Gli USA dislocano in Bahrain forze speciali in funzione anti-Iran

E’ un controsenso voler salvaguardare Israele ma, nello stesso tempo, mettere a ferro e fuoco la regione. Inoltre, non cessano le azioni ostili di Washington contro Teheran, che si aggiungono alle severissime sanzioni (che colpiscono soprattutto la popolazione). In fondo a rinnegare l’accordo (JCPOA) 2015 sono stati gli USA e questo ha fatto degenerare di nuovo la situazione.
Il giudizio che propongo è della  pubblicazione russa di geopolitica, Fondsk:

Cappio americano intorno all’Iran

La 5a flotta statunitense, con sede in Bahrain, crea nuove forze speciali per combattere l’Iran

La trasformazione dell’Asia in un polo di super innovazione che attrae investimenti e menti da tutto il mondo non può eludere l’Iran. La Cina è diventata il motore del cambiamento, ma oggi l’ora è suonata anche per l’Iran, anche se da mezzo secolo questo Paese è sotto pressione a causa delle sanzioni statunitensi, che non consentono a Teheran di utilizzare efficacemente la principale ricchezza del Paese: il petrolio.

La paura di Israele per l’Iran è comprensibile. L’Iran è l’unica potenza del continente che può mettere in dubbio l’esistenza di uno stato ebraico. L’AIEA era allarmata dalle notizie sulla produzione di uranio metallico in Iran e sull’arricchimento dell’uranio al 60 per cento. Dire che Israele è preoccupato è non dire niente. Il Times of Israel ha scritto  il 14 settembre: “L’Iran può accumulare abbastanza uranio per armi da creare una bomba atomica in un mese, ha calcolato l’Agenzia internazionale per l’energia atomica. In tre mesi – per due bombe, in cinque – per tre” .

La pubblicazione, tuttavia, ha taciuto sul fatto che la minaccia della creazione di una bomba atomica da parte dell’Iran fosse la risposta della Repubblica Islamica alla mancanza di progressi nel ripristino delle condizioni del Piano d’azione congiunto globale (JCPOA) 2015, quando il Regno Unito, la Germania, la Cina, la Russia, gli Stati Uniti, la Francia e l’Iran lo hanno firmato, accettando di revocare le sanzioni in cambio della limitazione del programma nucleare iraniano. Tre anni dopo, Donald Trump ha rotto l’accordo ripristinando le sanzioni anti-iraniane e l’Iran ha risposto dichiarando una riduzione graduale dei suoi obblighi. Teheran ritiene che la “bomba” sia la chiave per ripristinare il rispetto per il Paese, il principale strumento per revocare le sanzioni statunitensi.

L’estrema preoccupazione degli israeliani ha spinto il direttore generale dell’AIEA Rafael Grossi a correre a Teheran per colloqui con il capo nucleare iraniano Mohammad Eslami sulla possibilità di ripristinare la sorveglianza degli ispettori dell’AIEA sugli impianti nucleari. E ho accettato. Così, è stata impedita la risoluzione anti-iraniana preparata dal Consiglio dei governatori dell’AIEA, che avrebbe reso ingestibile la situazione per questa organizzazione. Grossi ha dichiarato con orgoglio a Vienna: “È successo qualcosa che, in una certa misura, non era mai stato fatto prima… Ora abbiamo una soluzione” .

Ciò significa che ora gli ispettori, salvando l’accordo con l’Iran, potranno continuare le osservazioni presso gli impianti di arricchimento dell’uranio di Natanz e Fordow. E questo significa una svolta dell’Europa per affrontare l’Iran. Resta solo da garantire gli Stati Uniti. Non è facile da fare, ma lo spettro della bomba iraniana può aiutare. Il giorno dopo la visita di Grossi a Teheran, i giornali iracheni hanno scritto che l’Iran non ha rivelato i suoi segreti all’agenzia” .

Le sanzioni statunitensi sono difficili da aggirare. Anche in Cina e Russia, le banche e le altre istituzioni finanziarie non sono disposte a rischiare di effettuare pagamenti con l’Iran. Come calcolato  in Asia Times , queste sanzioni fino alla fine di giugno ha rotto il tasso annuo di inflazione in Iran al 43 per cento. La crescita economica è scesa al 2,1 per cento. Arrestati nelle banche di 21 paesi i 120 miliardi di dollari della Repubblica Islamica potrebbero raggiungere un quarto del suo anno di bilancio annuale, ma ahimè… Anche la Cina, partner strategico iraniano , non ha intenzione di restituirgli i propri 20 miliardi di dollari, fornendo il Gli iraniani barattano beni di prima necessità in cambio di petrolio.

Per quanto conservatore sia il nuovo presidente iraniano, Ebrahim Raisi, ha bisogno di cercare nuove opportunità per ricostruire l’economia. Cosa che fa, annunciando una nuova “diplomazia economica” che dovrebbe rilanciare il Paese.

I suoi obiettivi dichiarati sono prestiti a basso tasso di interesse ai poveri, la costruzione di almeno 4 milioni di case nel paese (con un totale di 85 milioni di abitanti), alloggi in locazione agevolata, assistenza sanitaria, riduzione dell’inflazione in tre anni a una cifra e assicurando una crescita del 40 per cento attraverso l’esportazione di merci iraniane. … Tutto questo può e deve essere promesso, ma come convincere altri Paesi ad acquistare petrolio iraniano, violando le sanzioni statunitensi con il rischio di perdere l’accesso al mercato più redditizio del mondo?

Sì, ha successo con il Libano che soffre di gravi carenze di carburante. La terza petroliera con petrolio iraniano sta navigando lì, ma questo non può essere definito una svolta del blocco economico. La crescente carenza di carburante in Libano ha raggiunto un punto critico a settembre, minacciando di fermare la vita quotidiana, ma anche il Libano teme che la cooperazione con l’Iran “potrebbe portare all’imposizione di sanzioni quando l’economia del Paese è in crisi da quasi due anni” .

E lo stesso Iran, dicono gli analisti, avrà bisogno di almeno 300 miliardi di dollari di investimenti in strade, trasporti, aviazione, agricoltura, metallurgia ed energia per recuperarli dopo decenni di blocco americano.

E la bomba atomica è vista qui come un asso nella manica, o forse l’unica speranza per sfuggire all’abbraccio soffocante degli Stati Uniti. Dopotutto, se prima delle elezioni Joe Biden aveva promesso di riportare gli Stati Uniti al JCPOA 2015 – scrive Information Clearing House  –   ora il segretario di Stato Tony Blinken avverte gli alleati europei che “un rigoroso ritorno al rispetto del JCPOA non riproduce i benefici di questo accordo”, suggerendo che i requisiti Gli Stati Uniti sono cambiati nei confronti dell’Iran e sono andati ben oltre i limiti specificati nell’accordo.

Gli USA hanno ritirato le truppe dall’Afghanistan e hanno promesso di ritirare le truppe da Baghdad entro la fine dell’anno, ma mantenendo una presenza militare in Siria e basi militari in Kuwait, Qatar, Bahrain.  Washington cerca un nemico, la 5a flotta degli Stati Uniti, con sede in Bahrain, la scorsa settimana ha annunciato la creazione di una nuova unità speciale che combina aviazione, forze navali e droni sottomarini per affrontare l’Iran, in particolare nello Stretto di Hormuz, nel Mar Rosso, nel Canale di Suez e nello Stretto di Bab el Mandeb vicino al coste dello Yemen.

fonte: Fondsk

Exit mobile version