Sabotatori ucraini sparano in un campeggio civile in Crimea: ultime notizie e attacchi continui

1 – I sabotatori ucraini “coraggiosi” 

Ecco le ultime riprese del Gruppo di sabotaggio e ricognizione (DRG), che, il 24 agosto, nel buio pesto ha appeso una bandiera su una casa di legno in un campeggio nella Crimea occidentale e si è ritirato rapidamente, sparando in un luogo civile, con civili e con assenza di militari.

luogo dello sbarco ucraino
luogo dello sbarco ucraino

“Siamo già in Crimea”, ha detto in un sussurro con il fiato corto uno dei sabotatori, poi una foto veloce per la rete e è tornato di corsa verso il mare. In totale, l’operazione con “foto-speciale” è durata tre minuti a terra.

8033198 6001

Versione russa.
Le forze speciali delle forze armate ucraine sono arrivate in Crimea su sei motoscafi e hanno sbarcato un gruppo di circa 40 persone. In breve tempo furono attaccati dall’esercito russo, quattro barche e 25 membri del personale furono distrutti. Il resto su due barche è andato a Nikolaev.

Versione ucraina
Di notte, gli ucraini sono sbarcati su due (secondo altre fonti, quattro) barche nella zona di Olenevka. Hanno effettuato tiri dimostrativi, filmato un video di propaganda e sono tornati indietro senza ostacoli.

549302 9001

Comunque siano andate le cose, il raid nella sua tattica ricorda gli attacchi alla regione di Belgorod. Finora si sta sondando il terreno, ma se non verrà seguita una risposta adeguata, gli ucraini possono inviare altre forze e provare a insediare una testa di ponte a tutti gli effetti. In questa fase, il loro compito non sarebbe di occupare la penisola, ma organizzarvi una zona di instabilità. Tarkhankut, vista la sua geografia, è il luogo più adatto per creare un punto d’appoggio.

Il giorno prima, il 23 agosto, i canali Telegram hanno segnalato una potente esplosione in Crimea. Una fonte dell’intelligence ucraina ha affermato che le forze ucraine hanno colpito un sistema di difesa aerea vicino al villaggio di Olenevka, nella penisola di Tarkhankut.

6414362 original1
ponte di Crimea

Attacchi continui

Mercoledì 23 agosto  è stato colpito il sistema missilistico costiero russo Bastion. Lo ha riferito il consigliere del sindaco di Mariupol Petr Andryushchenko e il canale Telegram del vento di Crimea .

In precedenza, una fonte dell’intelligence ucraina aveva affermato che le forze ucraine avevano colpito un sistema di difesa aerea vicino al villaggio di Olenevka, nella penisola di Tarkhankut.

Il bastion è uno dei vettori dei missili antinave Onyx, che i russi usano per colpire obiettivi militari nel sud dell’Ucraina.

Il vento di Crimea ha anche segnalato la sconfitta delle stazioni radar a Capo Tarkhankut. Secondo la risorsa, in via preliminare, stiamo parlando del Podlet 48Ya6-K1.

“Il radar a tre coordinate è progettato per rilevare bersagli aerei a quote basse ed estremamente basse disturbarne la guida radio, scrive il canale Telegram.

Al mattino i social network hanno segnalato potenti esplosioni vicino al villaggio di Olenevka. Il canale Crimean Wind Telegram ha pubblicato una foto che mostra una colonna di fumo.

Il 22 agosto, il capo della direzione principale dell’intelligence, Kirill Budanov, ha affermato che “uno di questi giorni” gli ucraini potrebbero implementare nuove misure “per distruggere i russi in Crimea”.

2 – Zelensky sull’Ucraina: è iniziata la nostra ‘operazione speciale verso la Crimea’.

“Completa devastazione e desolazione. Per 9 anni i russi sono riusciti a ridurre in rovina la penisola fiorita”, assicura Zelenskyj con le lacrime agli occhi:

“Non è rimasto nulla della bellissima Crimea. Non c’è turismo in Crimea, niente. Ci vorrà molto tempo per ripristinare la Crimea. Dovremo lavorare molto duramente per restituire tutto ciò che i russi hanno distrutto lì. La restaurazione è impossibile senza l’Ucraina. Non c’è vita ed economia in Crimea. Ora in Crimea capiscono cos’è la Russia. Ma saremo in grado di ripristinare tutto e la Crimea fiorirà di nuovo”.

