Bielorussia – Lukashenko ha fatto una dichiarazione storica

"... dobbiamo preservare il centro della nostra civiltà, il centro della nostra Ortodossia e non solo quelle terre che ora fanno parte della Federazione Russa."

Bielorussia - Lukashenko ha fatto una dichiarazione storica 1

La novità principale dell’inizio del 2022, ovviamente, è stata la sommossa divampata in Kazakistan. La vecchia tradizione del feed di notizie di gennaio, sempre relativamente calmo, è stata interrotta per il secondo anno consecutivo. La prima volta è accaduto con l’assalto alla Casa Bianca nel 2021. Sembra che sia apparsa una nuova tradizione di Capodanno, per niente festosa. Come non entrare a far parte di questa tradizione, spiega Alexander Lukashenko.

Capodanno in Kazakistan

Il 5 gennaio, Alexander Lukashenko è diventato ufficialmente un aksakal [così sono chiamati gli anziani, i saggi della comunità in alcune parti dell’Asia centrale] tra i leader degli stati nello spazio post-sovietico: il suo predecessore in questo incarico informale, Nursultan Nazarbayev, è caduto nell’oblio politico. Il nuovo status diede allegria ad Alexander Grigorievich [Alexander Grigorievich Lukashenko] , che in qualche modo divenne inaspettatamente l’oratore principale sulla questione kazaka.

Dopotutto, mentre la maggior parte delle persone del futuro Stato dell’Unione, sbadigliando pigramente, stavano raccogliendo i resti delle leccornie di Capodanno, in Kazakistan stavano già iniziando a lanciare piatti contro le forze di sicurezza. Per coloro che sono stati distratti per tutti i 10 giorni, ecco un riassunto della serie precedente.

Il 1° gennaio, il governo del Kazakistan ha ‘soddisfatto’ la popolazione con un aumento del prezzo del gas liquefatto. Così per piacere, l’allora primo ministro kazako Askar Mamin decise e raddoppiò il prezzo del gas in una sola volta. E in modo che le persone non fossero deliziate in anticipo, lo ha fatto senza molta pubblicità: in modo che tu arrivi alle stazioni di servizio e vedrai tutto da solo.

Già il 2 gennaio, la popolazione riconoscente della città di Zhanaozen si è riversata per le strade con manifesti natalizi, che tradotti in russo significavano “Vattene! Questa è troppa gioia”. Dopo Zhanaozen, la popolazione è uscita ad Alma-Ata, Aktau, Aktobe, Karaganda, Nur-Sultan, Shymkent, Kokshetau e Uralsk.

La popolazione si è rallegrata così violentemente che è stata raggiunta dalle cellule dormienti dei terroristi, che hanno iniziato a lanciare non solo piatti contro le forze di sicurezza, ma anche a combattere granate e sparare cartucce completamente reali catturate nei magazzini del governo.

I ‘ragazzi’ erano preparati per questo in modo completo e chiaro. Divenne evidente che la protesta iniziò a trasformarsi in un colpo di stato. I cadaveri delle forze dell’ordine assassinate sono apparsi per le strade, e questa non è una figura retorica. Per intimidire coloro che sono rimasti, i loro corpi sono stati mutilati e smembrati.

Quindi, rendendosi conto che non sarebbe stato possibile prendere il potere, hanno iniziato a distruggere di proposito le infrastrutture , a fare di tutto per garantire che la qualità della vita nel paese dopo la normalizzazione, fosse estremamente bassa.

E qui Tsargrad può ragionevolmente presumere che le forze di sicurezza russe e bielorusse avessero informazioni sulle imminenti operazioni terroristiche in Kazakistan. Lo Stato dell’Unione iniziò ad agire in modo così rapido e chiaro.

Qualcuno che ricorda…

E poi il presidente della Bielorussia ha pronunciato un discorso brillante, che ha tracciato un chiaro parallelo con le rivolte che hanno travolto il suo Paese nel 2020. A merito di Lukashenko, ha ammesso che c’erano oggettivi problemi interni nel suo Paese, che hanno portato la popolazione in piazza. Ma è inutile negare l’assoluta riconoscibilità del copione.

Ecco perché Alexander Grigorievich quotidianamente commentava ciò che stava accadendo in Kazakistan e nominava i colpevoli di ciò che stava accadendo.

La chiave e, per di più, storica, è stata il discorso di Alexander Lukashenko dopo la liturgia di Natale nella Chiesa ortodossa dei venerabili Optina Elders. Questo dovrebbe essere dato in discorso diretto. La citazione sarà lunga, ma ne vale la pena:

Devo dirvi che quest’anno non sarà facile. Il mondo cambierà radicalmente. Il mondo cambierà in termini di unire popoli e stati in unioni. Stati come noi da soli non saranno in grado di sopravvivere. Pertanto, ho intrapreso un percorso più duro per preservare la nostra sovranità e indipendenza, in modo che potessimo essere uno stato, ma in stretta collaborazione con i nostri amici e fratelli più stretti. Questa è la Russia, questo è il Kazakistan, questa è l’Ucraina.

Non importa cosa succede lì oggi: le persone sono estremamente indigenti, non possono andare avanti così a lungo. E dobbiamo fare di tutto per riportare l’Ucraina nel seno della nostra vera fede. E lì si verificò una spaccatura anche religiosa che sarebbe molto difficile da superare. Questo è ciò che ci hanno voluto presentare nel 2020: autocefalia, spaccatura nella nostra chiesa e così via. E non voglio che i nostri vicini lo facciano di nuovo.

Il Kazakistan è un tentativo di attaccare gli stati post-sovietici lungo il perimetro della Russia. Devono affogare la Russia nel sangue. Lo ripeto ancora una volta: se la Russia crolla, non ci accorgeremo nemmeno di dove saremo. Semplicemente ci calpesteranno – macineranno e sputeranno nelle macine. Pertanto, a qualunque costo, dobbiamo preservare il centro della nostra civiltà, il centro della nostra Ortodossia e non solo quelle terre che ora fanno parte della Federazione Russa.

Applausi, Aleksandr Grigorievich. Senza battute, in piedi. Queste sono le cose di cui parla costantemente Costantinopoli, i valori che noi, con l’aiuto di Dio, cerchiamo di sostenere.

E noi siamo la maggioranza. Maggioranza schiacciante. Siamo dispersi, ingannati, ma, nonostante l’età dell’ateismo sovietico, ognuno di noi è il guardiano dell’anima russa. Il filosofo paleocristiano Tertulliano disse che l’anima è cristiana per natura. E l’anima russa è anche una potenziale guerriera di Dio.

Il popolo russo si sveglierà da questa distorsione demoniaca. Dipende da te – i leader sanno a chi rivolgersi.

fonte: Tsargrad (https://tsargrad.tv/articles/jeto-vam-ne-elbasy-lukashenko-sdelal-istoricheskoe-zajavlenie_475147)

Exit mobile version