Ucraina – Le fake news a Kiev annunciano un aprile crudele

forze ucraine

forze ucraine

Interessante la disamina del blog indiano indianpunchline, che vi ripropongo:

Le truppe ucraine si preparano a combattere le forze russe nel Donbass

Una Mosca indignata ha chiesto con rabbia una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite lunedì per le accuse di atrocità da parte delle truppe russe nelle aree intorno a Kiev nell’ultimo mese. Prima facie, questa accusa è una notizia falsa ma può modellare le percezioni errate quando viene smascherata come disinformazione.

Un rapporto dell’agenzia russa Tass  afferma: “Il ministero della Difesa russo ha dichiarato domenica che le forze armate russe avevano lasciato Bucha, situata nella regione di Kiev, il 30 marzo, mentre “le prove dei crimini” sono emerse solo quattro giorni dopo, dopo che gli ufficiali dei servizi di sicurezza ucraini era arrivato in città. Il ministero ha sottolineato che il 31 marzo il sindaco della città Anatoly Fedoruk aveva confermato in un discorso video che non c’erano truppe russe a Bucha. Tuttavia, non ha detto una parola sui civili uccisi a colpi di arma da fuoco per strada con le mani legate dietro la schiena”.

Ancora più sorprendente è che pochi minuti dopo le “ultime notizie”, i leader occidentali – capi di stato, ministri degli esteri, ex politici – sono comparsi con dichiarazioni debitamente tenute pronte e basate solo su video, video di pochi secondi e una manciata di foto, pronti a versare accuse. Non è stato chiesto il parere di un esperto, non è stato svolto alcun lavoro forense, non è stata data possibilità all’imputato di essere ascoltato.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha interrotto la sua campagna elettorale dove è in parità con Marine Le Pen per la rielezione nel sondaggio di domenica prossima per bollare le presunte atrocità russe come “crimini di guerra”. Così ha fatto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che è in grossi guai anche perché la Germania sta registrando un’inflazione a +7,3% a marzo.

Non c’è niente di insolito nel fatto che i politici assediati si impossessano degli spauracchi. Le menti intelligenti come Macron e Scholz devono ormai rendersi conto delle loro politiche imperfette che portano inesorabilmente a una tale sconfitta strategica per mano della Russia. Ma la grande domanda è: perché una tale teatralità proprio a questo punto?

La fake news è emersa anche se la fase 2 dell’operazione speciale russa dovrebbe iniziare entro la settimana nella regione orientale del Donbass. Qualcosa come 60-80000 soldati ucraini, classificati come le migliori unità delle forze armate, sono stati accerchiati nel Donbass.

La finta russa ha dato i suoi frutti bloccando le forze ucraine a Kiev nel mese scorso. Quando si scoprì la verità sull’organizzazione di Kiev (e sui loro “consiglieri occidentali”), il danno era fatto. L’enormità della situazione risultante ha bisogno di una spiegazione.

La mappa sopra riprodotta dal Novosti (purtroppo in lingua russa) sull’esatta situazione del terreno al 3 aprile e il commento di Ivan Andreev, un esperto corrispondente di guerra che ha coperto le operazioni russe in Siria, dà l’importanza del calderone nel Donbass dove la crème de la crème delle forze ucraine che numerano diverse divisioni è intrappolata, isolata dalle forze opposte dalla loro base logistica e da altre forze amiche.

Il calderone è abbastanza grande, segnato a strisce blu e nere sulla mappa nella parte superiore della regione del Donbass in direzione di Kharkiv. La massiccia colonna russa che si è ritirata dalla regione di Kiev una settimana fa sta manovrando in un grande arco verso quel calderone che aggira Chernihiv a nord e le città di Sumy e Kharkiv (vicino al confine russo a nord-est).

