La frode elettorale in Honduras segue decenni di corruzione finanziati dalla guerra agli stupefacenti negli Stati Uniti

Danielle Marie MACKEY

Nella notte  del 2 dicembre 2017, una donna honduregna nella provincia rurale di Olancho stava protestando contro ciò che ha visto come un’elezione rubata. La donna, incinta di otto mesi, rimase per le strade in violazione del coprifuoco nazionale, e urlò al fianco di una moltitudine ribelle, “Fuera JOH!” (“Out JOH!”), Riferendosi al presidente in carica, Juan Orlando Hernández, che molti credono che siano state fraudolentemente truccate le elezioni a suo favore per mantenere il potere. Le forze armate e di polizia dell’Honduras hanno inondato le strade per far rispettare il coprifuoco, e la donna è stata colpita nell’addome, secondo quanto riferito da un soldato. È stata portata di corsa in una clinica vicina dove il suo bambino è stato consegnato da un parto cesareo di emergenza. Il bambino è nato con una ferita da arma da fuoco alla gamba.

Il coprifuoco e la violenza sono stati scatenati da una strana, contestata elezione. Il giorno prima che gli honduregni andassero alle urne, The Economist  pubblicò le prove  di quello che sembrava essere un piano del partito nazionale di Hernández per commettere una frode sistematica. Il giorno successivo, il 26 novembre, i risultati delle elezioni si sono susseguiti in onde discordanti: prima un grande vantaggio dell’opponente di Hernández, Salvador Nasralla, e poi il sistema di voto elettronico è andato in onda. Quando il sistema è tornato, Hernández stava vincendo. Fu quindi proclamato vincitore con un sottile margine. Osservatori internazionali hanno  notato “Forti indizi di frode elettorale”, e un parziale conteggio ha ancora consegnato la vittoria a Hernández. Seguirono proteste imballate e strade militarizzate. Al 22 dicembre, le organizzazioni per i diritti umani nel paese hanno contato più di 30 persone uccise dalle forze di sicurezza, di cui almeno quattro avevano meno di 18 anni.

Dopo aver consegnato il bambino ferito, il medico della clinica ha spedito madre e bambino in un ospedale di Olancho per cure specialistiche. Quindi, scosso dall’esperienza, il dottore ha condiviso con una manciata di colleghi diverse fotografie scattate dai pazienti, che ha incorniciato accuratamente per asportare i loro volti. Dopo che qualcuno ha caricato le foto su Facebook, il medico ha ricevuto minacce di morte.Anche se ha rifiutato di parlare per timore della sua incolumità, il dottore non sa chi lo ha minacciato. In questa provincia, c’è la sensazione che il pericolo possa venire da qualsiasi luogo.

“So che sembra cospiratore”, mi ha detto un giornalista di Olancho che seguì il caso della bambina, “ma Olancho e tutta la parte orientale del paese sono coperti da una sorta di nebbia, più che altro a causa delle droghe che si muovono attraverso il posto. “Il giornalista ha chiesto l’anonimato, come tutti gli altri, a causa della paura. La nonna del giornalista lavorava in una fattoria a Olancho dove 14 persone, compreso il clero religioso, furono uccise in un  massacro durante le proteste di riforma agraria  nel 1975. Altri tre membri della famiglia morirono violentemente tra il 2012 e il 2014, due a Olancho.E nei due anni successivi, 19 membri della famiglia del giornalista hanno lasciato la provincia per gli Stati Uniti, senza documenti e disperati.

Storie simili abbondano. In realtà, questa realtà permea l’Honduras, sebbene in Olancho abbia un sapore particolare. È radicato nella corruzione alimentata dall’Honduras e dall’élite internazionale per generazioni. In cima a questa fondazione, infuria il conflitto elettorale del 2017, una pira in cui si può nascere già vittima di violenza armata.

