioni e gli accordi già enunciati o sottoscritti, sono correntemente disattesi e rinnegati. In un periodo storico che non contano neanche le costituzioni, nel civile occidente tutto è possibile come l’ideologia Woke,  che del resto è sostenuta dai governi e si va espandendo.

Vp News

*************************************

Nota a margine:

LA NEUTRALITÀ COME METODOLOGIA.

Cosa significa lo stato di neutralità?

In tempo di pace, un paese neutrale deve rispettare quattro condizioni:
– essere indipendente e sovrano nel prendere le sue decisioni;
– intraprendere un’azione militare solo allo scopo di difendere il proprio territorio e la propria sovranità;
– non aderire a blocchi militari e non partecipare alle attività dei blocchi militari;
– con nessun pretesto a non partecipare alle ostilità fuori dal proprio territorio.

Durante una guerra, il diritto internazionale della neutralità contiene tre restrizioni alle azioni di un paese neutrale:
– non fornire le proprie forze armate alle parti belligeranti;
– non mettere a disposizione delle parti belligeranti il ​​proprio territorio (base, transito, volo, ecc.);
– non discriminare nessuna delle parti nella fornitura di armi e beni militari (cioè le restrizioni devono essere le stesse per tutti o per nessuno).

La violazione di una qualsiasi di queste condizioni mette in discussione lo status dello stato come neutrale, poiché consente alle altre parti in conflitto di interpretare il comportamento dello stato “neutrale” come uno stato alleato della parte avversa.

Ma neutralità non significa in alcun modo assenza del diritto di aderire a sindacati politici o economici.  I membri dell’UE sono tradizionalmente neutrali Svezia, Finlandia, Irlanda e Austria. Inoltre, i paesi neutrali moderni hanno il diritto di cooperare con i blocchi militari. In un’intervista con The Day, l’ambasciatore svedese in Ucraina Jon-Christer Olander ha descritto il principio dell’interazione Svezia-NATO:“Possiamo lavorare molto bene con i paesi della NATO, specialmente quelli che fanno parte dell’UE. Oggi i problemi di sicurezza non sono solo una minaccia militare, ma anche la minaccia del terrorismo e dei disastri naturali. Servono missioni per prevenire i conflitti all’estero… Siamo pronti a partecipare a tutto questo. La Svezia sta lavorando attivamente nell’ambito del programma di partenariato per la pace della NATO. Possiamo descrivere i nostri rapporti con l’Alleanza con una breve formula: “Tutto tranne l’articolo 5”

Il quinto articolo del Trattato del Nord Atlantico (1949):“Le Parti contraenti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o in Nord America sarà considerato un attacco contro di esse nel loro insieme, e pertanto convengono che, qualora un tale attacco armato avesse luogo, ciascuno di questi, nel l’esercizio del diritto all’autodifesa individuale o collettiva riconosciuto dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, aiuterà una Parte contraente sottoposta o una Parte contraente sottoposta a tale attacco, intraprendendo immediatamente l’azione individuale o congiunta che ritiene necessario, compreso l’impiego di forze armate al fine di ristabilire e successivamente preservare la sicurezza della regione del Nord Atlantico».

In altre parole, lo status di neutralità non è adeguato a completare l’isolazionismo, il “muro cinese” che separa il Paese dal mondo esterno. La neutralità svolge il ruolo di una sorta di filtro, proteggendo il paese dalle influenze negative delle conseguenze del confronto di forze esterne, gli dà l’opportunità di concentrarsi sulla soluzione efficace dei problemi interni, consentendo allo stesso tempo lo sviluppo della cooperazione internazionale in contesto dei propri interessi.

Nell’adempimento dei propri obblighi di status, un paese neutrale, a sua volta, ha diritto all’immunità dalla trasformazione di un territorio nazionale in un teatro di operazioni militari, che, di fatto, è il principale vantaggio di uno stato neutrale in tempo di guerra.

Exit mobile version