Vietate alla Russia le olimpiadi del 2018

La Russia è stata esclusa per la seconda volta dalle olimpiadi invernali. Ciò che è sconcertante  è l’inconsistenza delle accuse formulate nell’analoga esclusione avvenuta nel 2014 su cui si basa la nuova esclusione.  Come ricorderete, nel settembre 2017,  l’agenzia mondiale antidoping (Wada) – come risultato dell’indagine –  aveva sollevato dalle accuse ben 95 atleti russi su 96. Olivier Niggli, direttore generale dell’agenzia aveva riconosciuto che “Le prove disponibili non sono state sufficienti per sostenere l’accusa, contro questi 95 atleti”. Il rapporto interno era stato pubblicato sul New York Times.

5 dicembre 2017 – di Inessa Sinchougova – Fort Russ News

Il Comitato olimpico internazionale (CIO) ha stabilito che gli atleti russi possono competere solo con una bandiera neutrale in Corea del Sud nel febbraio 2018.

Competere come neutrali senza una squadra nazionale significa che gli atleti non prenderanno parte alla cerimonia di apertura e l’inno del loro paese non verrà giocato quando vinceranno le medaglie. Il presidente russo Vladimir Putin ha descritto l’opzione come una risposta “umiliante” del CIO.

In precedenza, il presidente Putin ha dichiarato che vietare la Russia dai Giochi è una mossa politica, basata sul fatto che manca solo un mese dalle elezioni presidenziali russe nel 2018.

Abbiamo forti sospetti che, a causa della nostra presunta “intromissione nelle elezioni americane”, vorrebbero creare difficoltà prima dell’elezione del Presidente della Russia. “- Vladimir Putin

Tali difficoltà creeranno pressioni sulla campagna presidenziale di Putin in corso, basate sull’insoddisfazione della società in generale. Esse precisamente faranno leva su “il doping sponsorizzato dal governo” che è da biasimare.  Però in realtà l’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha preso il provvedimento senza prove concrete.

A novembre, le principali agenzie antidoping del mondo (parte dell’INADO – Institute of National Anti-Doping Organizations, come menzionato nel discorso del Presidente della WADA su RT di seguito, “gruppo di NADO”) si sono riunite per chiedere che alla Russia fossero vietati i Giochi olimpici invernali nel 2018.

Tra le agenzie anti-doping che hanno fatto tali richieste ci sono due agenzie, l’agenzia antidoping statunitense e l’agenzia anti-doping del Regno Unito, che hanno avvertito il CIO ” la propria continua riluttanza a far partecipare la Russia a causa di uno dei più grandi scandali nella storia dello sport ai Giochi di Sochi 2014, che ha minacciato il futuro del Movimento olimpico “.

La dichiarazione congiunta delle NADO diceva: “Il CIO deve smettere di calciare il barattolo lungo la strada e imporre immediatamente conseguenze significative. L’incapacità di indagare rapidamente sul doping individuale degli atleti russi rappresenta un chiaro e presente pericolo per gli atleti puliti di tutto il mondo  ai Giochi invernali del 2018. ” C’è da dire che il presidente della WADA è chiaramente in disaccordo con questa parziale retorica, come si può rilevare vedendo il video.

La logica suggerirebbe che se gli atleti fossero davvero sotto doping, non gli sarebbe stato permesso di competere affatto, al contrario di poterlo fare sotto una bandiera neutrale. La Corea del Sud, dove si svolgono i Giochi olimpici, subirà indubbiamente una perdita di entrate dai tifosi russi (essendo in prossimità dell’estremo oriente russo). I canali televisivi russi hanno anche dichiarato che non acquisteranno diritti di trasmissione dei Giochi se la squadra russa non parteciperà.

 

Related

JOIN THE DISCUSSION