 

Ufficio municipale di Concordia, nella provincia dell’Honduras di Olancho, il 3 agosto 2015

Foto: Danielle Mackey

OLANCHO È IL “selvaggio West” dell’Honduras, soprannome usato anche dall’ambasciata americana . Ha una schiera di motti da abbinare: “La sovrana Repubblica di Olancho”, dove è “facile entrare, difficile da conquistare”, ei cui spavaldi cowboy sono chiamati “olan-machos”. È stato storicamente dominato da tre scambi di oro-corsa che hanno prodotto fortune per pochi: allevamento di bestiame, disboscamento e estrazione mineraria. Olancho è la città natale di un  leggendario bandito, una terra di famiglie che si è evoluta in clan rivali, dove i residenti sono noti per rivendicare la loro nazionalità prima come Olanchano. E in linea con il carattere autonomo, Olancho è diviso politicamente: un centro di popolazione, Juticalpa, è la casa del proprietario e l’ex presidente del partito nazionale di destra, Porfirio Lobo, quindi Juticalpa è lealmente nazionalista. L’altro centro della popolazione, Catacamas, favorisce Manuel Zelaya, un boscaiolo cresciuto lì che in seguito divenne il presidente di sinistra spodestato in un  colpo di stato del 2009 . Il resto di Olancho cade da qualche parte nel mezzo o da nessuna parte. Un altro dei motti della provincia descrive la divisione: tierra de nadie, terra di nessuno.

La provincia di Olancho è più grande di tutto il paese vicino di El Salvador. Si estende gran parte dell’estremità orientale dell’Honduras. Questa posizione è stata particolarmente sfortunata dal 2006, quando la pressione della guerra alla droga americana ha deviato la maggior parte del traffico dalla sua rotta precedente e invece direttamente attraverso l’America centrale. Olancho, e la frangia orientale dell’Honduras che domina, è diventata un corridoio: a sud c’è il confine terrestre con il Nicaragua; a nord e ad est, i Caraibi, che funge da confine marittimo con i produttori del Sud America e i consumatori del nord. Le droghe sono costrette a passare se galleggiano, guidano o volano. “Il problema che viviamo è geopolitico – non c’è dubbio su questo”, ha detto Bertha Oliva, nativa di Olancho e difensore dei diritti umani  , in un’intervista nel suo ufficio di Tegucigalpa.

In Olancho, c’è la sensazione che il pericolo possa venire da qualsiasi luogo.

Olancho è stupendo, con foreste pluviali sopraelevate a filo con orchidee e acqua fresca che precipita maestose scogliere, che si riversano nelle foreste pluviali delle pianure o negli smeraldi pascoli e valli. Ma una storia sinistra giace sotto la superficie e si rivela solo indirettamente. Come nei recinti con la punta bianca che fiancheggiano l’autostrada di Olancho: un ranch  fino a poco tempo fa di  proprietà di Juan Ramón Matta-Ballesteros, l’uomo contratto dalla CIA per dirigere i suoi aerei durante l’Iran-Contra, che in seguito progettò l’unione del Cartelli colombiani e messicani in America centrale. O il modesto edificio in stucco in una baia al largo di un’altra strada locale, segnato da un cartello metallico esposto all’aria all’ingresso: “El Aguacate Military Runway” – una volta la piattaforma di atterraggio per rifornimenti illegali illegali negli Stati Uniti in rotta verso i Contras in Nicaragua.

Anni dopo, gli olanchanos affrontarono nuovi terrori – non più una controinsurrezione imperiale ma il commercio della droga. Si ricordano quel tempo come un free-for-all. Gli aerei della droga usavano le autostrade come piste di atterraggio a mezzanotte. I veicoli a prova di proiettile circolavano senza targa, e tutti gli altri dovevano guidare con i finestrini abbassati in modo che potessero essere facilmente identificabili come un locale non minaccioso. Ci sono state battaglie a fuoco a tutte le ore e uccisioni mirate per eliminare le persone considerate non gradite dai narcos: membri delle bande, donne transgender, bambini di strada. E forse più di ogni altra cosa, la cocaina per il consumo individuale era disponibile ovunque: dietro l’angolo, nel parco, nel fruttivendolo del quartiere. I Narcos spesso pagavano il loro aiuto Olancho in natura.

