Ministro della Difesa iraniano a Damasco per accordo militare di reciproca difesa

Il Ministro della Difesa iraniano ha portato progetti di accordo con Damasco che la Russia e la Siria sono impegnati a riflettere su un attacco USA-Israele contro l’asset iraniano in Siria

Domenica 26 agosto, il ministro della Difesa iraniano Amir Khatami è arrivato alla testa di un’importante delegazione militare iraniana per una visita di due giorni a Damasco nel momento poco conveniente per i leader dei paesi del mondo,  ovvero per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il presidente russo Vladimir Putin, il primo ministro Benjamin Netanyahu e il presidente siriano Bashar Assad.

Dal punto di vista iraniano, la visita di Khatami serve esattamente la tattica e la strategia dell’ayatollah iraniano Ali Khamenei.

La visita costringe ciascuno di questi quattro leader a prendere decisioni urgenti.

Khatami è arrivato a Damasco solo quattro giorni dopo che gli Stati Uniti e Israele hanno lanciato un’operazione militare congiunta contro le brigate Al-Quds delle Guardie rivoluzionarie iraniane e le milizie sciite (giovedì 23 agosto). In queste azioni, grandi forze aeree hanno attaccato i convogli della milizia irachena Khataib Hezbollah nella Siria orientale, vicino al confine siriano-iracheno nel distretto di Abu Kamal.

Gli Stati Uniti, Israele, Siria e Iran ignorano questo attacco, come se nulla stesse accadendo.

Ma la Russia sta agendo!
Questo attacco ha portato al fallimento dei colloqui tra il consigliere della sicurezza nazionale John Bolton e il consigliere per la sicurezza nazionale Nikolai Patrushev giovedì 23 agosto a Ginevra e la ripresa delle tensioni militari tra gli Stati Uniti e la Russia in Siria.

Alla fine della settimana, Mosca è tornata a chiedere che le forze armate statunitensi dovrebbero essere ritirate immediatamente dalla Siria, dato che vi permangono illegalmente .

Diplomatici russi di alto rango, come il Vice Ministro degli Affari Esteri della Russia Sergey Ryabkov, hanno avvertito gli Stati membri a non adottare misure affrettate in Siria, ed i deputati della Duma russa sono arrivati sollecitare il Ministero della Difesa russo per posizionare le armi nucleari tattiche in Siria.

Il trasferimento delle navi da guerra russe dal Mar Nero al Mediterraneo orientale è stata larisposta di Mosca alla concentrazione delle forze navali americane, britanniche e francesi nella regione.

In altre parole, la cooperazione USA-Russia che ha prevalso in Siria nel mese di luglio, quando le forze russe, siriani e iraniani sequestrati il territorio, con il tacito consenso di Washington, al confine con Israele, è crollata e gli USA hanno intensificato un accumulo di presenza militare contro l’Iran  in Siria.

L’amministrazione Trump ha sostituito i suoi ex partner in Siria – i russi, con nuovi, più precisamente, vecchi alleati, ovvero con Israele.

Il presidente russo Vladimir Putin ritiene che questo cambiamento nella politica degli Stati Uniti è una  minaccia agli interessi russi in Siria e in Iran e costituisce una minaccia per lo stato e la stabilità del presidente siriano Bashar al-Assad, che è sostenuto dalle forze iraniane e milizie sciite filo-iraniani.

Ma Teheran non vuole lasciare la situazione politico-militare strategica nelle mani della Siria al presidente russo Vladimir Putin, di cui non si fida, e, naturalmente, non nelle mani del presidente siriano Bashar al-Assad, su cui si basa ancora di meno.

La leadership iraniana vuole essere sicura che quando continuerà l’attacco USA-Israeliano sulle forze iraniane in Siria, Assad starà con Teheran, piuttosto che con Mosca, che ha già informato Washington e Gerusalemme che non interferisca con questi attacchi.

L’Iran vuole essere sicuro che quando le sue forze, inclusi i miliziani sciiti, saranno attaccati, le forze siriane, in particolare la difesa aerea siriana, parteciperanno ai combattimenti.
Per Assad, e Putin il momento attuale è uno stadio molto difficile  della guerra in Siria: se l’Iran non riceverà garanzie dai russi e dai siriani che sarà difesa dall’attacco USA-Israele, non rafforzerà le forze di Mosca e Damasco nel nord Siria.

Queste garanzie sono contenute nel progetto di nuovo accordo di difesa tra l’Iran e la Siria, che il generale Amir Khatami ha portato con sé in Siria e Assad, se vuole riprendere il controllo di Idlib, dovranno firmare questi progetti.

Per quanto riguarda Israele,  ha promesso che la Siria non sarà oggetto di un’ azione militare statunitense-israeliana per cacciare l’Iran come  come Washington e Gerusalemme stavano pensando la scorsa settimana, quando il primo ministro Benjamin Netanyahu ha incontrato l’US National Security Advisor John Bolton.

fonte Debka.com (https://www.debka.com/iran-demands-guaranteed-russian-syrian-backing-against-us-israeli-offensive-in-syria/ )