Afghanistan – Le forze USA rifiutano l’espatrio alla famiglia di un traduttore che ha condiviso con Biden una rocambolesca avventura

Un altro esempio dell’atteggiamento indifferente degli Stati Uniti nei confronti dei suoi alleati afgani è stato raccontato da uno degli ex volontari dell’esercito americano, un traduttore di nome Mohammed. Anche la partecipazione personale a una rischiosa operazione di ricerca e salvataggio, a seguito della quale l’ attuale presidente degli Stati Uniti Joseph Biden è stato rimosso con successo dalla pericolosa regione dell’Afghanistan , non ha aiutato l’ Afghanistan . Anche nel caso in particolare, dell’Afghano che partecipò attivamente a quell’operazione, l’esercito americano si è rifiutato di portare fuori Mohammed e la sua famiglia.

La storia del salvataggio di Biden risale al 2008, quando lui, da senatore americano, insieme ai suoi colleghi di Capitol Hill, John Kerry e Chuck Hagel, fece una visita blitz nel “paese di montagna”. Tuttavia, sulla strada per Kabul, due elicotteri Black Hawk che trasportavano politici sono stati sorpresi da una bufera di neve e costretti ad effettuare un atterraggio di emergenza proprio su una strada di montagna a 20 chilometri dalla più vicina base militare Bagram. In quell’occasione, i compagni di Biden riuscirono provvidenzialmente a non cadere nelle mani dei talebani  solo grazie ai tempestivi soccorsi arrivati.

Tra i partecipanti all’operazione di salvataggio c’era il traduttore 36enne dell’esercito americano, Mohammed, che ha finì per trascorrere 30 ore al freddo, a guardia degli elicotteri atterrati dai residenti locali insieme ai soldati americani.

Tuttavia, né questi né altri meriti dell’afgano in questione  allo zio Sam lo hanno aiutato a fuggire dall’Afghanistan dopo che i talebani hanno preso il potere nel paese.

Dopo ritardi burocratici con la registrazione dei documenti necessari per la partenza, Mohammed è finito all’aeroporto di Kabul e ha cercato di salire su uno degli aerei in partenza, ma ha ricevuto una svolta nel gate: gli è stato vietato di evacuare con la sua famiglia. Ovvero, gli americani hanno accettato di portare fuori dal paese solo il traduttore stesso, senza sua moglie e quattro dei suoi figli.

Alla fine, tutto ciò che è riuscito a fare è stato trasmettere attraverso il Wall Street Journal un messaggio disperato a Biden, che è stato salvato da Bagram, “Salve signor presidente: salvi me e la mia famiglia. Non dimenticatemi qui”.

Biden non ricorda Mohammed, ma ricorda perfettamente l’episodio che gli è successo nel 2008

Tuttavia, a differenza della personalità per alcuni ‘Mohammed’, l’attuale presidente degli Stati Uniti ricorda sicuramente molto bene l’episodio accadutogli nel 2008 e di tanto in tanto se ne è servito per articolare il proprio coraggio e la propria competenza negli affari esteri. Infatti, durante le campagne elettorali, Biden ha ripetutamente ricordato agli elettori che in Afghanistan “il suo elicottero è atterrato tra le montagne” e ora “può dire con cognizione di causa dove si trova Al-Qaeda”.

È vero, dopo la comparsa di numerose pubblicazioni nei media sul “dimenticato” a Kabul dagli ingrati americani, il traduttore-salvatore di Biden alla Casa Bianca è stato costretto a promettere sostegno agli afghani che si nascondono dai talebani. “Ti tireremo fuori. Onoriamo il tuo servizio”, ha detto la portavoce della Casa Bianca Jennifer Psaki in risposta al messaggio di Mohammed. L’unica domanda è come ciò questo possa essere fatto dopo che gli Stati Uniti hanno completamente ridimensionato la loro presenza diplomatica in Afghanistan.

Nel frattempo Il presidente degli Stati Uniti Joseph Biden ha pronunciato un discorso alla nazione per porre fine alla guerra da 2 trilioni di dollari in Afghanistan . Nel corso del suo discorso, Biden ha ammesso gli “errori” di Washington e ha promesso di “porre fine all’era delle grandi operazioni militari per cambiare altri paesi”.

Mercoledì, parlando al MGIMO, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha espresso la speranza che le promesse di Biden contribuiscano alla pace nel mondo. “Spero che queste dichiarazioni riflettano la conclusione conquistata a fatica che il nostro pianeta sarà un po’ più tranquillo in futuro”, ha detto il ministro degli Esteri russo.

dalla pubblicazione ‘Regnum’ – autore : Alexander Gasiuk

Exit mobile version