I dati di interdizione estratti dal Consolidated Counterdrug Database del governo degli Stati Uniti mostrano che la quantità di cocaina sequestrata in Honduras è triplicata dal 2005 al 2006, raggiungendo 21.320 chilogrammi. I totali annuali sono rimasti ugualmente alti fino al 2009, anno del colpo di stato, quando il totale è salito alle stelle a 70.272 kg.Quindi, tra il 2010 e il 2011, le agenzie governative degli Stati Uniti hanno riportato circa 250.000 kg di cocaina intercettati in Honduras.

Tegucigalpa, aiutato da Washington, iniziò una  repressione  visibile agli olanchanos entro il 2011. La polizia delle forze speciali, in unità note come Cobra e Tigri, accompagnata dall’ufficio dei militari e dei pubblici ministeri, fece irruzione nelle ville, negli alberghi, nelle imprese di costruzione, negli impianti di confezionamento della carne , uffici del sindaco, outlet, miniere di minerali e  giardini zoologici privati ​​in  tutta Olancho nei prossimi anni. La polizia Cobras è rimasta per occupare alcune aree. I residenti dicono di aver visto spesso agenti dell’amministrazione delle droghe statunitensi che accompagnavano i raid. Le agenzie statunitensi hanno registrato un calo dei chilogrammi intercettati nel 2012 – a poco più di 68.000 kg – e nel 2014 l’importo era sceso a circa 30.000 kg. In risposta alla repressione, i narcos sono andati sottoterra.

Ma i narcos che si scatenarono a Olancho non erano responsabili del gioco. I maestri della scacchiera sono l’élite. Nel gennaio 2015, il capo di uno dei cartelli di Olancho, i Cachiros, fu tra quelli catturati ed estradati per essere processato nel distretto meridionale di New York. Una volta sul palco, Devis Leonel Rivera Maradiaga ha  indicato  la DEA a Fabio Lobo, il figlio del bovaro Olancho ed ex presidente. Più tardi, fu arrestato ad Haiti e il suo personale personale di polizia, che assicurò il passaggio sicuro per le droghe, fu arrestato in Honduras. Quindi il fratello di Hernández fu chiamato a Washington per rispondere del suo apparente  coinvolgimento con un grande trafficante. Nello stesso mese, in un caso diverso, quando un informatore della DEA messicano diventato agente della DEA si è offerto di aiutarlo a spostare la droga attraverso l’Honduras, ha  nominato l’attuale ministro della sicurezza di Hernández, Julian Pacheco, un alleato di lunga data dell’esercito americano e laureato alla School of the Americas di Fort Benning, in Georgia.L’informatore disse anche che era il figlio di Lobo che lo aveva presentato a Pacheco.

Gli Olanchanos non sono ingannati: sanno che i leader del gioco della droga sono le stesse reti corrotte. Le strade ora possono essere più tranquille, ma continuano a governare e rendono nota la loro presenza.

Olanchanos riconosce le tracce delle reti di droga perché sono “fuori luogo”, fuera de lugar. Per esempio: le birre tedesche importate nei frigoriferi fatiscenti dei negozi d’angolo di Catacamas, che si rivolgono a gusti costosi non da quelle vicine. L’ufficio del sindaco di Concordia, costruito come un castello, contro il quale appoggiano le case dei residenti, baracche di blocchi di argilla. Avvistamenti di limousine che compaiono improvvisamente e si snodano su strade sterrate. Libri di poesia di Elegiac, venduti nelle stazioni di servizio intorno a Juticalpa, in onore dell’ex sindaco Ramón Sarmiento, arrestati per possesso illegale di armi.

