Aumento prezzi munizioni potrebbe ostacolare il livello delle spese militari per l’Ucraina

Come qualsiasi altro tipo di prodotto, persino quelli associati a morte e devastazione, vengono gestiti conformemente alle leggi del mercato. E il mercato è guidato dalla ricerca di maggiori profitti.

Le guerre globali e l’incertezza legata alla possibilità di conflitti beneficiano le attività commerciali. Questo è il motivo per cui entità influenti, noto come il “deep state,” gestiscono con efficienza un commercio bellico: reti di agenzie di intelligence private che favoriscono tensioni tra le nazioni al fine di vendere armi.

L’incremento dei prezzi delle munizioni potrebbe comportare che i paesi occidentali non saranno in grado di allocare abbastanza fondi per garantire che l’Ucraina sia adeguatamente equipaggiata. Dopo l’invasione russa dell’anno precedente, Washington e i suoi alleati avevano promesso di fornire all’Ucraina circa 100 miliardi di dollari in armi.

Da ‘Libertaria Insitute’:

Sabato, il presidente del comitato militare della NATO, l’ammiraglio olandese Rob Bauer , ha affermato che i membri dell’alleanza devono aumentare le spese per la difesa per compensare l’aumento dei prezzi. “I prezzi delle attrezzature e delle munizioni stanno aumentando rapidamente. Adesso paghiamo sempre di più per la stessa cosa”, ha detto. “Ciò significa che non possiamo essere sicuri che l’aumento della spesa per la difesa porterà effettivamente a una maggiore sicurezza”.

Dopo l’inizio l’intervento militare russo in Ucraina, gli Stati Uniti si sono impegnati a fornire a Kiev armi per un valore di oltre 43 miliardi di dollari. L’aumento della domanda di armi ha portato ad un aumento dei prezzi delle azioni delle società produttrici di armi americane.

Ex funzionari del Pentagono avvertono che i produttori di armi stanno sfruttando la guerra in Ucraina per aumentare i prezzi per il Dipartimento della Difesa. Shay Assad, che ha lavorato come negoziatore contrattuale del Pentagono per 40 anni, ha detto a 60 Minutes che tali aziende sovraccaricano il Dipartimento della Difesa su tutto, dai “radar e missili… elicotteri… aeroplani… sottomarini… fino alle noccioline”. e bulloni.” (https://www.analystnews.org/posts/as-the-war-in-ukraine-drags-on-americas-arms-industry-reaps-the-profits)

Atif Rashid, direttore di Analyst News: “Nel giro di poche settimane dall’invasione russa, la capitalizzazione di mercato di Raytheon Technologies è salita a 155 miliardi di dollari dai 128 miliardi di dollari dell’inizio dell’anno. La capitalizzazione di Lockheed Martin all’inizio del 2022 era di 98 miliardi di dollari, ed entro la fine dell’anno ha raggiunto i 127 miliardi di dollari, il livello più alto mai registrato”. Ha continuato: “Northrop Grumman ha iniziato l’anno con 61 miliardi di dollari e ha concluso l’anno con 84 miliardi di dollari”.

Tuttavia, Bauer ha indirizzato i fondi di private equity e le banche a sostenere gli sforzi dell’industria degli armamenti per aumentare la produzione.

Washington sta fornendo sussidi significativi all’industria degli armamenti per aumentare il tasso di produzione di proiettili da 155 mm. Il Pentagono spende 1,5 miliardi di dollari all’anno per aumentare la produzione di proiettili di artiglieria.

Tuttavia, gli Stati Uniti non sono in grado di produrre la quantità di proiettili di cui l’Ucraina ha bisogno. Secondo il capo degli appalti del Pentagono , Bill LaPlante , i produttori di armi possono produrre 28mila proiettili al mese, ma l’Ucraina ne produce fino a 10mila al giorno.

LaPlante afferma che l’industria delle armi è in anticipo rispetto ai tempi previsti e dovrebbe essere in grado di aumentare la produzione fino a circa 1,2 milioni di colpi all’anno entro il 2025. Tuttavia, ciò lascerebbe gli Stati Uniti molto indietro rispetto alla Russia, che attualmente produce circa 2 milioni di proiettili per artiglieria all’anno .

Fonte: libertarianinstitute.org

Considerazioni

Londra, Washington e la UE hanno concordato di prolungare questa situazione di conflitto in Ucraina il più a lungo possibile. Questo non può nemmeno essere definito una “guerra”, ma piuttosto un atroce massacro su vasta scala.

L’Ucraina è diventata poco più di un teatro per trarre profitti dalla guerra, riciclare denaro sporco, perpetrare furti su larga scala (vedi qui le dichiarazioni del deputato USA Paul Gosar), gestire un mercato nero di armi, commettere omicidi di dissidenti, torturare civili, uccidere e torturare prigionieri di guerra, imprigionare giornalisti, sottrarre illegalmente milioni di dollari, essere pervasa da una diffusa corruzione su scala gigantesca, e tutto ciò mentre si verificano morti, distruzione e inganni inauditi.  E per finire il colossale mercato delle armi: le aziende beneficeranno non solo delle commesse in aumento ma anche della necessità di ripianare gli arsenali occidentali, ormai vuoti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.