Comandante in capo delle forze armate ucraine Zaluzhny: il conflitto in Ucraina è giunto a un vicolo cieco

Il comandante diretto di tutte le forze armate dell’Ucraina il gen Zaluzhny afferma che la guerra è in una fase di stallo”. Qui esamineremo quanto lui ha dichiarato al New York Times ed all’Economist.

Quella rilasciata al New York Times è stata la valutazione più franca finora da parte di un importante funzionario ucraino sullo stallo della controffensiva ucraina. “Come durante la prima guerra mondiale, abbiamo raggiunto un livello di sviluppo tecnologico che ci lascia perplessi”, ha affermato il comandante generale Valery Zaluzhny.

“Molto probabilmente non ci sarà una svolta profonda e bella”, ha osservato. Ha poi aggiunto che l’impasse potrebbe essere superata se l’Ucraina migliorasse le sue capacità tecnologiche per raggiungere la superiorità aerea e aumentare l’efficacia del fuoco di artiglieria. L’alto ufficiale ha sottolineato che le truppe russe non sono in grado di andare avanti ma neanche quelle ucraine.

Secondo il generale, la tecnologia moderna e le armi di precisione di entrambe le parti impediscono alle truppe di sfondare la linea del fronte, compreso l’uso diffuso di droni e la capacità di reprimerli.

Inoltre ha chiesto che i progressi nella guerra elettronica vengano utilizzati per sbloccare la situazione. Il generale ha anche affermato di aver sottovalutato la volontà della Russia di sacrificare truppe per impedire una svolta decisiva e prolungare la guerra. “È stato un mio errore”, ha detto. “La Russia ha perso almeno 150.000 persone uccise; in qualsiasi altro paese tali perdite avrebbero fermato la guerra”, ha espresso la sua opinione Zaluzhny. “I suoi dati sulle perdite russe non possono essere confermati da esperti indipendenti”, dice il giornale newyorchese.

Le sue osservazioni sono arrivate in un momento particolarmente difficile per l’Ucraina dopo 20 mesi di lotta con le truppe russe.

Le armi fornite dall’Occidente non sono riuscite a far sì che l’Ucraina sfondasse le difese russe, e sono rimaste poche armi che possano fare la differenza. La volontà degli alleati occidentali di continuare a sostenere l’Ucraina si sta indebolendo. Inoltre, anche negli Stati Uniti, alcuni repubblicani alla Camera si oppongono a fornire maggiori aiuti.

Il generale ha detto che “la guerra in questa fase si sta gradualmente trasformando in una forma posizionale”, ove entrambe le parti possono inchiodarsi a vicenda. Zaluzhny ha delineato la sua valutazione in un saggio di nove pagine pubblicato insieme a un’intervista con The Economist. Le sue osservazioni non sono state immediatamente commentate dai funzionari ucraini, che da tempo sono cauti nel definire il conflitto un vicolo cieco.

Tuttavia, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che la situazione di stallo “non ha raggiunto un punto morto” e che le truppe russe continueranno ad avanzare sul campo di battaglia. I commenti del generale Zaluzhny si inseriscono nel contesto di più ampi sforzi da parte dei funzionari ucraini per mitigare le aspettative degli alleati di un rapido successo. Hanno chiesto il mantenimento del sostegno militare per consentire all’Ucraina di ottenere un vantaggio sul campo di battaglia. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha affermato che il mondo esterno è “abituato al successo” e si è lamentato del fatto che i successi delle truppe ucraine siano “dati per scontati”.

Zaluzhny ha valutato lo stato dei combattimenti dopo aver visitato la linea del fronte ad Avdiivka, una città ucraina nell’est del paese che è sotto costante attacco russo da diverse settimane. L’uso di artiglieria e droni consente a ciascuna parte di logorare il nemico, immobilizzarlo e colpire le truppe che avanzano.

I sondaggi di geolocalizzazione analizzati dall’Institute for the Study of War, un think tank di Washington, mostrano che le truppe russe si sono trincerate sui fianchi di Avdievka, ma non sono ancora riuscite a circondare la città.

I massimi comandanti militari ucraini hanno affermato giovedì che ci sono stati circa 60 scontri in cinque città orientali, tra cui Avdiivka, nelle ultime 24 ore, ma le forze russe non sono riuscite a raggiungere i loro obiettivi. Non è stato possibile ottenere una conferma indipendente di queste informazioni.