Un’altra traccia della loro presenza è abbastanza grande da essere vista dallo spazio.

 

Narcodeforestation nella Riserva della Biosfera Río Plátano, nella provincia dell’Honduras di Olancho, il 2 agosto 2015

Foto: Narcodeforestation scientist tea

NELL’ESTATE del 2015, un gruppo di scienziati statunitensi si è incontrato in un’aula dell’Università dell’Arizona. Hanno studiato una tendenza che chiamano  narco-deforestazione : alberi rasi al commercio di droga. All’improvviso uno scienziato rimase senza fiato e girò lo schermo del computer in modo che il resto potesse vedere. Un collega honduregno ha caricato su Facebook un’immagine satellitare del centro di una foresta pluviale protetta che attraversa Olancho, la Riserva della Biosfera del Rio Plátano.L’immagine era un cimitero di alberi tagliati. L’estensione della carneficina era quasi certamente troppo grande ed era successo troppo velocemente per essere finanziato da qualcosa di diverso dalle droghe.

Mark Bonta, un geografo della Penn State Altoona, è uno degli scienziati e, all’inizio dell’estate, si trovava in un camion che percorreva un sentiero sterrato nel cuore della riserva. Tre altre persone hanno cavalcato con lui: Oscar, insegnante e avvocato di Olancho e José, agricoltore-ecologista di Olancho. Mi sono seduto accanto a José. Per un po ‘, la foresta pluviale di pianura apparve proprio come un terreno di 1,3 milioni di acri di terra protetta federalmente: Il canto degli uccelli tropicali sosteneva il verde frondoso, umido e denso. Ma poi siamo andati in rovina. Alberi abbattuti di recente covavano, un cimitero grigio che si estendeva fino all’orizzonte. Questo è ciò che viene chiamato il “fronte della colonizzazione”, il limite esterno di una zona di deforestazione.

Nell’età della guerra contro la droga americana, i tradizionali mestieri di Olancho – disboscamento, allevamento di bestiame, miniere – fungono da veicoli per riciclare denaro e droghe. Tutti portano alla deforestazione. Il ciclo di registrazione del bestiame è particolarmente utile: usa i profitti delle droghe per tagliare alberi, coltivare erba, comprare mucche e ogni fase del processo è come una bacchetta magica che trasforma il denaro cattivo in buono – e produce un ritorno sull’investimento. Quando è il momento di spostare fisicamente la droga fuori dalla regione, invia un semirimorchio pieno di quei prodotti oltre confine. La cocaina è stata trovata in molti prodotti dell’Honduras esportati, tra cui tronchi, bestiame, pasta di pomodoro e noci di cocco.

Quel giorno, mentre procedevamo, passammo pascoli di terra deforestata da molto tempo, ora colline erbose piene di bestiame splendente. La scena non sembrerebbe fuori luogo in Kentucky, ma questa è una riserva della foresta pluviale.

Abbiamo preso un pitstop quando il sentiero sterrato ha colpito un pezzo di case. Un uomo ci ha detto che ha lavorato fornendo trasporti, guidando il suo camion su e giù per la strada. Ha detto che il “secreto a voces”, il segreto parlato, è che le fattorie di bestiame qui intorno sono per lo più di proprietà dei narcos. Ha detto che proprio di fronte al fiume Coco che divide l’Honduras dal Nicaragua, il punto più lontano che il suo lavoro lo porta, ci sono grandi ranch di proprietà dei trafficanti colombiani. Abbiamo sentito voci simili in merito a molte altre regioni del paese: le operazioni di Narco, a volte in collaborazione con abiti internazionali e, a volte, con capri fatti in casa, sono la causa della rottura degli alberi.

