Il Qatar è un alleato dell’Iran?

di Aymenn Jawad Al-Tamimi  (american Spectator)

Il Qatar è un alleato dell’Iran? Tale è la richiesta formulata contro di essa dai suoi due principali rivali del Golfo: l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti (EAU), che hanno imposto un blocco al paese. Si trova anche questa affermazione in qualche merito. Ad esempio, ecco un articolo di dicembre 2017 che divide il Medio Oriente tra un “asse di moderazione” e un “asse di resistenza”, quest’ultimo guidato dall’Iran e che presumibilmente includeva il Qatar nelle sue file. Un pezzo più recente ha caratterizzato il Qatar come un “primo finanziatore” del partner libanese iraniano Hezbollah.

Tuttavia, ci sono poche prove per sostenere questo ritratto del Qatar come parte di un blocco regionale a guida iraniana. Invece, il quadro che emerge è un paese che persegue le proprie politiche regionali, in parte in opposizione all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti. Il filo conduttore che può essere identificato nella politica del Qatar è il sostegno ai gruppi islamici sunniti – in parte basato sull’idea che questi gruppi rappresentassero la voce della strada nei paesi arabi dove scoppiarono disordini, in parte basati su un’atmosfera carica di settarismo causata dalla discesa della Siria nella guerra civile. Questo approccio del Qatar non è la stessa cosa di far parte di un asse guidato dall’Iran nella regione. Sono finiti i giorni in cui un movimento come Hezbollah godeva di una maggiore legittimità inter-settaria come forza di “resistenza” contro Israele.

I punti citati come presunta prova del sostegno del Qatar all’Iran e l’appartenenza ad un asse guidato dall’Iran hanno spiegazioni più plausibili, e in alcuni casi possono essere applicati, mutatis mutandis , ai rivali regionali del Qatar.

Si consideri il caso dei legami commerciali del Qatar con l’Iran . Non c’è dubbio che questi legami sono cresciuti, ma questo è in realtà il risultato del blocco imposto al Qatar, che ora è isolato dall’Arabia Saudita, il suo unico vicino di terra. Il blocco significa anche che gli aerei diretti e in partenza dal Qatar non possono utilizzare lo spazio aereo dell’Arabia Saudita, degli Emirati Arabi Uniti e di altri paesi che si uniscono al blocco. Inoltre, lo spazio aereo iracheno è evitato laddove possibile per motivi di sicurezza. Pertanto, gli aeromobili in partenza o in partenza per il Qatar devono spesso fare affidamento sullo spazio aereo iraniano nelle attuali circostanze.

Inoltre, il Qatar non è l’unico paese del Golfo ad avere legami commerciali con l’Iran. Ad esempio, gli Emirati Arabi Uniti sono stati acquirenti di petrolio iraniano . L’Iran ha anche esportato prodotti non petroliferi negli Emirati Arabi , che ha ospitato imprese iraniane sul suo territorio . Mentre questi legami commerciali stanno diminuendo, specialmente alla luce delle nuove sanzioni guidate dagli Stati Uniti contro l’Iran, sarebbe assurdo sostenere che i legami commerciali tra gli EAU e l’Iran sono esistiti perché gli Emirati Arabi Uniti sono un presunto alleato dell’Iran. Piuttosto, i legami commerciali sono stati semplicemente pragmatici, e i legami commerciali del Qatar con l’Iran dovrebbero essere visti nella stessa luce.

L’altro punto citato contro il Qatar è rappresentato dalle ingenti somme di denaro che, a quanto riferito, avrebbe consegnato all’Iran e ai gruppi sostenuti dall’Iran nel tentativo di ottenere la liberazione di ostaggi reali del Qatar , catturati in Iraq, apparentemente da un gruppo sostenuto dall’Iran. Ma quell’incidente non è la prova di un’alleanza del Qatar con l’Iran. Per prima cosa, un gruppo sostenuto dall’Iran non avrebbe preso in ostaggio il Qatar se l’Iran e i suoi alleati pensassero al Qatar come facenti parte dell’asse guidato dalla Iran nella regione.

C’è anche bisogno di una certa empatia analitica qui. Il Qatar non ha esattamente forze militari impressionanti. Potrebbe davvero aver lanciato un’operazione militare sul suolo iracheno per ottenere la liberazione degli ostaggi? Sarebbe stato anche difficile per le forze statunitensi avviare una simile operazione. Dato che la presenza militare USA in Iraq è per scopi contrari allo Stato islamico, autorizzare un’operazione contro un gruppo sostenuto dall’Iran (o qualsiasi milizia sciita, per quella materia) sarebbe altamente problematico.

In realtà, l’unica leva del Qatar in tutta la debacle era l’enorme quantità di denaro che il piccolo paese ha a sua disposizione. Alcune delle altre questioni che circondano i negoziati confutano anche il ritratto del Qatar come alleato dell’Iran. Parte dell’accordo per liberare gli ostaggi coinvolti nel coinvolgimento dei gruppi ribelli in Siria per garantire l’evacuazione di alcune aree assediate. Uno di quei gruppi ribelli era Ahrar al-Sham, un gruppo principalmente salafita che era stato a lungo sostenuto dal Qatar e dalla Turchia.

