Le forze speciali russe eliminano le milizie che hanno effettuato attacchi alla loro base in Siria

Di  Tyler Durden

L’esercito russo ha annunciato venerdì di aver  individuato ed eliminato un gruppo di ribelli coinvolti negli attacchi alla principale base russa in Siria  dopo aver mobilitato ”  tutto il personale e le attrezzature del sistema di intelligence militare multilivello russo in Siria  “, in particolare le sue truppe d’élite delle forze speciali.

L’  attacco di capodanno fu guidato da una piccola squadra di insorti armati di mortai  che riuscirono a uccidere due soldati russi danneggiando fino a sette aerei alla base aerea di Hmeymim fuori da Latakia. in Siria, che rappresenta la più grande perdita di equipaggiamenti militari russi durante la campagna siriana.

Soldati delle forze speciali russe in Siria. Fonte dell’immagine: media militari russi tramite il Washington Post

Questo è stato seguito da un  attacco coordinato il 6 gennaio  alla base con 13 droni pesantemente armati che hanno fatto notizia questa settimana mentre i funzionari della difesa russi, incluso lo stesso Presidente Putin, hanno dichiarato che i miliziani devono aver ricevuto assistenza esterna o sponsorizzazione da uno stato , data la complessità dell’operazione e la presenza di tecnologia satellitare avanzata e armi con UAV.

I danni a uno dei sette aerei russi colpiti durante l’attacco di mortaio del 31 dicembre alla base aerea di Hmeymim. Foto via Roman Saponkov

In risposta a questi attacchi,  le unità delle forze speciali russe sono stati immediatamente mobilitate e hanno condotto  operazioni  mirate  sulla base delle informazioni che hanno contribuito a identificare la posizione dei primi colpi di mortaio. Il ministero della Difesa russo ha indicato che tutte le risorse di intelligence e di operazioni speciali a sua disposizione sono state mobilitate per questa operazione. Secondo l’agenzia russa  TASS  :

Un gruppo di forze speciali russe ha localizzato la posizione della milizia vicino al confine occidentale della provincia di Idlib.

“Quando i terroristi arrivarono nel luogo in cui dovevano salire a bordo di un minibus, l’intero gruppo sovversivo fu eliminato dalle munizioni ad alta precisione di Krasnopol [vedi sotto]”, ha detto il ministero. Il ministero della Difesa russo ha aggiunto che tutto il personale e le attrezzature del sistema di intelligence militare multilivello russo in Siria erano stati coinvolti nell’operazione.

Krasnopol 2K25 è un proiettile semiautomatico, guidato da laser, calibro 152 mm, stabilizzato alle alette, lanciato da cannoni russi. Viene automaticamente inserito in un punto illuminato da un indicatore laser, solitamente gestito da un osservatore di artiglieria terrestre. Fonte: Wiki Commons

Contemporaneamente a questa operazione, i funzionari della difesa hanno detto che l’artiglieria russa ha preso di mira e distrutto un impianto di assemblaggio di droni e un deposito vicino a Idlib, controllato da Al Qaeda, che si ritiene sia stato distrutto. probabilmente faceva parte dell’attacco del 6 gennaio – che, anche se sarebbe stato contrastato – ha sollevato serie preoccupazioni sulla vulnerabilità e la sicurezza della base straniera più attiva della Russia.

Inoltre, i rapporti TASS  sul deposito dei drone riferisce  :

Secondo il ministero della Difesa, le munizioni di artiglieria di precisione ‘Krasnopol’ hanno distrutto il deposito e il deposito di droni terroristi nella provincia siriana di Idlib. ”  La ricognizione militare russa ha scoperto un posto nella provincia di Idlib dove si raccoglievano e immagazzinavano droni ad ala fissa . Il deposito è stato distrutto dalle munizioni di artiglieria di precisione Krasnopol “, ha affermato il ministero della Difesa.

L’esercito russo ha detto che i droni arrivavano dal villaggio di Muazarra (Idlib), situato a circa 50 chilometri di distanza, rendendo Ahrar Al Sham o Hay’at Tahrir Al Sham i primi colpevoli. I due gruppi, anche se classificati come organizzazioni terroristiche dal Pentagono, hanno ricevuto assistenza diretta e indiretta dalla CIA e servizi di intelligence alleati a vari livelli durante la guerra, in  particolare durante  la campagna del 2015 per strappare la città di Idlib città   controllo governativo siriano.

”  Sappiamo chi erano e quanto sono stati pagati per questa provocazione  ”  , ha detto Putin, che  ha dichiarato di avere prove che i ribelli hanno avuto aiuti esterni,  presumibilmente da agenzie di intelligence esterne.

Anche se la Russia non ha fornito alcuna palese evidenza di sponsorizzazione delle operazioni della milizia Idlib contro la base di Khmeimim, Putin avrebbe rassicurato il presidente turco Erdogan per telefono che la Russia sapeva che non era responsabilità turca ed ha  accusato i “provocatori” di tentare di far deragliare il delicato accordo raggiunto a Sochi lo scorso novembre . Il prossimo round di colloqui dovrebbe iniziare a fine gennaio, il che ha ulteriormente rafforzato i sospetti russi in merito ai tempi dei recenti attacchi.

Venerdì, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha accusato Washington di impegnarsi dietro le quinte con i gruppi di opposizione siriani coinvolti nel processo di Sochi al fine di sabotare gli sforzi russi per raggiungere un accordo di pace e una soluzione alla guerra in Siria. Il Pentagono ha negato con veemenza ogni coinvolgimento in attacchi contro basi russe o personale russo in Siria [ma nel mese di gennaio 2018 numerosi esponenti di sigle ribelli sono stati convocati a Washington NDR Vietato Parlare].

Fonte: https://www.zerohedge.com/news/2018-01-13/russian-special-forces-eliminate-militants-behind-massive-drone-attack-syria