In effetti, le immagini satellitari prodotte dagli scienziati mostrano la deforestazione attiva della foresta pluviale di pianura in cinque parchi nazionali dell’Honduras, tra cui la Riserva della Biosfera del Rio Plátano, un fronte di colonizzazione in crescita che attraversa il paese come una cintura orizzontale. Non tutta questa deforestazione è correlata alla narco. Dopotutto, il disboscamento e l’allevamento sono mestieri storici nella regione. La connessione al farmaco è un’ipotesi scientifica basata su immagini satellitari di cambiamenti di uso del suolo insolitamente rapidi, situati in rotte ben note del traffico, triangolate con le testimonianze di persone sul terreno e relazioni di organizzazioni che seguono le maree della corruzione.

Nell’età della guerra contro la droga americana, i tradizionali mestieri di Olancho – disboscamento, allevamento di bestiame, miniere – fungono da veicoli per riciclare denaro e droghe.

Siamo saliti sul camion, e lungo la strada offriamo giri a vari residenti locali che abbiamo trovato camminando lungo il bordo della strada. Un passeggero ci ha raccontato che suo nipote, un meccanico, ha trovato un lavoro in una compagnia nell’area di Río Sico della Riserva della Biosfera, nel territorio di La Mosquitia. (La Mosquitia è a nord-est di Olancho, il luogo di un famigerato massacro della DEA  .) L’uomo ha detto che suo nipote è arrivato a scoprire che il suo nuovo datore di lavoro era una miniera di proprietà dei narcos colombiani. Il nipote ha solo occasionalmente il permesso di tornare a casa per portare i suoi guadagni alla sua famiglia, ha detto il passeggero.

È una delle tante persone reclutate involontariamente al servizio dei trafficanti, ha detto Migdonia Ayestas, coordinatrice di un progetto che raccoglie e analizza i dati sulla violenza, con sede presso l’Università Nazionale Autonoma dell’Honduras o dell’UNH. È normale essere assunti per mansioni illecite mascherate da una professione normale, ha detto Ayestas, e difficile districarsi dalla situazione: non appena si sa che si tratta di un’operazione di narco, si sa troppo. Lasciare il lavoro significa essere canaglia. Il denaro della droga permea così completamente tutto ciò che, quando il progetto di Ayestas è stato premiato dal governo spagnolo per indagare sulle finanze della campagna nel 2014, l’università ha dovuto restituire i soldi, ha detto in un’intervista nel suo ufficio del campus.”Non siamo riusciti a trovare nessuno disposto a prendere il lavoro. La gente dice sempre”Da dove è nata questa campagna elettorale con così tanti soldi?” Volevamo una risposta scientifica a questa domanda “, ha detto. “Non potevamo perché nessuno osava farlo.”

Edmundo Orellana, che ha prestato servizio come procuratore dell’Honduras, ministro della difesa e delegato alle Nazioni Unite,  ha detto che l’economia honduregna si basa sul riciclaggio di denaro sporco. In un’intervista telefonica, ha detto che ha iniziato a notare l’industria legittima usata per riciclare fondi illeciti negli anni ’90 quando era un pubblico ministero. Mogol e politici erano “animati da quanto fosse facile fare soldi, ma anche dalla sicurezza che il sistema giudiziario non avrebbe raggiunto i loro obiettivi”. E poi arrivò la guerra alla droga. “La situazione attuale dell’Honduras, in cui è stata vittima del traffico di droga e del crimine organizzato in generale, è colpa degli Stati Uniti”, ha detto, continuando che è la strategia statunitense che ha spinto la guerra alla droga in America centrale. “Ciò che gli Stati Uniti stanno facendo dal suo punto di vista è buono, è giusto. Ma dal punto di vista dell’Honduras, il problema è diventato nostro. ”

Orellana indica anche il controllo locale ad alto livello del traffico di droga. Per illustrare, usa il caso del cartello di Cachiros. “Quando qualcuno del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha chiamato qualcuno nel governo dell’Honduras [nel 2015] per richiedere la cattura e l’estradizione dei Cachiros”, ha detto Orellana, gli Stati Uniti hanno menzionato una preoccupazione particolare: il cartello possedeva una società di costruzioni che era tra i Appaltatori favoriti del governo honduregno   per le strade asfaltate.

