Attacco di droni marini alla nave russa “Ivan Khurs” nel Mar Nero: possibile sabotaggio e implicazioni geopolitiche.

La nave da ricognizione militare russa, “Ivan Khurs”, del progetto 18280, è stata attaccata da droni marini nel Mar Nero. L’attacco potrebbe essere legato alle elezioni turche o alla destabilizzazione voluta dalla leadership ucraina, ormai incline a sabotaggi assimilabili ad atti di terrorismo. Tale attacco rappresenta un indiretto attacco alla Turchia, membro NATO, e potrebbe coinvolgere anche l’Ungheria, con forte evidenza di un possibile obiettivo del Turkishstream.
L’articolo che segue disamina la situazione e proviene dalla fonte statunitense Sonar21:

L‘altro ieri tre droni forniti dall’occidente hanno attaccato una nave russa a guardia dell’oleodotto Turkstream. La Russia afferma che sono stati tutti distrutti, ma c’è un video che suggerisce che uno abbia colpito la nave russa. Questo attacco è l’ultimo di una serie di eventi nelle ultime tre settimane in cui l’Ucraina sta colpendo obiettivi in ​​Russia con armi fornite da Stati Uniti e Gran Bretagna. Oltre a questo attacco di droni marittimi, l’Ucraina ha effettuato quanto segue:

  • Un’incursione transfrontaliera nella regione di Belgorod con veicoli e armi forniti dagli Stati Uniti. L’attacco è stato respinto con pesanti perdite da parte ucraina.
  • Lanciare sporadicamente attacchi di artiglieria e himars contro le città civili russe lungo il confine
  • Un attacco di droni al Cremlino.
  • L’uso dei missili da crociera britannici Storm Shadow per colpire obiettivi in ​​​​Russia.

Nessuno di questi attacchi è un “punto di svolta” in termini di quadro strategico, stanno alimentando una crescente ondata di rabbia in Russia che probabilmente aumenterà la pressione per una risposta militare più forte. L’attacco marittimo alla nave russa a guardia dell’oleodotto Turkstream è particolarmente sconcertante perché è indirettamente un attacco a un membro della NATO (vale a dire, Turchia). Proprio ciò di cui la NATO ha bisogno, alienando il membro della NATO con il secondo più grande esercito della NATO.

drone marittimo 1
drone marittimo

I media stanno ignorando la possibilità che sia stata sanzionata dagli Stati Uniti o dal Regno Unito e suggeriscono che sia stata eseguita dall’Ucraina senza consultare i suoi partner della NATO. Tuttavia, il mio nuovo amico, Steve Bryen, ha pubblicato su Asia Times un articolo eccellente sull’incidente dell’oleodotto Turkstream che spiega perché questa non è stata un’operazione ucraina unilaterale:

Ci sono una serie di fatti inquietanti su questa operazione.

La prima è che gli ucraini si stavano preparando ad attaccare l’oleodotto Turkstream  e avevano bisogno di mettere fuori combattimento la nave russa che aiutava a proteggerlo. Turkstream sposta il gas naturale con una capacità annua di 31,5 miliardi di metri cubi ed è costituito da due linee offshore di 930 chilometri e due linee onshore separate lunghe 142 chilometri (88,2 miglia) e 70 chilometri.

Uno dei clienti del gas russo di questo gasdotto è l’Ungheria. La distruzione del Turkstream infliggerebbe un duro colpo all’Ungheria e ciò potrebbe portare a uno sconvolgimento del governo in quel paese. L’Ungheria, sotto Viktor Orbán, è considerata da Washington filo-russo. . . .

Gli ucraini hanno effettuato questa operazione nel Bosforo, a circa 80 miglia dalla terraferma turca. È ragionevole affermare che questo attacco non è stato solo contro i russi, ma è stata la prima parte di un attacco a un alleato della NATO, la Turchia e altri consumatori di gas, in particolare l’Ungheria, anch’essa un alleato della NATO.

La lunga distanza dall’Ucraina vera e propria suggerisce che l’Ucraina avrebbe avuto bisogno di informazioni in tempo reale per localizzare la nave russa e prenderla di mira.

Qui arriva la parte inquietante.  Secondo quanto riferito, nelle vicinanze di questo incidente c’era un aereo di sorveglianza a pilotaggio remoto RQ-4 statunitense. L’RQ-4 avrebbe potuto fornire informazioni sul targeting in tempo reale e avrebbe anche potuto trasmettere le stesse informazioni al drone navale senza pilota ucraino. Sebbene non ci siano prove concrete che l’RQ-4 abbia avuto un ruolo, in quale altro modo l’Ucraina avrebbe potuto gestire questa operazione?

