Macron dichiara guerra ai francesi

macron2

Dopo la sconfitta elettorale annunciata, il presidente della Repubblica Emmanuel Macron ha deciso di sciogliere l’Assemblea nazionale. di Jean-Paul Foscarvel (suo sito) martedì 11 giugno 2024 Con il 7,31% degli iscritti, ha deciso di eliminare gli unici eletti legittimi a livello nazionale che rappresentano i francesi. Le istituzioni sono imperfette, ma l’Assemblea Nazionale, così com’è composta, limita …

Leggi tutto

Francia e Stati Uniti intensificano il supporto militare all’Ucraina: un nuovo pericoloso capitolo nella guerra

fe556505 7094 4e39 b3b0 8f4ba4a7b2be

mentre tutte le linee rosse poste dalla Russia sono ampiamente superate, il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato oggi che la Francia trasferirà cinque aerei da combattimento Mirage 2000-5 all’Ucraina. Macron ha anche precisato che Parigi addestrerà piloti ucraini e una brigata di 4.500 soldati. Questa iniziativa, riportata da Russia Today, rappresenta un significativo coinvolgimento …

Leggi tutto

La Germania valuta di richiamare 900.000 riservisti, lanciata esercitazione NATO al confine con la Russia

a8798dd6 cfae 486e ad80 9782a16587c2 scaled

Oggi, mercoledì 5 giugno, a Klaipeda, in Lituania, è iniziata la più grande esercitazione navale della NATO, Baltic Operations 2024. Con la partecipazione di oltre 50 navi di varie classi e tipi, 45 elicotteri e aerei, e 9.000 militari, questa esercitazione rappresenta la più imponente manovra marittima della NATO nel Mar Baltico mai effettuata prima. …

Leggi tutto

Lo spot ultra-bellicista di Ursula von der Leyen per le elezioni europee

SSul video spot della von der Leyen, Daniela Ranieri ha scritto una dettagliata e pungente critica su “Il Fatto Quotidiano” (titolo originale: “Quel ributtante spot ultra-bellicista di Ursula von der Leyen per le elezioni europee“).

Nell’articolo, Ranieri descrive il video elettorale di Ursula von der Leyen come “una delle cose più ributtanti, per etica ed estetica, che sia dato vedere ultimamente“. L’autrice analizza con precisione le implicazioni del messaggio bellicista promosso dalla von der Leyen, evidenziando come questo approccio contraddica i principi di pace e concordia che la leader europea dovrebbe sostenere.

Ranieri descrive il video come “ineffabile”, con una voce maschile editata stile wargame che illustra una cartina dell’Europa tipo Risiko: “La guerra della Russia è ancora alle nostre porte”. La critica dell’autrice si rivolge anche alla rappresentazione stessa della von der Leyen, che appare con la sua faccia a metà tra un personaggio di Desperate Housewives e un feldmaresciallo della Luftwaffe, suggerendo una dissonanza tra l’immagine pubblica della leader e il messaggio di unione e uguaglianza che dovrebbe trasmettere.

Un punto particolarmente forte dell’articolo è la denuncia dell’atmosfera paranoica creata dal video: “Perché questa atmosfera paranoica? Presto detto: eccola insieme a Zelensky, il quale ha molto da insegnare, in quanto a necro-propaganda bellica”. Ranieri sottolinea come il video elettorale si inserisca in una narrativa di riarmamento e divisione, contraria agli ideali di cooperazione internazionale.

La critica prosegue evidenziando le contraddizioni nella politica di difesa europea promossa dalla von der Leyen: “Nel mio secondo mandato, dice, voglio potenziare (‘turbo-charging’ in originale, ndr) la nostra capacità industriale di difesa. Ma già lo stavamo facendo: ci siamo impegnati con la NATO per portare al 2% le spese in armamenti e l’UE ha dirottato fondi del PNRR sulla produzione di armi, fingendo che la spesa rientrasse sotto la voce-fregatura ‘resilienza’”.

Infine, l’autrice non risparmia critiche alla retorica bellicista della von der Leyen, descrivendo come il video elettorale suggerisca che “bisogna agire, dice la signora cotonata, assetata di sangue fresco. Noi siamo i Buoni. Mandiamo più missili, carri armati, truppe e, perché no, qualche bombetta nucleare; in alternativa, neutralizziamo Putin a spruzzi di lacca”.