La sacca delle forze ucraine nel Donbass

Le forze ucraine sono ben armate e si sono fortificate pesantemente ma non sono in grado di sfuggire all’intrappolamento. Né è possibile che Kiev invii rinforzi poiché la campagna a ovest è costituita da terreni agricoli in gran parte aperti (fino al fiume Dnepr). I russi hanno la supremazia aerea ed è impossibile nascondere i movimenti nemici ai loro occhi vagabondi.

Le forze russe hanno messo fuori combattimento tutti gli aeroporti vicini e distrutto sistematicamente le vicine riserve petrolifere ucraine durante la Fase 1 dell’operazione. Come ho scritto in un blog precedente , tre giorni fa, le forze russe hanno assestato un colpo devastante: “In particolare, l’aeroporto militare di Mirgorod nella regione centrale di Poltava, un hub strategicamente importante, è stato messo fuori combattimento e diversi elicotteri da combattimento e aerei ucraini sono stati trovati nei suoi parcheggi mimetizzati, così come i depositi di carburante e armi aeronautiche sono stati distrutti”.

Allo stesso modo, Kharkiv è stata circondata e “in un attacco ad alta precisione con i missili tattici operativi Iskander sul quartier generale della difesa della città giovedì, “più di 100 nazionalisti e mercenari dei paesi occidentali” sono stati confermati uccisi”.

Tuttavia, ci si aspetta che le forze ucraine combattano bene piuttosto che arrendersi, anche se circondate, senza copertura aerea e senza possibilità di ruotare le forze o carburante sufficiente per impegnarsi in una guerra di manovra e con le munizioni in esaurimento.

A dire il vero, si avvicina una grande battaglia, la più decisiva dell’intera operazione speciale russa fino ad ora. Il problema è che il calderone ha anche numerosi insediamenti di popolazione etnica russa (compresi i titolari di passaporto russo) e l’offensiva sarà una lunga fatica eseguita pazientemente per evitare vittime civili o la distruzione di infrastrutture civili.

Vale a dire, la Fase 2 può durare fino a un mese circa per essere completata. Non commettere errori, i russi devono vincere qui (cosa che accadrà) poiché ciò vorrà dire esaurire completamente l’ossatura delle forze armate ucraine. Nonostante tutte le spacconate di Zelensky, Kiev si renderà conto dell’enormità della sconfitta e anche i suoi mentori occidentali vedranno la scritta sul muro.

“Ci si aspetta un mese intero in cui la strategia occidentale sarà quella di produrre incessantemente notizie false”

A dire il vero, ci si aspetta un mese intero in cui la strategia occidentale sarà quella di produrre incessantemente notizie false, intensificare la guerra dell’informazione. Anche qualche operazione sotto falsa bandiera potrebbe essere organizzata sotto la supervisione di agenti dell’intelligence occidentale.

Nel peggiore dei casi, Kiev potrebbe anche giocare la sua ultima carta: le armi chimiche. La Russia ha pubblicizzato i dettagli dei luoghi in cui l’Ucraina setiene scorte di armi chimiche. È noto che gli Stati Uniti hanno fornito attrezzature speciali per aiuti militari (maschere antigas, indumenti protettivi, ecc.) per far fronte alle armi chimiche e hanno ricevuto un addestramento speciale per la protezione collettiva.

L’alacrità con cui Macron e Scholz hanno consumato le fake news è foriera di una nuova fase nella guerra dell’informazione. In parole povere, c’è un sobrio risveglio a Parigi e Berlino che l’operazione russa sta raggiungendo con successo gli obiettivi prefissati.

“Aprile”, ha scritto TS Eliot nel suo capolavoro The Wasteland, “è il mese più crudele, allevando lillà dalla terra morta, mescolando Memoria e desiderio, mescolando radici ottuse con pioggia primaverile”. Ma l’oscura ironia di “aprile” di quest’anno sarà che la fecondità e il rinnovamento che riguarderanno la rigenerazione della Russia in un mondo di storia e miti generati dalle menti occidentali in quarantena.

VIA INDIANPUNCHLINE

Exit mobile version