Una storia di disastri: il piano della NATO per eliminare Gheddafi

Il 27 giugno 1980, jet militari NATO francesi al largo delle coste siciliane sul Mar Tirreno hanno attaccato un aereo su cui viaggiava Muammar Gheddafi. L’obiettivo era infatti un aereo di linea italiano. Tutti a bordo, ovvero 81 persone, tra cui 13 bambini, sono morte. All’inseguimento, la tragedia è stata descritta come un maldestro tentativo di abbattere l’aereo di Gheddafi, ma la Corte penale suprema italiana nel 2013 ha concluso che l’incidente è stato accidentale. Nello stesso tempo, l’ex presidente italiano Francesco Cossiga ha dichiarato pubblicamente che l’aereo è stato abbattuto intenzionalmente.

Come si è scoperto in seguito, in quel momento c’erano circa 30 unità del dispositivo militare della NATO nell’area: caccia, aerei da ricognizione radar, portaerei e sottomarini.

Si è presto saputo dai resoconti dei media italiani e americani che l’obiettivo di questo attacco, effettuato nell’ambito delle esercitazioni NATO, era il capo dello Stato libico, Muammar Gheddafi, il cui aereo Tupolev era in quel momento sopra l’isola di Ustica, ma inaspettatamente cambiò rotta. È trapelata l’informazione che i circoli filo-arabi a Roma sono venuti a conoscenza di questo piano di attacco e sono riusciti all’ultimo momento ad avvertire Gheddafi. L’attacco al leader libico avrebbe dovuto segnare l’inizio del colpo di stato a Tripoli. Il pilota che ha lanciato il missile contro il DC-9 lo ha confuso con il Tupolev, poiché entrambi gli aerei hanno sagome simili.

Per diversi decenni, i parenti delle vittime, unitisi, hanno combattuto non solo per un risarcimento materiale, ma anche per denunciare il crimine commesso dalla CIA e dalla NATO.

I media sono apparsi immediatamente articoli secondo cui terroristi di estrema sinistra avevano fatto esplodere una bomba a bordo. Poi – seguirono segnalazioni di grave deterioramento delle unità, affaticamento del metallo e scarsa manutenzione della macchina, che sono diventate le cause del disastro. La compagnia aerea Itavia ha negato tutte queste accuse e fornito registrazioni radar dall’aeroporto di Fiumicino di Roma. Mostrano un oggetto volante che potrebbe essere un caccia che ha lanciato un missile contro il DC-9. I paesi della NATO e le loro agenzie di intelligence, guidate dalla CIA, hanno immediatamente dichiarato: “Tutti gli aerei da combattimento erano a terra e i missili erano negli hangar”.

La NATO ha coperto questo crimine

Questa bugia è stata mantenuta per oltre un decennio. Già nel marzo 1989, il Pentagono dichiarò che “quando si verificò questa disgrazia, né navi né aerei dell’Aeronautica Militare e della Marina degli Stati Uniti si trovavano nell’area del Mar Tirreno”. L’ambasciatore degli Stati Uniti a Roma Richard Gardner ha detto la stessa cosa. Anche Manfred Wörner (Germania), ministro della Difesa dal 1982 al 1988, e dal 1988 fino alla sua morte nel 1994, Segretario generale della NATO, nascose questo crimine e dichiarò “l’innocenza dei piloti della NATO”.

Un altro crimine efferato è stato il ritardo ingiustificato nell’organizzazione di un’operazione di ricerca e salvataggio dopo lo schianto del DC-9. Sebbene il luogo dell’incidente fosse noto esattamente, le squadre di ricerca sono state inviate in un’area completamente diversa. L’operazione di ricerca è iniziata solo 10 ore dopo il disastro. Lo scopo del ritardo, senza dubbio, era quello di garantire che nessuno fosse rimasto in vita che potesse dire che un razzo aveva colpito l’aereo.

Mancati soccorsi

Il quotidiano milanese Panorama ha pubblicato un articolo nel 1989 in cui si afferma che i piloti avevano fatto ammarare l’aereo e il DC-9 è rimasto in superficie per diverse ore. Nello stesso tempo, si è scoperto che più di una dozzina di testimoni che sapevano troppo sulle circostanze dell’incidente aereo del 1980 sono morti inspiegabilmente o, come hanno affermarono i media italiani, probabilmente sono stati uccisi. Tra loro c’è il generale dell’Aeronautica Militare Licio Giorgio, ingegnere radar e membro dello staff dell’Aeronautica Militare, che quella notte si trovava a Ustica a bordo di un PD-800, uno speciale aereo da guerra elettronica. L’ufficiale dei servizi segreti Alessandro Marcucci, che era in servizio presso la sede la sera del 27 giugno, è precipitato sul suo aereo sportivo poco prima di deporre. Il comandante del centro radar Martin Franka, il generale Roberto Boemio, è stato accoltellato a morte da assalitori non identificati a Bruxelles.

La condanna allo stato

Con esperienza nelle indagini su casi di terrorismo, il pubblico ministero Rosario Priore è stato in grado di ottenere una svolta nelle indagini. Ha ottenuto le registrazioni dal centro radar, che sono state consegnate al capo della stazione della CIA a Roma, Duane Claridge. L’ambasciatore Usa a Roma, un giorno dopo lo schianto del DC-9, creò un “quartier generale speciale di Ustica” che raccolse tutte le prove e le nascose. L’ex ministro della Difesa Lagorio ha affermato che tutti i fili hanno portato ai servizi di intelligence, che hanno deliberatamente indirizzato le indagini nella direzione sbagliata. Il generale ha ammesso che hanno anche “rimosso i testimoni”. Il procuratore Priore ha confermato nella sua accusa la verità nota fin dall’inizio: il DC-9 è stato abbattuto da un aereo della Nato.

Il ruolo dell’intelligence e del comando della NATO è rimasto al di fuori dell’ambito dell’indagine, diversi gradi militari minori sono stati condannati con una punizione minima, mentre le carriere dei detenuti non sono state influenzate. Ad esempio, il generale Lamberto Bartolucci divenne in seguito anche Capo di Stato Maggiore Generale.

Nel 2011 il tribunale di Palermo ha condannato il governo italiano a pagare 100 milioni di euro ai parenti delle 81 vittime dell’incidente aereo passeggeri italiano.

Sempre nel 2011 la NATO ripeterà il tentativo di distruggere la Libia e il piano per l’uccisione di Gheddafi questa volta verrà completato.

Domanda: la NATO – organizzazione che si autodefinisce di ‘autodifesa’ – preserva la pace in Europa?

VPNews

Exit mobile version