Un relatore dell’ONU in visita in Iran denuncia l’illegittimità delle sanzioni

Un alto funzionario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha criticato gli Stati Uniti per il loro regime brutale di sanzioni contro la Repubblica islamica dell’Iran, affermando che dure sanzioni economiche hanno avuto un impatto dannoso sui diritti umani nel paese.

Alena Douhan, il relatore speciale delle Nazioni Unite –  che in questi giorni è in visita ufficiale in Iran – , ha convocato una conferenza stampa a Teheran mercoledì pomeriggio ed ha evidenziato l’impatto negativo delle misure coercitive unilaterali sul godimento dei diritti umani,.

Parlando con i giornalisti, Douhan ha osservato che decenni di sanzioni hanno completamente colpito la vita del popolo iraniano e hanno colpito in particolare la fascia a basso reddito della società.

Nel presentare la sua valutazione delle misure coercitive unilaterali (UCM) contro l’Iran, il funzionario delle Nazioni Unite che opera su mandato del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, ha invitato Washington ad abbandonare la sua politica a muso duro di massima pressione contro l’Iran e altri paesi.

Douhan, arrivata a Teheran all’inizio di questo mese, ha affermato che durante la sua visita, ha incontrato molti membri della società civile, rappresentanti dei centri finanziari e della comunità diplomatica.

Il funzionario ONU ha detto che affronterà le sue preoccupazioni sulla legalità delle sanzioni statunitensi nel suo rapporto finale, che sarà pubblicato in un secondo momento.

La missione di Douhan dal 7 al 18 maggio è la prima in Iran di un relatore speciale delle Nazioni Unite.

Prima di intraprendere il viaggio, il funzionario delle Nazioni Unite ha affermato di sperare di “raccogliere informazioni di prima mano sull’impatto delle misure coercitive unilaterali sulla piena realizzazione di tutti i diritti umani” in Iran.

“La mia visita mirerà a coprire la situazione di tutti i ceti sociali e i settori interessati da tali misure”, ha osservato, respingendo le speculazioni dei media occidentali secondo cui si sarebbe diretta in Iran con un’agenda specifica.

Mercoledì la Douhan ha detto ai giornalisti che dagli anni ’70 gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni economiche e commerciali paralizzanti all’Iran e le hanno notevolmente ampliate dall’inizio degli anni 2000.

Nel maggio 2018, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, dopo aver unilateralmente ritirato il suo paese dall’accordo nucleare del 2015, ha ripristinato dure sanzioni economiche contro l’Iran e ne ha schiaffeggiato di nuove con una mossa senza precedenti che è stata ampiamente criticata.

In base all’accordo del 2015, ufficialmente noto come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), le sanzioni internazionali alla Repubblica islamica sono state allentate in cambio della limitazione di Teheran ad alcuni programmi delle sue attività nucleari.

Le sanzioni di Trump hanno privato la Repubblica islamica dei dividendi economici previsti dall’accordo poiché ha impedito a paesi e aziende internazionali di lavorare con l’Iran.

Il mutevole magnate immobiliare diventato presidente del successore, Joe Biden, che era vicepresidente quando il JCPOA è stato firmato nel 2015, ha promesso di restituire il suo paese all’accordo. Ma la sua amministrazione non ha onorato l’impegno, seguendo l’eredità di Trump.

Secondo il relatore speciale delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti continuano a vietare illegalmente il commercio e gli investimenti in Iran, costringendo le compagnie straniere a lasciare il Paese per paura di sanzioni.

La storica visita di Douhan in Iran è arrivata nel mezzo della situazione di stallo sull’accordo nucleare, con gli Stati Uniti che hanno mostrato riluttanza a rispondere alle proposte dell’Iran.

Denunciando la decisione degli Stati Uniti di abbandonare l’accordo nucleare e continuare con il suo regime di sanzioni, ha affermato che l’accordo è stato approvato dalla risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

“L’applicazione di sanzioni extraterritoriali alle società iraniane o alle società che lavorano con l’Iran… è illegale secondo il diritto internazionale”, ha affermato.

Commentando i beni congelati dell’Iran all’estero, il funzionario delle Nazioni Unite ha affermato che i beni stimati in circa 120 miliardi di dollari devono essere sbloccati.

“Esorto gli stati che hanno congelato i beni della Banca centrale iraniana a sbloccare immediatamente i fondi iraniani in base al diritto internazionale”.

Douhan ha iniziato la sua visita di 11 giorni in Iran il 7 maggio, un giorno prima del quarto anniversario del ritiro illegale degli Stati Uniti dal JCPOA.

La scorsa settimana, il massimo funzionario iraniano per i diritti umani Kazem Gharibabadi ha affermato che la visita di Douhan era solo finalizzata a raccogliere informazioni sull’impatto delle sanzioni per responsabilizzare i paesi (USA).

“Le nazioni colpite dalle sanzioni dovrebbero utilizzare tutte le risorse disponibili per ritenere responsabili i paesi che chiedono e applicano sanzioni unilaterali”, ha affermato Gharibabadi.

I suoi commenti sono arrivati ​​in risposta ai resoconti dei media occidentali che accusavano l’Iran di sfruttare la visita per evitare la responsabilità e “distogliere l’attenzione” dalle sue presunte violazioni dei diritti umani.

Nella sua conferenza stampa di mercoledì, Douhan ha anche accolto con favore gli sforzi dell’Iran per sostenere i rifugiati afgani, sfollati a causa dei 20 anni di guerra degli Stati Uniti, nonostante vacillano per le sanzioni.

“Chiedo agli stati sanzionatori, in particolare agli Stati Uniti, di abbandonare le sanzioni unilaterali”, ha affermato.

Ha anche fatto riferimento allo stallo dei negoziati a Vienna per riportare gli Stati Uniti al JCPOA, esortando i firmatari del JCPOA e gli Stati Uniti a riprendere i negoziati”.

L’Iran e il gruppo di paesi P4+1 – Gran Bretagna, Francia, Germania, Cina e Russia – hanno indetto diversi round di sanzioni nella capitale austriaca dall’aprile 2021 per rilanciare il PACG.

L’Iran afferma che il suo obiettivo principale ai colloqui è la rimozione delle sanzioni illegali statunitensi.

Fonte: media iraniani (a cura di Al-Manar English Website)

Exit mobile version