USA – Dove è finita l’influenza? Gli enti sanitari dicono ‘quasi scomparsa per le misure sanitarie anti-Covid’

USA – Dove è finita l’influenza? Gli enti sanitari dicono quasi scomparsa per le misure sanitarie anti-Covid , ma l’epidemiologo Knut Wittkowski – ex capo della biostatistica, epidemiologia e progettazione della ricerca presso la Rockefeller University. – pensa di poter rispondere all’enigma: “L’influenza in gran parte è stata ribattezzata COVID”.

Giovedì , l’epidemiologo, intervistato da Just the News, ha aggiunto: “Potrebbero esserci un certo numero di casi di influenza inclusi nella categoria ‘presunto COVID‘ di persone che hanno sintomi COVID (che i sintomi dell’influenza possono essere scambiati per Covid), ma non sono testati per l’RNA della SARS”

Negli Stati Uniti l’influenza registrata quest’anno è solo l’8,7% rispetto all’anno precedente, come si può vedere dai dati ufficiali pubblicati dal Centers for Disease Control and Prevention (organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d’America).

Precisamente, Just The News riferisce:

“(…) Il tracker settimanale di sorveglianza dell’influenza dei Centers for Disease Control and Prevention   riporta che il tasso cumulativo di test dell’influenza positivo dalla fine di settembre alla settimana del 19 dicembre è pari allo 0,2% come misurato dai laboratori clinici. Ciò rispetto a  un totale dell’8,7% di un anno prima.

(…) Questi numeri bassi continuano le  tendenze osservate all’inizio dell’anno  in cui i tassi di influenza sono rimasti a livelli prossimi allo zero. La tendenza non è limitata agli Stati Uniti. In tutto il mondo, le autorità sanitarie hanno tutte riportato livelli di influenza drasticamente ridotti durante quella che normalmente è la stagione influenzale di punta nell’emisfero settentrionale. Anche i tassi nell’emisfero australe sono stati bassi quest’anno.

La diminuzione dei casi di influenza deriverebbero dalle restrizioni

Numerosi esperti hanno indicato le misure di mitigazione del COVID-19 in corso, tra cui indossare la mascherina, separazione fisica e altre tattiche anti-virus, come spiegazione per la diminuzione dei livelli di influenza.

Timothy Sly, professore di epidemiologia presso la Ryerson University di Toronto, ha dichiarato a Just the News che “la ridotta incidenza dell’influenza stagionale è quasi certamente dovuta alla protezione che gran parte della popolazione utilizza da molti mesi”. Tali misure, ha detto, sono “progettate per essere efficaci contro qualsiasi virus respiratorio disperso nell’aria”.

Holden Maecker, professore di microbiologia e immunologia alla Stanford University, ha fatto eco a quella valutazione. “Sono abbastanza fiducioso che le misure di mitigazione del COVID-19 abbiano causato la riduzione dei casi di influenza quest’anno”, ha detto. “Mascherine, allontanamento sociale e lavarsi le mani sono tutte contromisure efficaci contro il raffreddore e l’influenza”.(…)

Però tali affermazioni non sono del tutto convincenti:

“I funzionari della sanità pubblica a volte hanno faticato a spiegare perché i test COVID positivi sono schizzati verso l’alto in luoghi – come la California, la Pennsylvania e altrove – dove sono in atto da mesi misure come il distanziamento sociale e l’obbligo di mascherine.

I dati indicano  che più di nove americani su dieci – nella maggior parte degli stati – indossano regolarmente mascherine in pubblico; questi numeri sono stati superiori all’80% dall’inizio dell’autunno. Tuttavia, i test COVID-19 medi positivi si sono  moltiplicati di quasi sette volte dal picco primaverile.

Politici ed esperti sanitari a volte hanno affermato che questi numeri crescenti sono causate da individui che non indossano le mascherine e non osservano il distanziamento sociale, sebbene tali affermazioni spesso non siano  accompagnate da molte prove a sostegno”.

fonte: Just The News

Exit mobile version