Vita e morte dei cristiani d’Oriente

“Se la situazione rimane come è ora, i Cristiani del Medio Oriente scompariranno in un decennio, anche in Libano”

Mons Saliba, tuttavia, non è un pessimista. È un uomo tenace di forza e fede. Originario della Siria, appartenente ad una comunità vittima di massacri e spostamenti, è più consapevole di altri della fragilità dei cristiani in Medio Oriente.

“Il 70% dei cristiani siriani hanno lasciato il paese dall’inizio della guerra nel 2011. Il paese aveva più di due milioni di cristiani di tutte le comunità. Vivevano principalmente ad Aleppo, Damasco, Wadi al-Nassara e Hasakah (zona conosciuta nel mandato francese come al-Jazeera, e che comprendeva una serie di minoranze).

L’85% dei cristiani in Iraq, che nel 2003 erano circa 1,5 milioni alla caduta di Saddam Hussein, non vivono più nel loro paese. Il loro esodo si è accelerato con l’arrivo di ISIS nel 2014.
Questi cristiani sfollati dal Medio Oriente si sono stabiliti in Canada, Australia ed Europa in paesi come Germania, Svezia, Paesi Bassi e Belgio.

“I cristiani che hanno lasciato la regione non torneranno più in patria. Si raduneranno con le loro chiese e i loro figli gradualmente perderanno la loro appartenenza al Medio Oriente. 1400 anni fa, abbiamo perso l’uso del nostro linguaggio aramaico a causa delle conquiste musulmane. Oggi, a causa del fondamentalismo islamico, alla fine perderemo la lingua araba che abbiamo imparato perfettamente “, insiste Mons. Saliba, uno studioso che conosce a memoria migliaia di poesie nelle lingue aramaiche e arabe.

“In Libano, vi sono molti cristiani della comunità siriaca, che attualmente conta 80.000 anime. La maggior parte di loro discendenti dei sopravvissuti di massacri Seifo nel 1916 sotto Impero ottomano, non detiene la cittadinanza libanese. Questo è uno dei motivi che li ha spinti a partire “.

“Il futuro appartiene all’Islam”

Per la maggioranza dei cristiani in Oriente, il Libano, con il suo presidente maronita, la sua amministrazione mista, la sua libertà di culto e il suo pluralismo, rimane il paese ideale, che essi sognano come rifugio.

“L’unico capo di stato libanese che aveva capito l’importanza del Libano per i cristiani d’Oriente era Camille Chamoun. Aveva lavorato concretamente durante il suo mandato (1952-1958) per fare del Libano un paese rifugio per tutti i cristiani orientali. Da allora, nessuno è mai stato sensibile alle testimonianze dei cristiani in Turchia, Palestina, Siria, Iraq e Giordania “, osserva.  Camille Chamoun aveva aiutato molti cristiani della regione che vivevano in Libano ad avere accesso alla nazionalità libanese, sapendo che questa nazionalità non è acquisita dal diritto del suolo (ius soli) ma dal diritto del sangue (ius sanguinis).

Il vescovo Saliba ha detto in risposta a una domanda:

“Dobbiamo affrontare i fatti, è necessario che i leader politici cristiani libanesi si sveglino, credano davvero nel pericolo e agiscano di conseguenza. Ma visto come stanno le cose, non sono affatto ottimista al riguardo. ”

“I siriaci (come gli Armeni, gli Assiri e i Greci di Costantinopoli) sono discendenti di sopravvissuti a massacri. Sì, abbiamo molte chiese in Turchia, sia per visitare Abdeen a Diarbakir in Urfa o Mardin … Sì, sono belle e antiche, a testimoniare l’antica cristiana appartenenza della regione. Ma a cosa servono se sono vuote e chiuse, se non ci sono più parrocchiani?”

martella il vescovo siriaco-ortodosso, prima di continuare:

“Dicono che l’area del Libano è di 10 452 km². Per cosa sarà usato questo territorio se questo paese viene svuotato dai suoi Cristiani? “.

Per Saliba, un uomo aperto e tollerante la cui porta è aperta a tutti, “il futuro appartiene all’Islam”.

“Guarda cosa sta succedendo in Europa in questo momento. L’Occidente è ateo, con i cambiamenti demografici e lo spostamento delle popolazioni che si stanno verificando oggi, alla fine diventerà islamico. Questa islamizzazione non riguarda solo il Medio Oriente in cui i cristiani sono scomparsi, ma l’intera Europa che non solo diventerà atea, ma anche musulmana”, dice in conclusione.

Source link: Ora Pro Siria

Print Friendly, PDF & Email