Hernández, che è in carica dal 2014, è scomodamente vicino al traffico di droga – in termini di volume puro che si è verificato sul suo orologio e per il presunto narcos tra la sua stessa gente. Altre critiche includono i suoi tentativi di portare tutti i rami del governo sotto il suo controllo, dalla Corte suprema al pubblico ministero, al Tribunale supremo elettorale e alla polizia militare. Poi c’è il fatto che l’Honduras è diventato, sotto di lui, il  posto più mortale al mondo per gli ambientalisti. Quella realtà è particolarmente evidente nell’omicidio irrisolto di Berta Cáceres, ma è diffusa al di là del suo caso.

Quando gli ambientalisti proteggono le risorse naturali, minacciano il profitto di coloro che hanno monopolizzato la terra e l’acqua – alcuni dei quali non sono solo politicamente potenti ma sono anche trafficanti documentati. Un esempio è il compianto Miguel Facussé, che era tra gli uomini d’affari più ricchi dell’America centrale. La sua compagnia Dinant è stata  sostenuta  in passato dalle Nazioni Unite e ora dalla Banca Mondiale.Facussé è stato  sospettato  di traffico di droga dal governo degli Stati Uniti e Dinant è ancora il proprietario di migliaia di  persone di ettari di piantagioni di olio di palma su terreni contesi. Mentre difendono quella terra, più di 100 contadini sono stati uccisi dalle forze di sicurezza private di Facuss che lavorano di concerto con l’esercito honduregno, il che illustra un altro pezzo del puzzle. Quando gli ambientalisti resistono a questi personaggi, spesso subiscono rappresaglie da parte delle forze di sicurezza statali che agiscono per volere dei proprietari terrieri, come è  successo  a Cáceres. La polizia e l’esercito honduregni sono stati  addestrati  da Stati Uniti, Israele e Colombia, finanziati ogni anno da milioni di dollari USA.

La polizia militare honduregna fa la guardia accanto ai sostenitori del candidato dell'opposizione Salvador Nasralla mentre tengono una marcia di protesta il 3 dicembre 2017 a Tegucigalpa, nonostante lo stato di emergenza e un coprifuoco di 10 giorni imposto dal governo per fermare le manifestazioni violente scatenate da rivendicazioni di frode nelle elezioni presidenziali.  L'Honduras punta a riprendere il conteggio dei voti per definire il vincitore delle elezioni del 26 novembre tra il presidente Juan Orlando Hernandez e il candidato dell'opposizione Salvador Nasralla.  Una giovane donna è stata uccisa e almeno 12 civili sono stati feriti durante i violenti scontri scatenati dall'appello di Nasralla per i suoi sostenitori di scendere in piazza.  / AFP PHOTO / JOHAN ORDONEZ (Il credito fotografico dovrebbe leggere JOHAN ORDONEZ / AFP / Getty Images)

La polizia nazionale honduregna fa la guardia accanto ai sostenitori del candidato dell’opposizione Salvador Nasralla mentre tengono una marcia di protesta il 3 dicembre 2017 a Tegucigalpa, nonostante lo stato di emergenza e un coprifuoco di 10 giorni imposto dal governo per fermare le manifestazioni violente scatenate da rivendicazioni di frode nelle elezioni presidenziali.

