Il World Economic Forum (WEF) sta coordinando lo sforzo per eliminare le posizioni contrarie al potere mondiale

Gli sforzi del WEF , sostenuti dalle aziende che di fatto hanno il controllo totale dell’informazione on-line su cui girano le opinioni e le voci dissonanti al potere del pensiero unico prevalente, ora si concentrano sulla diretta eliminazione delle notizie . E questo a prescindere di cosa esse dicano o della loro veridicità.

@vietatoparlare


Il World Economic Forum (WEF) ha formato una nuova coalizione di grandi leader tecnologici e funzionari governativi per proporre nuove “innovazioni” per controllare ”  contenuti e comportamenti dannosi online  “.

Il gruppo appena formato, chiamato Global Coalition for Digital Security, è composto da regolatori governativi di molti paesi, tra cui Australia e Regno Unito, un dirigente di Microsoft e il fondatore di una piattaforma di filtraggio della moderazione. .

“  Il World Economic Forum è in una posizione unica per accelerare la collaborazione pubblico-privato necessaria per far progredire la sicurezza digitale a livello globale. Microsoft non vede l’ora di partecipare e aiutare a sviluppare soluzioni complete a questo problema globale  “, ha  affermato  Courtney Gregoire, chief digital security officer di Microsoft.

In un articolo pubblicato a giugno, il GEF, intitolato ”  Perché abbiamo bisogno di un quadro globale per regolamentare i danni online  “, spiega come intende mirare ed eliminare i “contenuti dannosi”, tra cui “disinformazione sulla salute” e “contenuti anti-vaccini”. .

Estratto dall’articolo del GEF:

“  Lavorando con oltre 50 esperti di governi, società civile, mondo accademico e imprese, il World Economic Forum ha sviluppato un quadro incentrato sull’utente, descritto nel nuovo rapporto, con soglie minime di danno, sistemi di riferimento verificabili, uso appropriato dei dati personali e protocolli di reclamo adeguati per creare una base sicura per l’uso di prodotti e servizi digitali.

[…]

Una delle principali sfide alla sicurezza online è la proliferazione della disinformazione sanitaria, in particolare per quanto riguarda i vaccini. La ricerca ha dimostrato  che un piccolo numero di influencer è responsabile della maggior parte dei contenuti anti-vaccinazione sulle piattaforme social. Questo contenuto sembra raggiungere un vasto pubblico  ”.

Il GEF ha persino notato l’efficacia di un importante sostenitore della sicurezza sanitaria, Robert F. Kennedy Jr, nel giustificare l’aumento della censura online relativa ai rischi e agli effetti collaterali del vaccino COVID-19.

”  L’anno scorso, Facebook e altre piattaforme hanno chiesto un divieto assoluto della disinformazione sui vaccini e hanno fatto a gara per far rispettare le loro politiche, così come YouTube  ” , ha scritto l’organismo globalista.

“  Casi come quello di Robert Kennedy Junior, un importante attivista anti-vaccino, che è stato vietato di Instagram, ma è ancora il permesso di soggiorno su Facebook e Twitter, di sottolineatura la persistenza del problema. Particolarmente inquietante  per alcuni critici è il suo prendere di mira le comunità di minoranze etniche per seminare sfiducia nelle autorità sanitarie  ”.

Il GEF ha inoltre definito il suo “quadro” per le future pratiche di censura nel suo nuovo rapporto ”  Advancing Digital Safety: A Framework to Align Global Action  “.

Leggi il rapporto GEF:

Source

Exit mobile version