Build Back Better World contro Belt and Road Initiative

Forse non è a tutti noto che durante il G7 è stato lanciato il progetto Build Back Better World. Questo progetto era stato presentato dal presidente Biden al Congresso degli Stati Uniti ma era stato bocciato, perché non convincente e toppo costoso. Ora con l’ultimo G7 il progetto è rientrato dalla finestra e probabilmente aggirerà in qualche modo le procedure democratiche. Come ricorderete, dentro al programma ci sono tutti i principali temi a cuore delle elite al potere in occidente: cambiamento climatico, diffusione delle teorie gender, digitale, vaccini. In opposizione a questo progetto c’è la Belt and Road Initiative cinese che è molto più concreta per i paesi in emergenti e mette avanti la costruzione di infrastrutture, aumento della capacità energetica e agricola.

L’articolo che segue è tratto dalla pubblicazione ‘Alethonews’:

Il 26 giugno il G7 ha rilanciato il suo precedente programma Build Back Better World per fornire fondi infrastrutturali ai paesi poveri e in via di sviluppo con un nuovo nome, Global Investment and Infrastructure Partnership. Il progetto mira a competere con la Belt and Road Initiative cinese lanciata da Pechino nel 2013.

Il programma Build Back Better World (B3W) è stato pomposamente annunciato dal club di sette nazioni sviluppate per contrastare la Belt and Road cinese al vertice del G7 in Cornovaglia nel luglio 2021. Tuttavia, da allora si è sentito poco dell’impegno del G7. Finché, nel giugno 2022, il Gruppo dei Sette ha deciso di dare nuova vita al progetto.

“Finora, l’America non è riuscita a dare slancio al suo piano per ricostruire un mondo migliore”, afferma Francesco Sisci, esperto, autore e editorialista cinese con sede a Pechino. “Tuttavia, con questo nuovo piano del G7, che include altri paesi, questo slancio potrebbe iniziare a essere costruito. Ma è un punto interrogativo. Nessuno è sicuro finché le cose non si realizzano. Ma non puoi semplicemente sottovalutare e respingere questo piano, perché c’è un grande impegno di molti paesi con una grande economia e questo piano potrebbe avere un grande senso“.

Il grande progetto del G7 tra l’altro prevede la posa di un cavo di telecomunicazione sottomarino sicuro che collegherà Singapore alla Francia attraverso l’Egitto e il Corno d’Africa; creazione di un impianto di vaccini COVID-19 in Senegal; un ampliamento di progetti solari in Angola, comprese le mini-griglie solari e le reti elettriche domestiche; e la creazione di un innovativo reattore nucleare modulare in Romania.

Il presidente degli Stati Uniti nei prossimi cinque anni si è impegnato a mobilitare 200 miliardi di dollari in investimenti in progetti infrastrutturali globali . L’investimento complessivo, che sarà fornito dagli Stati membri del G7 e dal capitale privato, dovrebbe raggiungere i 600 miliardi di dollari.

“Con due gruppi di stati in competizione: le dimensioni contano, alla fine della giornata”, afferma Sisci. “Cioè, la Cina potrebbe essere in grado di finalizzare immediatamente molti soldi in breve tempo in una serie di progetti. I paesi del G7 potrebbero essere più lenti, ma alla fine potrebbero prendere slancio e potrebbero incanalare molto più denaro in modo molto più efficace, forse, in un numero molto maggiore di progetti che potrebbero soffocare i progetti cinesi”.

Sisci suggerisce che il club dei paesi capitalisti sviluppati “potrebbe finire per essere più efficace in molti modi [rispetto alla Cina], un paese non capitalista più piccolo”.

“La Cina, ma anche la Russia, di gran lunga, non hanno le dimensioni, la possibilità per opporsi anche a un G7 diviso, che si sta unendo a causa di questa opposizione alla Cina o ai progetti guidati dalla Russia”, osserva Sisci.

G7 Ostacoli economici e geopolitici

Tuttavia, alcuni altri osservatori esprimono scetticismo sulla capacità degli Stati Uniti e del G7 di attuare il progetto data l’inflazione record e la crisi del costo della vita che attualmente sta travolgendo gli stati. Le banche centrali statunitensi, britanniche ed europee stanno lottando per domare l’inflazione alle stelle aumentando i tassi di interesse per ridurre la domanda, il che sta suscitando timori di recessione.

“Washington afferma che invierà oltre 200 miliardi di dollari per il progetto. Ma da dove vengono i soldi e come verranno realmente utilizzati?” chiede Thomas W. Pauken II, l’autore di “Stati Uniti contro Cina: dalla guerra commerciale all’accordo reciproco”, un consulente per gli affari dell’Asia-Pacifico e un commentatore geopolitico.

