Alle Nazioni Unite, il Card Parolin esorta a trovare una soluzione alla Siria… e chiede l’abrogazione delle sanzioni

Dopo otto anni di guerra in Siria, è “urgente”, afferma il cardinale Parolin, “uscire dalla stagnazione politica e avere il coraggio di cercare nuove vie di dialogo e nuove soluzioni, in uno spirito di realismo e preoccupazione delle persone coinvolte “.
Il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, ha parlato alla 74a Assemblea generale delle Nazioni Unite nella riunione ministeriale di alto livello sulla Siria a New York il 24 settembre 2019. Riferendosi alla sofferenza della popolazione civile,  ha chiesto l’abrogazione delle sanzioni, il sostegno al ritorno volontario e l’incoraggiamento alla presenza dei cristiani.
Il rappresentante della Santa Sede ha inoltre esortato “a rispettare rigorosamente i principi del diritto internazionale umanitario”, “a superare gli interessi partigiani e a rispettare i diritti e le aspirazioni del popolo siriano”.

Idleb

Ecco la traduzione di ZENIT  del discorso del cardinale Parolin, pronunciato in inglese.

 
Discorso del cardinale Pietro Parolin
Signora Alto Rappresentante,
Vorrei esprimere la mia gratitudine all’Unione Europea per l’organizzazione dell’evento di oggi e il mio sostegno per le sue varie iniziative, in particolare le conferenze di Bruxelles, che mirano a trovare una soluzione politica duratura al conflitto in Siria. La Santa Sede continua a seguire con grande preoccupazione questa tragedia che ha afflitto il popolo siriano per oltre otto anni, creando una drammatica situazione umanitaria. È in questo contesto che papa Francesco scrisse al presidente Bashar al-Assad alla fine di giugno.
La Santa Sede ha sempre insistito sulla necessità di rispettare rigorosamente i principi del diritto internazionale umanitario e di cercare una soluzione politica praticabile per porre fine al conflitto, superare gli interessi di parte e rispettare i diritti e le aspirazioni del popolo siriano. Ciò deve essere fatto con gli strumenti della diplomazia, del dialogo, dei negoziati e con la partecipazione della comunità internazionale.
Per quanto riguarda la sofferenza della popolazione civile, la Santa Sede desidera sottolineare tre aspetti:
  1. le sanzioni imposte creano anche pesanti oneri per la popolazione civile. In effetti, gli enti di beneficenza che lavorano sul campo hanno ripetutamente sottolineato gli effetti dannosi di queste sanzioni sui civili, chiedendo la loro abrogazione;
  2. la questione del ritorno dei profughi e della riconciliazione. La Santa Sede invita la comunità internazionale a sostenere e incoraggiare il loro ritorno sicuro e volontario, nonché quello degli sfollati;
  3. I cristiani e le minoranze religiose hanno sempre avuto un ruolo specifico nel tessuto sociale del Medio Oriente. La loro presenza deve essere sostenuta e incoraggiata come contributo alla coesione sociale e al necessario processo di riconciliazione. Come ha sottolineato papa Francesco nel suo ultimo discorso al Corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede: “È estremamente importante che i cristiani abbiano un posto nel futuro della regione”. La Santa Sede spera che “le autorità politiche non mancheranno di garantire la loro sicurezza e tutto ciò di cui hanno bisogno per continuare a vivere nei paesi di cui sono cittadini a pieno titolo e per contribuire alla loro crescita” (1).
La Santa Sede incoraggia fortemente la comunità internazionale “a non trascurare i molti bisogni delle vittime di questa crisi, e soprattutto a mettere da parte gli interessi di parte per essere al servizio della pace e porre fine alla guerra” (2) .
Dopo otto dolorosi anni di conflitto, è necessario, e persino urgente, uscire dalla stagnazione politica e avere il coraggio di cercare nuovi modi di dialogo e nuove soluzioni, in uno spirito di realismo e preoccupazione per quanti sono coinvolti.  Non è solo la stabilità del Medio Oriente a essere in gioco, ma anche il futuro stesso dei giovani, molti dei quali sono nati e cresciuti al di fuori del proprio paese, che sono spesso privati ​​delle opportunità di istruzione e non dispongono dei prodotti di prima necessità per vivere. Troppo spesso diventano facili prede del crimine e della radicalizzazione. È una questione di dignità e civiltà.
Desidero assicurarvi che la Santa Sede e la Chiesa cattolica in generale manterranno il loro impegno per incoraggiare la ricerca di soluzioni praticabili alla crisi e continueranno a prestare attenzione alla situazione umanitaria, fornendo assistenza alle popolazioni colpite dal conflitto in Siria e ai rifugiati così come alle comunità che li ospitano, senza alcuna distinzione basata sull’identità religiosa o etnica, per coloro che ne hanno bisogno.
Grazie, Signora Alto Rappresentante.
NOTE
  1. Papa Francesco, Discorso al Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede , 7 gennaio 2019.
  2. Papa Francesco, Discorso ai partecipanti all’incontro di lavoro sulla crisi in Siria e nei paesi vicini , 14 settembre 2018.
[ad_2]

Source link

JOIN THE DISCUSSION