A proposito della “Pirateria aerea bielorussa”, un rapporto ICAO dimostra una coordinata offensiva di propaganda occidentale

Ryanair in atterraggio a Minsk: rapporto ICAO e coordinata offensiva di propaganda occidentale

Il 23 maggio 2021, l’aereo Ryanair FR4978 in volo da Atene a Vilnius effettuò un atterraggio di emergenza all’aeroporto della capitale bielorussa  Minsk dopo un allarme bomba sul velivolo. Tutti media europei avevano riferito che un jet da combattimento MiG-29 aveva scortato l’aereo passeggeri. Dopo l’atterraggio, l’aereo fu ispezionato e a bordo fu trovata nessuna bomba. Tuttavia, da un controllo sui passeggeri, le forze di polizia bielorussa individuarono ed arrestarono Roman Protasevich ricercato dalle autorità bielorusse, uno dei co-fondatori del canale Nexta Telegram, che Minsk ha riconosciuto come entità estremista.

A seguito incidente la UE vietò alle compagnie aeree bielorusse di atterrare negli aeroporti dell’UE e di sorvolare il territorio dell’UE, consigliando anche a tutte le compagnie aeree europeei di vietare ai loro aerei lo spazio aereo bielorusso. Risultato il boicottaggio da parte di 20 compagnie e ulteriori sanzioni.

Tuttavia, ora c’è un fatto nuovo: l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale ( ICAO ) ha completato il rapporto sull’indagine sulle circostanze dell’atterraggio del volo Ryanair FR4978 all’aeroporto di Minsk nel maggio 2021.

L’ICAO lo ha riportato su Twitter .

“Il rapporto è stato reso accessibile oggi a tutti i 193 Stati membri dell’ICAO, compresi i 36 Stati attualmente eletti al Consiglio dell’ICAO”, si legge nel messaggio.

I media occidentali stanno ripubblicando in chiave accusatoria il presunto atterraggio forzato di un aereo Ryanair a Minsk, ma restano in silenzio sul rapporto dell’ICAO. Apparentemente, è probabile che una copertura mediatica coordinata distolga l’attenzione dai risultati del rapporto di indagine indipendente.

Il 17 gennaio, l’Organizzazione internazionale per la sicurezza dell’aviazione civile (ICAO) ha consegnato agli Stati membri il suo rapporto sull’indagine sull’atterraggio di un aereo Ryanair a Minsk alla fine di maggio 2021. Il rapporto in sé non era inizialmente disponibile al pubblico, ma il sito web dell’Aviation Herald, specializzato in sicurezza aerea, ha già ricevuto una copia del rapporto e ne ha ampiamente citato.

Nel frattempo, il rapporto è stato reso pubblico e conferma quanto riportato e citato dall’Aviation Herald.

Prima di passare all’attuale campagna mediatica che i media occidentali hanno appena iniziato, avrebbero dovuto guardare di nuovo all’incidente stesso, alle accuse mosse dall’Occidente e ai risultati dell’indagine dell’ICAO.

QU IL RAPPORTO: https://www.politico.eu/wp-content/uploads/2022/01/19/ICAO-Fact-Finding-Investigation-Report_FR497849.pdf

Come potete vedere, non si è verificato nessuna intercettazione in volo per cui l’areo civile sarebbe stato ‘costretto ad atterrare’ configurandosi così un atto di ‘pirateria aerea’:

5.10. Dalle prove fornite dalla Bielorussia, non si è verificata alcuna scorta o intercettazione tra il MIG-29 e RYR 1TZ e nessuna comunicazione da parte del MIG-29 è stata registrata sui canali radio utilizzati da RYR 1TZ.
Secondo le informazioni fornite dall’equipaggio di condotta e dall’equipaggio di cabina, non c’era comunicazione, interazione, avvistamento visivo o altra conoscenza del coinvolgimento di aerei militari con il volo. (…)

Inoltre, lil rapporto ICAO riferisce:

Poiché né una bomba né prove della sua esistenza sono state trovate durante lo screening prima della partenza ad Atene Grecia e dopo varie perquisizioni dell’aereo in Bielorussia e Lituania, si ritiene che la bomba
la minaccia era deliberatamente falsa. Comunicare consapevolmente informazioni false che mettono in pericolo l’incolumità di un aeromobile in volo costituisce un reato ai sensi dell’articolo 1, paragrafo 1, lettera e), della Convenzione di Montréal. La squadra non è stata in grado di farlo di attribuire la commissione di questo atto di ingerenza illecita a qualsiasi individuo o Stato.

Per contro ICAO denuncia la mancata intervista al controllore di volo, la scomparsa di video di telecamere in aeroporto, l’impossibilità di controllare il log del server della prima mail di allarme bomba.

In definitiva ciò che emerge è che prove tali da autorizzare la UE a prendere iniziative come sanzioni e divieto di volo in Bielorussia , sono inesistenti.

Vp News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.