Mentre gli Stati Uniti e il resto della NATO fingono di ignorare l’attacco, il fatto chiave è che l’Ucraina aveva bisogno di dati sui bersagli che solo le fonti di intelligence della NATO potevano fornire. Ciò significa che gli Stati Uniti hanno svolto un ruolo diretto in questo attacco. Se si aggiunge questo incidente all’incursione transfrontaliera nella regione di Belgorod, dove i veicoli forniti dagli Stati Uniti hanno effettuato l’attacco, la Russia può solo concludere che gli Stati Uniti saranno maggiormente coinvolti nella guerra contro la Russia.

Questo segna una pericolosa escalation nella guerra ed è improbabile che la Russia la consideri insignificante. Oltre all’attacco con droni marittimi, due bombardieri B-1 statunitensi nel Baltico hanno volato vicino allo spazio aereo russo e sono stati intercettati da aerei da combattimento russi. A ciò si aggiunga il recente capovolgimento di Biden che ha dato il via libera all’invio di aerei da combattimento F-16 in Ucraina e il dispiegamento alla fine del 2022 di elementi delle 101 e 82 unità aviotrasportate rispettivamente in Polonia e Romania. Quelle truppe sono ancora lì.

Anche la Russia sta osservando attentamente l’imminente esercitazione NATO, Air Defender 23 :

Air Defender 23 sarà la più significativa esercitazione militare mai effettuata sui cieli europei. L’evento si svolgerà dal 12 al 23 giugno, coinvolgendo le forze aeree di 25 nazioni.

Nello specifico, Air Defender 23 rappresenterà la più vasta esercitazione di dispiegamento di forze aeree nella storia dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, comunemente nota come NATO. L’evento senza precedenti coinvolgerà fino a 10.000 partecipanti all’esercitazione che alleneranno le loro abilità di volo con circa 220 velivoli. L’esercitazione militare si svolgerà nello spazio aereo europeo e sotto il comando dell’aeronautica militare tedesca, o Luftwaffe.

Mentre la NATO può fingere che si tratti solo di un’esercitazione di routine, un’operazione di “addestramento” di queste dimensioni e scala sullo sfondo delle crescenti tensioni nella regione è come accendere un fiammifero in un serbatoio di stoccaggio della benzinaAumenta la possibilità che la guerra in Ucraina si estenda a un conflitto in piena regola con la NATO.

Sembra che gli Stati Uniti siano pronti a intraprendere azioni più disperate e sconsiderate sulla scia della sconfitta ucraina a Bakhmut. Non ci sono gesti di conciliazione provenienti da Washington. Al contrario: retorica e azioni più bellicose.

La Russia, da parte sua, non sta con le mani in mano. Nelle prime ore di venerdì, i canali TG ucraini hanno riferito di Geranium UAV e attacchi di bombardieri aerei nelle regioni di Sumy, Chernigov e Zapozhye, nonché nella regione di Dnepropetrovsk. Stanotte sono state segnalate esplosioni anche nel distretto di Kupyanskiy, nella regione di Kharkov. Ieri la Russia ha colpito la diga del bacino idrico di Karlovskoye, che si trova a 40 km a nord-ovest di Donetsk ed è una via di rifornimento fondamentale per le forze armate ucraine nella regione di Donetsk. Ciò rende più difficile per l’Ucraina rifornire le sue forze sul lato est del fiume Volcha e crea più ostacoli che l’Ucraina deve superare se spera di lanciare una controffensiva di successo.

Sembra che la campagna di bombardamenti di tre settimane della Russia – utilizzando bombardieri strategici – stia mettendo a dura prova le forze che l’Ucraina ha riunito per la loro tanto attesa controffensiva. Le perdite ucraine stanno rendendo difficile riunire la forza umana e la potenza di fuoco necessarie per lanciare e sostenere un’operazione offensiva oltre i pochi giorni. Lo sapremo con certezza nelle prossime settimane.

Lo dirò semplicemente: stiamo vivendo nel periodo più pericoloso della storia mondiale dall’inizio della seconda guerra mondiale. Gli Stati Uniti non mostrano alcun segno di arretramento rispetto ai loro sforzi per continuare la guerra in Ucraina nella futile speranza di indebolire la Russia. E la Russia sta intensificando le sue operazioni per decimare le capacità militari dell’Ucraina. Questa sembra essere una ricetta tossica per un’orrenda collisione. Spero di sbagliarmi.

fonte Sonar21:: https://sonar21.com/is-the-united-states-poking-the-bear-or-is-ukraine-going-rogue-or-is-it-both/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.