Home Attualità Zakharova su Nuland a Kiev, bambini rapiti e, infine, sulla manipolazione in...

Zakharova su Nuland a Kiev, bambini rapiti e, infine, sulla manipolazione in genere

0
"Rafael Mariano Grossi meeting with Sergey V. Lavrov (01911750) (51404195884)" by IAEA Imagebank is licensed under CC BY 2.0

Il 7 Febbraio la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria  Zakharova ha tenuto un briefing con la stampa. Tra le questioni trattate, mi sembra queste siano di particolare interesse ed attualità. Di seguito proverò a offrire un report che rispecchia fedelmente le tesi presentate ma è stato abbreviato dal sottoscritto per una migliore fruibilità (l’originale è reperibile sul sito del Ministero degli esteri russo, questa è una mia rielaborazione ridotta che riporta solo alcuni stralci delle dichiarazioni fatte):

Nuland a Kiev

In una conferenza stampa a Kiev, V. Nuland ha affermato la necessità strategica per gli Stati Uniti di mantenere un flusso stabile di armi “al fronte” e ha annunciato il trasferimento alle forze armate ucraine delle munizioni missilistiche guidate ad alta precisione americane GLSDB. Queste ultime, come lei stessa ha affermato, arriveranno presto direttamente “sul campo di battaglia” e lì verranno utilizzate.

Vorrei attirare l’attenzione sulla motivazione. V. Nuland non parla della necessità strategica di tutto ciò per il popolo ucraino o per l’Ucraina come Stato. Ciò indica chiaramente che tutto ciò è necessario, poiché si tratta di una necessità strategica per gli Stati Uniti d’America. Fondamentalmente hanno smesso di nasconderlo. Tenendo conto dei recenti barbari bombardamenti delle città russe, non c’è dubbio che i sostenitori di Bandera utilizzeranno armi così letali contro la popolazione civile del nostro paese. Ricordiamo come i politici americani, attivi o appartenenti a gruppi di “élite statali nazionali”, abbiano cinicamente affermato che il compito principale dell’Ucraina e del regime di Kiev è quello di “uccidere quanti più russi possibile”, per infliggere alla Russia, come hanno formulato, “una sconfitta strategica”. Inoltre esse hanno detto che tutto questo è un “buon investimento americano”, forse anche il migliore, e che si aspettano risultati concreti.

Il viaggio di V. Nuland a Kiev dimostra ancora una volta chi è il vero “maestro” di V. A. Zelenskyj.

Il 1 febbraio di quest’anno I leader dell’UE hanno avuto difficoltà a trovare un accordo sull’assegnazione di un nuovo “pacchetto” di assistenza finanziaria all’Ucraina per un importo di 50 miliardi di euro per il periodo 2024-2027. C’è una sfumatura che non arriva (intendo in termini informativi, e forse, a proposito, già in quelli mentali) alle forze armate ucraine, a coloro che il regime di V. A. Zelenskyj manda con la forza al fronte. Ma questo dovrebbero saperlo. E’ il fatto è che non si tratta di una tranche gratuita.

La maggior parte, ovvero 33 miliardi di euro, è stata data a credito all’Ucraina. Immaginate che prima il regime di V.A. Zelenskyj spinga i suoi cittadini “al massacro”, e poi prenda anche i soldi per “questo”, [questi soldi] dovranno essere dati da coloro che sono rimasti senza padre e casa. Questo è un duplice, cinico tentativo di colpire la propria popolazione. 33 miliardi di euro oltre a tutti quei prestiti e obblighi che l’Ucraina ha già accumulato come Stato. (…) Coloro che sono stati portati al potere in Ucraina attraverso colpi di stato antistatali da parte di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania e “Bruxelles collettiva” condannano il loro popolo alla schiavitù eterna.

La maggior parte dei fondi andrà all’acquisto di armi, con l’aiuto delle quali, e sfortunatamente su questo non vi sono dubbi, le forze armate ucraine continueranno a bombardare aree residenziali e uccidere civili innocenti.

