Siria – Mosca fa notare all’ONU che, senza le proditorie ed ostili iniziative occidentali, non ci sarebbero bisogno di ‘aiuti umanitari’ in Siria

La Russia definisce anacronistico il meccanismo di aiuti umanitari transfrontalieri per la Siria perchè oggi il governo centrale controlla la maggior parte del territorio

Siria - Mosca fa notare all'ONU che, senza le proditorie ed ostili iniziative occidentali, non ci sarebbero bisogno di 'aiuti umanitari' in Siria 1

Nella capitale del Kazakistan, l’8 luglio, si conclude un incontro di due giorni nel formato Astana sulla Siria. Uno dei temi principali dei negoziati tra Russia, Iran e Turchia è il meccanismo di assistenza transfrontaliera ai siriani di Idlib (passante attraverso la Turchia) il cui mandato Onu è in scadenza questo mese.

Gli Stati Uniti chiedono alla Federazione Russa di accettare l’estensione del mandato, ma Mosca è categoricamente contraria: il meccanismo, secondo le sue stime, ha perso la sua rilevanza. Gli esperti ritengono che l’intransigenza della parte russa su questo tema possa avere un prezzo, giacchè per gli USA la richiesta è politica e, solo secondariamente, umanitaria.

Il fatto che la Federazione Russa sia categoricamente contraria all’estensione del meccanismo di assistenza transfrontaliera è stato confermato a Nur-Sultan (capitale del Kazakistan) dal rappresentante speciale del Presidente della Federazione Russa per la Siria, Alexander Lavrentyev.

“Noi, ovviamente, insistiamo affinché questo meccanismo venga chiuso”, ha detto il diplomatico. Ha ricordato che l’algoritmo era inizialmente temporaneo: è stato installato nel 2014, quando Damasco non controllava i valichi di frontiera e la maggior parte dei suoi confini. “Attualmente, come pensiamo, questo è un anacronismo, il meccanismo ha esaurito la sua utilità.

È necessario, ovviamente, rispettare il diritto internazionale umanitario e stabilire il normale funzionamento del meccanismo attraverso le autorità legittime, attraverso Damasco ”, ha spiegato l’inviato speciale di Vladimir Putin.Per la Russia – come che coerente con la logica – gli aiuti devono essere portati attraverso Damasco, altrimenti sarebbe una violazione della sovranità della Siria e una minaccia per l’unità del Paese. La Russia sospetta che l’Occidente voglia tagliare fuori Damasco il territorio a nord-est, creando condizioni di vita migliori che nelle zone sotto il controllo delle autorità centrali. Mosca ha inoltre più volte richiamato l’attenzione sul possibile contrabbando di armi con il pretesto di aiuti.

I diplomatici russi sottolineano che i problemi umanitari della Siria sono legati alle sanzioni occidentali e al rifiuto dell’Occidente di stanziare fondi per il ripristino delle aree che sono sotto il controllo del presidente Assad. “Se siamo tutti preoccupati per i problemi umanitari del popolo siriano, allora dobbiamo esaminare l’intera gamma di ragioni per cui sono sorti”, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov alla fine di giugno dopo i colloqui ad Ankara. Anche i rappresentanti di molte organizzazioni umanitarie che lavorano in Siria parlano dell’impatto negativo delle sanzioni sulla fornitura di assistenza ai siriani.

 Mercoledì, l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov, in un’intervista a Bloomberg, ha espresso fiducia che i rappresentanti della Federazione Russa e degli Stati Uniti nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite siano ancora in grado  di trovare un compromesso sulla questione del meccanismo di assistenza transfrontaliera. “Diamo alle nostre squadre un’opportunità di lavorare e sono sicuro che saranno in grado di trovare un compromesso che soddisferà gli interessi sia della Russia che degli Stati Uniti, nonché gli interessi dei siriani e dei rifugiati stessi”, ha affermato.

Tratto dalla  pubblicazione russa Kommersant.

@vietatoparlare

 

Exit mobile version