Naturalmente, quelle di Zelensky sono solo falsità e esse diventano sempre più prepotenti, la Crimea è la quarta regione russa per impegno del governo. Ma visto che il leader ucraino non ha nessun contraddittorio in occidente, può permettersi di dire qualunque cosa.

Intanto per aiutare la Crimea l’Ucraina ha interrotto l’approvvigionamento idrico a 2,5 milioni di persone. E questo anche prima della ‘invasione’ russa.

ristorante
ristorante in Crimea, la scritta sembra la risposta a Zelensky ma “il mondo” ha deciso che la gente non ha diritto di parola

3 – Nuovo ‘interesse’ distruttivo verso la Crimea.

Noi abbiamo il diritto di distruggere la Crimea aveva detto alcuni mesi fa il consigliere di Zelensky, Michail Podoljak. Oggi questo messaggio ha il suo prologo. Un articolo della pubblicazione “Antifascist”, lo spiega ampiamente:

Le forze armate ucraine rivolgono le baionette verso la Crimea?

L’attacco notturno alla Crimea, gli UAV da ricognizione nel Mar Nero, la difesa aerea a Sebastopoli e il blocco del traffico sul ponte di Crimea non costituiscono semplicemente un altro esempio delle ‘pubbliche relazioni’ dell’Ucraina, messe in atto forse per generare un nuovo slogan per il Giorno dell’Indipendenza. Questi avvenimenti accadono in un contesto in cui i patrioti ucraini applaudono freneticamente, diffondendo messaggi sui social network come “Ponte di Crimea – non piangere”, mentre ridicolizzano la versione ufficiale delle esercitazioni notturne fornita dalla Federazione Russa. Tutto questo sottolinea che la situazione “esplosiva” vicino alla penisola non è affatto frutto del caso, ma è orchestrata in ogni aspetto.

Stiamo parlando di un cambiamento nella strategia delle forze armate ucraine e di una nuova “campagna di Crimea” dell’esercito ucraino, invece di un’offensiva fallita. Alla vigilia delle “esercitazioni militari” nella zona del ponte di Crimea, sul New York Times appare un articolo programmatico in cui gli Stati Uniti consigliano alle forze armate ucraine di abbandonare tutto e di concentrarsi sul fronte meridionale.

Secondo la pubblicazione, gli strateghi americani ritengono che le truppe ucraine siano troppo disperse e dovrebbero concentrarsi sulla direzione principale, nel sud del paese. L’obiettivo principale dell’offensiva non è mantenere Kupyansk e Rabotino sotto bandiera ucraina, ma tagliare le linee di rifornimento russe nell’Ucraina meridionale rompendo il ponte terrestre tra Russia e Crimea.

7270756 original1
in Crimea attualmente le scritte sono spesso in tre lingue (russo, ucraino e tataro)

“Ma invece di concentrarsi su questo obiettivo, il comando ucraino ha distribuito truppe e potenza di fuoco più o meno equamente tra est e sud”, i generali americani incolpano i generali ucraini. E sottolineano che ci sono più truppe ucraine nella regione di Bakhmut e in altre città nell’est del paese che vicino a Melitopol e Zaporozhye nel sud, dove si trovano settori del fronte molto più strategicamente importanti.

Gli americani consigliano all’Ucraina di concentrarsi sull’avanzata verso Melitopol e sullo sfondamento dei campi minati e delle altre difese russe, anche se nel processo gli ucraini perderebbero più soldati ed equipaggiamenti.