La giornalista conclude il suo articolo con un appello implicito alla riflessione critica sulle politiche europee, mettendo in guardia contro la retorica bellicista che rischia di alimentare ulteriori divisioni e conflitti globali.

L’articolo di Daniela Ranieri è pubblicato su “Il Fatto Quotidiano“.

cc6cce9a 26af 42f1 b2bb 6420cee4c767
1951, Convegno di Santa Margherita Ligure, l’Ambasciatore Pietro Quaroni con Alcide De Gasperi e Carlo Sforza” by realizzato da Stefano Baldi is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

Lo spot, in effetti, è di inaudita violenza e settarietà, animato da un insolito spirito bellicista per un’Europa la cui unica ragione di esistere, secondo i padri fondatori, è stata per anni la preservazione della pace.

L’Unione Europea è nata come progetto di pace, per evitare che gli orrori della seconda guerra mondiale si ripetessero. I fondatori credevano che la cooperazione e l’integrazione fossero le chiavi per costruire un continente stabile e pacifico.

Alcide De Gasperi, uno dei padri fondatori dell’Unione Europea, ha sempre sostenuto con fermezza la necessità di costruire un’Europa unita per garantire la pace e la stabilità.

In un discorso del 1952, De Gasperi dichiarò:

“La pace è la nostra battaglia, l’arma della nostra guerra.”

De Gasperi credeva che un’Europa unita potesse superare le divisioni e le rivalità che avevano portato a due devastanti guerre mondiali nel XX secolo.

In un altro importante discorso al Congresso dell’Europa a L’Aia nel 1948, De Gasperi disse:

“L’unità europea è nata dal dolore delle guerre e dalla speranza di costruire una pace duratura.”

Lo spirito bellicista dello spot elettorale di Ursula von der Leyen tradisce questi principi fondamentali, sostituendo la diplomazia e la cooperazione con una retorica di divisione, conflitto e trasformazione dell’economia in una economia di guerra contro “il nostro nemico”. Questo approccio non solo mina la stabilità dell’Europa, ma tradisce anche la visione di coloro che hanno lavorato instancabilmente per una Unione Europea al solo scopo della pace , affinché l’Europa non tornasse mai più ad essere teatro di guerra.

Il messaggio dello spot suggerisce infine che tutto ciò che non coincide con la sua narrazione sia disinformazione. In questo modo, più potere si ha, più è facile prevalere. Secondo il messaggio dello spot, ciò che conta non è lo spirito critico, ma l’omologazione al pensiero unico.

USA: autorizzazione parziale ad usare armi a lungo raggio su territorio russo

d419681a 6593 4f7f 988d 8b1d5fdad6b0

Gli Stati Uniti autorizzano attacchi limitati dell’Ucraina sul territorio russo con armi americane, riporta The Guardian The Guardian ha riportato che gli Stati Uniti hanno concesso all’Ucraina il permesso di effettuare attacchi limitati sul territorio russo utilizzando armi americane. Questa decisione permetterà alle forze ucraine di usare artiglieria e missili a corto raggio per colpire …

Leggi tutto

Via libera ad attacchi con armi NATO in territorio russo, faccio una serie di considerazioni…

dda0c485 756b 46e4 b76e f07c05456715

Oggi i principali giornali italiani riportano che la maggior parte dei paesi occidentali hanno dato via libera all’Ucraina per attacchi con missili di lunga gittata in territorio russo. L’obiettivo è colpire le artiglierie e i sistemi d’arma russi che operano in profondità nel territorio russo. Su questo punto, vorrei fare una prima osservazione: se si …

Leggi tutto

Blinken visita la Moldavia in previsione delle prossime elezioni nel paese

sandu6

Il 29 maggio, il Segretario di Stato USA Antony Blinken è arrivato in Moldavia, dove rimarrà fino al 30, per sostenere le elezioni presidenziali moldave che si terranno il prossimo 20 ottobre, coincidenti con l’ingresso della Moldavia nell’Unione Europea. La visita di Blinken è focalizzata su temi come l’introduzione di riforme democratiche, il progresso della …

Leggi tutto