Foto: Johan Oordonez / AFP / Getty Images

IL GOVERNO USA ha sempre saputo della cleptocrazia innata   dell’Honduras. Uno degli esempi più bizzarri di tale conoscenza era un cavo del Dipartimento di Stato   scritto a Tegucigalpa sulle franchise statunitensi di fast food in Honduras. L’autore del cavo ha osservato che la stessa manciata di famiglie detiene i diritti di marchi come McDonalds, Burger King, Pizza Hut e Pepsi e beneficia di “dubbie” agevolazioni fiscali concesse da un Congresso amichevole con apparentemente nessuna spiegazione legale, ad eccezione del fragile argomento che le catene di gringo portano turismo. (Un gringo ha mai viaggiato a Tegucigalpa per mangiare un Big Mac?) Un altro cavo, scritto dopo che Mel Zelaya è stato eletto presidente, ha  osservato che il suocero di Zelaya è un noto avvocato che, al tempo, contava tra i suoi clienti alcune persone nominalmente nemiche politiche di Zelaya, eminenti membri del Partito Nazionale. Uno dei clienti era Facussé, il barone delle palme. Il cavo ha anche rilevato che il padre di Zelaya possedeva la fattoria Olancho, che era il luogo del massacro del 1975 dei sostenitori della riforma agraria.

Tuttavia, le successive amministrazioni statunitensi hanno scelto di coltivare quell’oligarchia, in particolare la fazione dalla destra politica. Inserisci presidente Juan Orlando Hernández, descritta in un Dipartimento di Stato  cavo  come qualcuno che ha “sempre sostenuto gli interessi degli Stati Uniti.” Hernandez conseguito un master in amministrazione pubblica presso l’Università dello Stato di New York ad Albany e ha un fratello che aveva ricevuto ampia attenzione a Ospedali militari statunitensi dopo essere stati feriti in un incidente di paracadutismo militare.

Ora Hernández e il suo partito nazionale sono scrutinati a livello globale e globale per raccogliere prove di frodi elettorali. Eppure, due giorni dopo l’elezione, il Dipartimento di Stato americano ha  certificato l’  Honduras come un paese che combatte la corruzione e rispetta i diritti umani e, quindi, può ricevere milioni di dollari in aiuti statunitensi. Il 2 dicembre, l’Ambasciata degli Stati Uniti a Tegucigalpa ha  annunciato di  essere “soddisfatta” con il ballottaggio, dicendo che “massimizza la partecipazione dei cittadini e la trasparenza”. Tre giorni dopo, il senatore statunitense Patrick Leahy ha condotto un piccolo coro di confutazione al Congresso: “Quelli di noi che abbiamo a cuore l’America centrale abbiamo visto le elezioni per il prossimo presidente dell’Honduras con crescente allarme “,  ha scritto, citando “un processo così carente di trasparenza” con “troppa sospetti di frode”. Del ruolo “problematico” dell’ambasciata americana nella crisi, il senatore ha scritto: “Spero che non sia un nuovo standard”.

In effetti, sembra essere un vecchio standard, se non una tradizione.

Il 17 dicembre, il Tribunale supremo elettorale ha ufficialmente incoronato il presidente eletto di Hernández. Quella notte, la delegazione di osservatori elettorali dell’Organizzazione degli Stati americani ha raccomandato la demolizione dei risultati e l’organizzazione di una nuova elezione. Nonostante le crescenti richieste dei senatori statunitensi di sostenere il verdetto dell’OAS, il 20 dicembre un alto funzionario del Dipartimento di Stato ha  affermato  che, a meno che non venga presentata un’ulteriore prova di frode, il governo degli Stati Uniti non ha “visto nulla che altera il risultato finale”. Due giorni dopo, il Il Dipartimento di Stato ha sigillato il destino dell’Honduras, congratulandosi Il presidente Hernández sulla sua vittoria, che prescrive un “solido dialogo nazionale” per “guarire il divario politico” e consiglia a coloro che dichiarano la frode di ricorrere alla legge dell’Honduras. Il Dipartimento ha concluso la sua dichiarazione chiedendo agli honduregni di astenersi dalla violenza.

theintercept.com

Fonte link

Related