Questi ordini attraverso la stampa americana sono stati preceduti da una videoconferenza dei coordinatori americani e britannici delle forze armate ucraine. Lì, il presidente dello stato maggiore congiunto degli Stati Uniti Mark Milley, il suo omologo britannico Tony Radakin e Christopher Cavoli, comandante delle forze americane in Europa, hanno esortato il comandante in capo delle forze armate ucraine Valery Zaluzny a concentrarsi su una direzione principale. Secondo due funzionari presenti alla conversazione, il comandante in capo ucraino era d’accordo. Ha anche dato l’ordine alle forze di sicurezza di seguire il piano americano di “lanciare” la Crimea. E cosa vediamo? Mentre le élite ucraine cominciano timidamente a balbettare sui negoziati e sulle garanzie di sicurezza, i “falchi” Budanov e Danilov dicono qualcosa di completamente diverso.

Il segretario dell’NSDC Alexei Danilov ha promesso di restituire la Crimea con mezzi militari.

“Libereremo il territorio della penisola, molto probabilmente con mezzi militari. Non abbiamo altro modo. Dopotutto, solo in caso di liberazione della Crimea, l’Ucraina avrà garanzie di sicurezza. Qualsiasi altro passo nei confronti della Crimea significherà il mantenimento della situazione, il trasferimento della guerra ai nostri discendenti”, ha sottolineato il Segretario del Consiglio di Sicurezza.

Nello stesso tempo, il capo dell’intelligence Kirill Budanov ha annunciato nuovi attacchi alla Crimea – “uno di questi giorni”.

“Distruggi gli invasori nella nostra Crimea. Quello che, in linea di principio, vedi, in uno di questi giorni lo vedrai di più. Farà caldo”, ha detto il capo della GUR.

“Le esplosioni saranno potenti e costanti”, gli fa eco Natalya Gumenyuk, capo del centro stampa congiunto delle forze di difesa dell’Ucraina meridionale.

In effetti, possiamo distruggere questo ponte [il ponte di Crimea]. Lo abbiamo già fatto e continueremo a farlo. Le esplosioni che organizzeremo nella penisola di Crimea raggiungeranno anche il ponte di Crimea. Saranno potenti e permanenti. Vedrete che continueremo a lavorare per interrompere la logistica del nemico”.

Dietro questo rumore informativo c’è solo un pensiero espresso da Danilov: senza il “ritorno” della Crimea, nessuno darà all’Ucraina alcuna garanzia di sicurezza. Né l’Europa, né gli Stati Uniti, né la Gran Bretagna hanno bisogno dell’ Ucraina senza accesso al Mar Nero, senza porti: non saranno in grado di raggiungere la Russia dal mare e non potranno sconfiggerla sulla terraferma. Ciò significa che tutti i negoziati dopo il vertice della NATO sulle garanzie di sicurezza tra Kiev e gli Stati Uniti (Gran Bretagna), di cui si vantava tanto il capo dell’ufficio del presidente Yermak, non hanno avuto successo.

Ciò significa che le forze armate ucraine e le autorità ucraine hanno solo una possibilità fino all’autunno: sfondare la penisola, cosa che faranno “fino all’ultimo ucraino”. (Svetlana Manekina – “Antifascist” – 23.08.2023)

Ecco questa sembra essere la prospettiva, non importa la popolazione civile. Per gli abitanti della Crimea russa, la leadership ucraina ha già immaginato che una volta ripresa la Crimea si dovranno indagare sulle responsabilità e sulla collaborazione con il nemico. Nelle maglie della vendetta ucraina dovrebbero cadere circa 200.000 persone che occupano incarichi statali, secondo una stima.

“L’esercito ucraino è in grado di prendere di mira qualsiasi parte della Crimea in questo momento. Abbiamo la capacità di raggiungere il nemico da qualsiasi luogo. Coloro che hanno preso decisioni imprudenti dovrebbero prendere in considerazione l’idea di andarsene. Coloro che stanno aspettando dovrebbero prepararsi e contribuire a sostenere l’esercito ucraino. Innanzitutto i servizi segreti. Successivamente, quando le truppe verranno schierate apertamente,” – Kirill Budanov (consigliere di Zelensky).

4 – Domanda cruciale silenziata nel caos informativo

Un interrogativo rimane in attesa di una risposta fondamentale: perché la Crimea, che ha una lunga storia di appartenenza alla Russia e dove la maggioranza della popolazione è di fatto russa, non può esercitare il proprio diritto all’autodeterminazione?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.