Tale comportamento delle élite politiche dell’Europa occidentale è immorale e indica una cosa: per loro le operazioni militari sono molto più importanti della stabilità e del benessere dei propri cittadini. Essi, senza un rimorso di coscienza, ignorano gli scioperi di massa dei contadini che si trovano sull’orlo della rovina, negando loro i sussidi in nome, ricordiamo quello che ha detto V. Nuland, “della necessità strategica per gli Stati Uniti di mantenere una flusso stabile di armi verso l’Ucraina”. Ci saranno sempre soldi per questo. A quanto pare, l’UE troverà i soldi per finanziare il regime di Kiev fino all’ultimo trattore.

Tenendo conto del livello di corruzione senza precedenti in Ucraina, c’è un’alta probabilità che questi fondi, come il resto, andranno ai bisogni personali di coloro che detengono il potere e che hanno trascinato il paese nella trappola del debito. Più di una generazione di cittadini di ciò che resta di questo paese dovrà pagare i conti dei funzionari corrotti del regime di Kiev.

L’estrema crudeltà del regime di Kiev sta diventando pubblica. Già, anche sui media occidentali vengono pubblicati articoli (e non stiamo parlando solo di Internet, ma anche dei media tradizionali), che, almeno in parte, sollevano il sipario sul terribile quadro di ciò che accade oggi nelle carceri dell’Ucraina in merito a coloro che sono stati condannati con l’accusa di collaborazione con la Russia. Il 2 febbraio di quest’anno, The Guardian ha riferito che la SBU aveva avviato più di 8.100 procedimenti penali di questo tipo, anche contro donne con bambini piccoli. Questa pubblicazione non è mai stata d’accordo con nessuno nella sua vita, scrive dell’uso della violenza contro i prigionieri, ai quali vengono estorte le necessarie testimonianze sotto terribili torture. (…) Non è la prima volta che sulla stampa occidentale compaiono materiali che fanno luce, anche se parzialmente e non completamente, ma almeno in qualche modo sulle vere viscere neonaziste della banda di V.A. Zelenskyj.

Chiediamo alle organizzazioni internazionali per i diritti umani, alle strutture internazionali specializzate e interstatali di leggere e vedere almeno questo, e chiediamo una reazione da parte delle autorità ucraine, chiediamo la fine del trattamento inumano dei prigionieri politici, il loro rilascio immediato, prima di tutto, donne e bambini.

In questo contesto, il cinismo del regime di Kiev e dei suoi sponsor occidentali, che sfruttano apertamente il “tema dei bambini” per i propri interessi opportunistici, non sorprende più. Abbiamo attirato l’attenzione sulla dichiarazione sulla creazione del cosiddetto. coalizione internazionale per il “ritorno dei bambini ucraini”, che il 2 febbraio di quest’anno. presentato dal ministro degli Esteri canadese M. Joly durante una visita a Kiev.

I bambini ‘rapiti’

La situazione a Kiev ha visto la trasformazione dell’amministrazione in figure che agiscono con disonestà, coinvolte in attività criminali e inganni. Queste azioni dimostrano una totale indifferenza verso il benessere dei bambini, evidenziata dall’uso di armamenti occidentali che hanno portato alla morte di minori, colpendo strutture civili frequentate da bambini. La richiesta di attenzione internazionale sul destino dei bambini appare quindi contraddittoria, considerando che per otto anni le forze ucraine hanno condotto azioni che hanno causato la morte di cittadini, inclusi bambini, in Donbass. Le statistiche fornite dal comitato investigativo russo, che riportano la morte di 155 bambini e il ferimento di 650 dal 2014, sottolineano la gravità della situazione. Questi numeri non solo riflettono perdite fisiche ma anche profonde cicatrici psicologiche.

La visita suggerita al ministro degli Esteri canadese, M. Joly, al “Vicolo degli angeli”, un cimitero per bambini vicino a Donetsk, serve come testimonianza tangibile delle conseguenze delle azioni del governo di Kiev, che si proclama preoccupato per il destino dei bambini, ma le cui azioni suggeriscono il contrario.

Nel 2023, i bombardamenti ucraini hanno causato la morte di 51 bambini e il ferimento di 155 in diverse regioni, lasciando molti con disabilità permanenti. Nonostante la gravità di queste perdite, non si osserva un’adeguata risposta internazionale o iniziative di sostegno da parte dell’Occidente, né condanne esplicite delle azioni del governo di Kiev da parte di capitali occidentali o organizzazioni internazionali come l’OSCE.