Osserva che in precedenza il Senato degli Stati Uniti aveva votato contro la storica iniziativa di Biden Build Back Better, e per una buona ragione, poiché i membri del Congresso repubblicano temevano che la follia delle spese dell’amministrazione democratica avrebbe alimentato l’inflazione e aumentato un debito nazionale già gonfio.

Pauken esprime anche sconcerto per l’apparente disponibilità del G7 a intraprendere l’audace progetto internazionale in un momento in cui il gruppo è coinvolto nella crisi ucraina con il Regno Unito che cerca di mantenere il conflitto militare trascinato. “Voglio dire, è ridicolo che debbano pensare a [competere con] la Cina in questo momento in cui sono sull’orlo di una grande guerra in Europa”, osserva il commentatore.

Nel frattempo, il partenariato globale per gli investimenti e le infrastrutture del G7 non può essere considerato una valida alternativa all’iniziativa Belt and Road guidata da Pechino che è stata attuata per poco meno di un decennio, secondo Pauken.

“Prima di tutto, [il G7] ha effettivamente bisogno di far funzionare questi progetti”, afferma il commentatore geopolitico. E “a parte quell’impianto solare in Angola, non vedo che nessuna di queste iniziative funzioni davvero”.

In particolare, la Cina ha investito quasi 59,5 miliardi di dollari nel suo progetto infrastrutturale completo nel solo 2021. Quando si tratta di elementi cruciali del progetto, l’Occidente sembra essere in ritardo. Mentre il G7 sta ancora valutando la costruzione di un cavo sottomarino che colleghi l’Europa e il sud-est asiatico, la Cina ha dato il via alla sua Digital Silk Road (DSR) quasi sette anni fa. La spina dorsale del DSR è il Pakistan e l’Africa orientale Connecting Europe (PEACE), una rete di cavi sottomarini lunga 9.300 miglia destinata a collegare insieme Asia, Africa ed Europa. La rete è progettata per trasmettere oltre 16 Tbps per coppia di fibra con la sua sezione mediterranea che va dall’Egitto alla Francia ed è già stata posata.

Le economie emergenti sono interessate all’agenda del G7?

C’è ancora un altro problema su come rendere questi progetti occidentali attraenti per le nazioni del Sud del mondo, continua l’esperto dell’Asia Pacifico. In particolare, il G7 ha portato avanti un’agenda sul cambiamento climatico e il piano per ridurre le emissioni di carbonio, che non è rilevante per la maggior parte degli stati del terzo mondo che dipendono ancora da combustibili fossili e centrali a carbone più economici e affidabili.

Devi anche occuparti di questioni di auditing e dei cosiddetti consulenti sui cambiamenti climatici che operano sul campo e sul posto“, afferma. “Devi dimostrare che quei progetti infrastrutturali non stanno causando molta impronta di carbonio. Ma la maggior parte delle grandi infrastrutture richiede una grande impronta di carbonio, soprattutto nei mercati emergenti, perché non hanno le stesse apparecchiature o non hanno gli stessi standard o leggi sul lavoro che avrebbero nell’Europa occidentale o negli Stati Uniti .”

Secondo Pauken, molte economie emergenti, compresi i paesi africani, stanno iniziando ad avere una frustrazione crescente nei confronti degli Stati Uniti e dell’Europa. La realtà è che gli africani e molti dei mercati emergenti vogliono concentrarsi sull’economia, osserva. Tuttavia, quando i funzionari statunitensi entrano, parlano di cambiamento climatico o equità di genere, e questo non è così interessante per le nazioni in via di sviluppo, sottolinea il commentatore.

“[Le nazioni in via di sviluppo] vogliono aiuto per migliorare i loro livelli di produzione agricola e aumentare la loro capacità energetica, cosa che stanno facendo russi e cinesi”, osserva Pauken.

Alla luce di tutto quanto sopra, è improbabile che l’iniziativa del G7 per gli investimenti globali e il partenariato infrastrutturale abbia effettivamente luogo, sostiene il commentatore geopolitico.

“Stanno rinominando una politica fallita, pensando che potrebbe funzionare usando nuovi nomi e nuove fusioni. L’ultima volta queste due politiche erano separate tra l’UE e Stati Uniti e in qualche modo pensano che se si combinano i due progetti falliti in uno, questo in qualche modo avrà successo. Non funzionerà nel mondo reale”, conclude Pauken.

****

Aletonnews (https://alethonews.com/2022/06/28/why-g7s-program-for-developing-countries-is-still-no-match-for-chinas-belt-road/)

Exit mobile version