Allo stesso tempo, la controffensiva meridionale di Kiev, iniziata cinque mesi fa nella speranza che le truppe ucraine potessero sconfiggere le forze russe nel sud, si è quasi arrestata. Le truppe ucraine non sono in grado di sfondare il potente strato di posizioni difensive russe.

Il generale Zaluzhny ha espresso il timore che le sue truppe sarebbero state trascinate in una sanguinosa guerra di trincea simile alla prima guerra mondiale, che potrebbe durare per anni e nella quale la Russia, grazie all’enorme massa del suo esercito, potrebbe avere un vantaggio. “Per uscire da un simile conflitto, le forze armate ucraine hanno bisogno di capacità e tecnologie militari fondamentali”, sottolinea il generale nel saggio.

Egli sostiene che la tecnologia include l’uso diffuso di droni e armi di artiglieria più avanzate per sfondare i sistemi di difesa aerea russi, nonché mezzi per sopprimere i droni russi. L’Ucraina esercita da tempo pressioni sull’Occidente per gli aerei da combattimento F-16, che dovrebbero apparire sul campo di battaglia il prossimo anno. Tuttavia, il generale Zaluzhny ha sottolineato che nella nuova fase del conflitto sarebbero meno utili di quanto avrebbero potuto essere prima, dal momento che la Russia ha migliorato i suoi sistemi di difesa aerea. “Una guerra di posizione è una guerra di lunga durata che comporta enormi rischi per le forze armate dell’Ucraina e del suo Stato”, ha affermato il generale Zaluzhny. “Se l’Ucraina vuole uscire da questa trappola, allora avremo bisogno di tutto questo”, ha detto.

Esiste una discordanza di opinioni tra il presidente ucraino Zelensky e il generale Zaluzhny, capo dell’esercito ucraino. Mentre il presidente ucraino si mostra fiducioso nel recupero della Crimea e di altre aree, il generale Zaluzhny sembra esprimere una diversa prospettiva. Le dichiarazioni del generale Zaluzhny non sembrano essere casuali; sembrano più un appello alla politica, in particolare a quella degli Stati Uniti, affinché intervenga e trovi una soluzione diplomatica con la Russia. , visto che il futuro non lascia presagire il salto tecnologico che Zaluzhny chiede.

In questo scenario, le dichiarazioni di Meloni sembrano coerenti con il quadro delineato. Tuttavia, è importante notare che, specialmente di recente, la politica spesso è superata dalla realtà in maniere imprevedibili. Pertanto, potrebbe darsi che queste dichiarazioni della Meloni siano parte di un siparietto, anche se questa è solo una congettura. Procediamo ora con ulteriori dettagli sull’intervista pubblicata su The Economist.

Intervista all’Economist

Per quando riguarda l’accennata intervista all’Economist, il generale Zaluzhny ha condiviso una visione preoccupante. Ha dichiarato: “Come durante la Prima Guerra Mondiale, ci rendiamo conto di aver raggiunto un livello tecnologico che ci sconcerta. Non è probabile che si verifichi una svolta significativa e rivoluzionaria.”

Zaluzhny ha espresso frustrazione riguardo alla pianificazione militare precedente, spiegando che in base ai calcoli e ai piani della NATO e alle conoscenze matematiche tradizionali, avrebbero dovuto essere in grado di prendere la Crimea, condurre operazioni militari e ritirarsi da quella regione in soli quattro mesi. Tuttavia, questa pianificazione si è dimostrata inadeguata e insufficiente.

Inizialmente, Zaluzhny ha sospettato che il problema fosse imputabile ai comandanti, quindi ha sostituito alcuni di loro. Successivamente, ha pensato che i soldati stessi potessero non essere all’altezza del compito, quindi ha trasferito truppe in diverse brigate. Tuttavia, ha riconosciuto che la vera sfida risiede nella capacità di entrambe le parti coinvolte di osservare e analizzare le azioni dell’avversario in tempo reale, rendendo difficile ottenere un vantaggio tattico.

Zaluzhny ha sottolineato il rischio di una guerra di logoramento, che potrebbe protrarsi per anni e indebolire notevolmente lo stato ucraino. Ha enfatizzato la necessità di trovare un’innovazione simile alla scoperta della polvere da sparo, che, inventata dai cinesi, ha rivoluzionato la guerra. Questa innovazione potrebbe portare a una vittoria rapida, il che è cruciale considerando le limitate risorse umane a disposizione.

In sintesi, il generale Zaluzhny ha ammesso che non ci sarà alcuna svolta da parte delle forze armate ucraine e che tutti i calcoli precedenti si sono rivelati errati e inadeguati alla realtà del conflitto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.