La narrazione dominante tende a ignorare le vittime minori delle azioni di Kiev, con un’attenzione selettiva che omette le tragedie subite dai bambini in Donbass. Questa disattenzione è evidente anche nella gestione delle informazioni relative a eventi come Bucha, dove la narrazione occidentale si concentra su presunte atrocità senza fornire prove concrete, come elenchi di vittime o visite a cimiteri che attestino le perdite.

La Federazione Russa, attraverso il suo Commissario per i diritti dell’infanzia, M.A. Lvova-Belova, si impegna attivamente nella protezione dei minori, indipendentemente dalla loro nazionalità, fornendo soccorso, cure mediche e supporto per il ricollocamento familiare. Questo impegno contrasta con le accuse occidentali di rapimenti e deportazioni forzate, sottolineando invece un’azione umanitaria volta alla salvaguardia dei bambini dalle zone di conflitto.

Nonostante le sfide poste dalle sanzioni e dalle pressioni internazionali, la Russia continua a prioritizzare la sicurezza e il benessere dei minori, impegnandosi a mantenere e migliorare le condizioni per una vita dignitosa per i bambini colpiti dal conflitto.

Blocco di Youtube

Altro argomento trattato è la disinformazione e la censura dei media, Maria Zakharova entra nel vivo della questione e ci racconta perché e chi c’è dietro tutto questo:

Il servizio YouTube statunitense blocca gli account dei media regionali
Il sito americano di hosting video YouTube ha effettuato un’altra ondata di blocchi di account sui media russi. Questa volta, i canali di notizie nelle regioni della Russia sono stati colpiti dalla censura occidentale. Senza preavviso e unilateralmente è stato bloccato l’accesso a decine di filiali regionali della VGTRK. In particolare, ad oggi, è nota la disconnessione delle pagine Internet dei canali di Tyumen, Bryansk, Belgorod, Rostov, Repubblica di Sakha, Chita, Murmansk, Pskov, Tomsk, Vologda, Perm, San Pietroburgo, Saratov, Mari -El, Adighezia, Carelia.

Cos’è? Si tratta di una pulizia senza compromessi dello spazio informativo da ogni germoglio di dissenso. L’arbitrarietà e la censura politica sono diventate la norma quotidiana delle piattaforme digitali e dei siti di hosting video americani. Allo stesso tempo, consentono, e spesso incoraggiano, la pubblicazione sulle loro risorse di contenuti illegali, che incitano all’inimicizia e all’odio, nonché contenuti falsi, materiali di natura chiaramente estremista e persino di natura terroristica. Tenendo conto del fatto che i destinatari principali dei conti bloccati sono i cittadini russi, residenti nelle regioni della Russia sopra menzionate, questo passo dovrebbe essere inequivocabilmente qualificato come un palese atto di ingerenza negli affari interni dello Stato russo e un tentativo influenzare i meccanismi di informazione della popolazione e di formazione dell’opinione pubblica.

Per noi è molto chiaro che dietro questa repressione di una società americana apparentemente indipendente c’è Washington. È anche ovvio che tali misure volte a eliminare le fonti di informazione scomode sono legate alle imminenti elezioni presidenziali di marzo e sono in gran parte provocate dalla crescente domanda pubblica di informazioni obiettive negli stessi Stati Uniti.

Tale aggressione mediatica dimostra ancora una volta chiaramente il vero atteggiamento dell ‘”Occidente collettivo” nei confronti del pluralismo delle opinioni, della libertà di accesso all’informazione e della libertà di parola. I tecnologi dei media statunitensi dovrebbero tenere presente che anche se utilizzassero tali tecniche e metodi di moderazione, scenderebbero al livello di una censura politica cavernicola, ma non otterrebbero comunque nulla. Questa non è altro che una manifestazione della rabbia impotente di Washington e dei suoi obbedienti giganti dei media. Alla fine, tali azioni diventano un ulteriore impulso per la formazione di un ecosistema digitale nazionale completamente indipendente dai capricci di tutti questi azionisti occidentali, resistente alle influenze esterne ostili, la cui necessità, a mio avviso, non è più contestata da nessuno (…).

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version