Se il Qatar fa parte dell’asse regionale iraniano, perché ha dato supporto a così tanto tempo ai gruppi ribelli siriani come Ahrar al-Sham, che hanno combattuto contro le forze iraniane e i gruppi sostenuti dall’Iran che sono stati schierati a sostegno del governo siriano ? Al contrario, gli Emirati Arabi, che per ragioni pragmatiche si stanno ora muovendo silenziosamente verso il ripristino dei legami con la Siria di Assad (un alleato chiave dell’Iran), sono stati molto più cauti nel concedere tale sostegno ai gruppi ribelli. Gli EAU in realtà hanno designato gruppi come Ahrar al-Sham come terroristi , preoccupati per le loro inclinazioni e legami islamici.

In breve, come notò Robert Worth in un commento complessivo sul suo lungo rapporto sugli ostaggi e le trattative del Qatar: “Sembra che i Qatar siano meno cattivi dei maledetti, ubriachi di denaro di gas naturale e ciechi alle sue conseguenze fatali. ha gettato denaro contante negli sforzi goffi per manipolare la politica di una regione instabile, solo per trovare i tavoli girati “.

Per quanto riguarda l’affermazione più generale che il Qatar è un importante finanziatore di Hezbollah, non ci sono prove a sostegno. Se il Qatar sta usando la sua generosità per finanziare Hezbollah, allora perché Hezbollah sta affrontando problemi finanziari? Per coloro che seguono Hezbollah, i segnali di problemi finanziari per il gruppo sono chiari. Ad esempio, Hezbollah ha sempre più imposto il sistema sanitario del Libano per fornire cure per il personale ferito, mentre le persone che sono state coinvolte nelle affiliate siriane di Hezbollah mi hanno fatto notare che ci sono stati ritardi nei pagamenti degli stipendi. Dove è il Qatar ad intervenire per aiutare il suo presunto alleato?

Si dovrebbe anche guardare al-Jazeera, un braccio mediatico dello stato del Qatar, per valutare le relazioni del paese con l’Iran e i suoi alleati. Vero, al-Jazeera in questi giorni fornisce una copertura che è molto critica nei confronti del ruolo dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti nello Yemen per contrastare i suoi due rivali, ma ciò non significa necessariamente che il canale abbia una visione favorevole di un asse guidato dall’Iran e il suo alleati. Ad esempio, un titolo di al-Jazeera sullo Yemen del mese scorso recita: “La rivoluzione [/ rivolta] degli affamati nello Yemen continua contro gli Houthi, la coalizione e il governo”. Per contesto, gli Houthi sono ribelli sciiti nello Yemen che combattono la coalizione saudita e degli EAU, e attualmente ricevono sostegno dall’Iran e da Hezbollah.

Altrove, al-Jazeera di certo non indulge in un ritratto favorevole del fenomeno Hashd Sha’abi (mobilitazione popolare) in Iraq. Molti dei gruppi di Hashd Sha’abi sono sostenuti dall’Iran e amano riferirsi a se stessi come parte della “resistenza islamica”. Al contrario, il discorso di al-Jazeera si riferisce abitualmente ai gruppi di Hashd come a ” milizie ” (una parola che ha una connotazione molto più negativa in arabo di quanto non faccia in inglese) e presenta accuse contro di loro di pulizia etnica dei sunniti . Questo è uno dei motivi per cui molti iracheni sciiti considerano al-Jazeera uno stato filo-islamico e un gruppo di propaganda terrorista.

Nessuno dei precedenti dovrebbe essere considerato una difesa del ruolo regionale del Qatar o una visione favorevole della sua politica estera. In effetti, condivido la preoccupazione del mio collega Kirk Sowell per alcuni individui che potrebbero mascherarsi da analisti per diffondere un punto di vista sulle politiche del Qatar come essenzialmente promotori di valori liberali. Tenere in considerazione il Qatar per sostenere i gruppi islamici sunniti e il lassismo nei confronti delle persone impegnate nel finanziamento del terrorismo è una politica solida.

Tuttavia, l’affermazione che il Qatar sia parte di un asse guidato dalla Iran nella regione e un alleato chiave dell’Iran è essenzialmente la propaganda saudita e degli Emirati Arabi Uniti. Molti dilettanti che non hanno familiarità con la propaganda sono suscettibili di cadere per questa disinformazione. Non è appropriato che osservatori esterni e analisti prendano posizione in questa disputa del Golfo partigiano e ripetendo affermazioni non comprovate. Io stesso ho assistito ai livelli di assurdità nel discorso. Divertente, un recente articolo in un punto vendita degli Emirati Arabi mi ha descritto come il leader kuwaitiano-iraniano di un gruppo jihadista in Siria sostenuto dall’Iran e dal Qatar .

Il corso sensato per la politica degli Stati Uniti è quello di evitare di rimanere invischiati nella partigianeria qui, incoraggiando una riconciliazione tra il Qatar ei suoi vicini, facendo pressioni sul Qatar per sostenere i gruppi islamici sunniti e sradicare il discorso estremista di al-Jazeera.

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.