ALEXANDER DUGIN: l’Ucraina dovrebbe essere l’unione di due regioni autonome, come il Belgio

Donbass 2015

Donbass 2015 casa bombardata dalle forze ucraine

Sul suo canale social VK, il noto politologo russo ha realizzato un video intitolato: “KIEV ha perso la sua occasione”, egli afferma: 

La Russia deve prepararsi per una svolta strategica. E se l’Ucraina non può essere almeno neutrale, non dovrebbe esistere affatto, afferma Alexander Dugin

Sono profondamente convinto che il formato della Normandy Four di Russia, Germania, Francia e Ucraina per risolvere la situazione negli ex territori dell’Ucraina orientale sia un vicolo cieco. È servito per appianare la situazione per un po’, ma non ha risolto il problema e non è riuscito a risolverlo. Inoltre, Kiev di tanto in tanto cerca di mettere all’ordine del giorno le questioni della Crimea, il che alla fine mina la possibilità stessa di qualsiasi discussione.

La Russia non discute della Crimea: questa è la posizione rigorosa e inequivocabile di Mosca, alla quale non rinuncerà mai in nessuna circostanza.

Ma non è questo il punto. Lo status quo nel Donbass è categoricamente inadatto sia a Kiev che al Donbass stesso . Per Kiev, il Donbass è l’Ucraina, per lo stesso Donbass è scomparso da tempo. Finché la Russia è dietro il Donbass, questo “no” ha sotto di sé una seria base di motivazioni, pari al peso strategico della stessa Russia.

Dato che a Kiev sono ancora al potere le forze estremiste globaliste, che hanno scompigliato tutto con la rivolta nazista sul Maidan e l’inizio delle operazioni punitive contro la popolazione russa, non ci saranno progressi neanche qui.

Certo, le potenze europee sarebbero ben contente di sottrarsi a questo problema, dal momento che nessuno vuole andare ad un duro confronto con Mosca , ma la posizione generale consolidata dell’Occidente e della Nato a sostegno della giunta di Kiev non può essere da loro messa in discussione . Ecco perché sostengono il “formato Normandia” nel regime fumante. Non può spegnersi completamente, ma non ha possibilità di accendersi per davvero.

A mio parere, è tempo, almeno teoricamente, di prepararsi per il prossimo round della storia. Il Donbass non tornerà mai più in Ucraina. Ma anche l’indipendenza o l’ unificazione con la Russia all’interno degli attuali confini non risolveranno nulla. Sì, le persone infelici avranno finalmente l’opportunità di vivere come esseri umani. Ma il Donbass è solo una parte della Novorossia.

E liberare un territorio, lasciando tutto il resto al regime nazista, dove anche la lingua russa non è tra quelle tradizionali, sarà una mezza misura, non troppo diversa da quella che abbiamo adesso. Prima o poi Mosca dovrà affrontare davvero la Novorossiya.

Dovrebbe essere preso in considerazione il forte indebolimento degli Stati Uniti, un chiaro esempio del quale è la vergognosa fuga dall’Afghanistan . La situazione politica in Ucraina sta gradualmente tremando, tutte le speranze associate a Zelensky sono gradualmente crollate e non hanno potuto fare a meno di crollare. Zelensky non ha potuto portare a termine nulla della promessa alle masse. Entro il 2024, la sua posizione sarà chiaramente disperata.

Nel frattempo, la Russia deve prepararsi per un salto strategico in avanti. Se l’Ucraina non può essere almeno neutrale, non dovrebbe esistere affatto. Voglio dire che al suo posto dovrebbero essere creati due stati: occidentale e orientale. E tutto sarà come in Belgio. Due popoli – due territori, due lingue. La Novorossiya può concludere un accordo storico con l’Ucraina – una sorta di unione – come Krevskaya o Lublin. E solo allora potrà essere convocato il “formato Normandia”. Solo allora avremo davvero qualcosa di cui parlare con Kiev.

E solo la Nuova Russia può curare il nostro caro fratello. Da Odessa a Kharkov. E lascia che l’ucraino sia la lingua di stato lì. Insieme al russo. E tutti gli slavi orientali, gli slavi non orientali e i non slavi in ​​generale vivranno insieme e felici in questo stato meraviglioso e sorprendente.

Non si tratta dell’economia, non del gas, non del fatto che la popolazione ucraina sta fuggendo dal paese e presto non ci sarà nessuno nemmeno a guardare programmi umoristici e russofobi. È una questione di principio.

Kiev ha avuto un’opportunità storica di costruire uno stato per due popoli, come il Belgio. Ecco i valloni, ecco i fiamminghi. E tutti insieme – i belgi. Ma se i valloni chiedessero che anche i fiamminghi diventino valloni e parlino francese (o viceversa), il Belgio non sarebbe lì in un istante. Ma Kiev ha perso questa occasione. Irrevocabilmente. E continua a mancare ancora e ancora.

Da qui la risposta: torneremo ai negoziati dopo l’attuazione del progetto Novorossiya. Poi parleremo. In qualsiasi formato. Anche in “Normanno”.

Alexander Dugin, tsargrad.tv

Exit mobile version