Rivelato il progetto di un colpo di stato britannico contro Assad in Siria

Sui media USA si discute molto sulla possibilità di un colpo di stato contro la Cina mentre sono state pubblicate rivelazioni di piani segreti della Gran Bretagna per un colpo di stato in Siria contro Assad.

La domanda che viene ora posta dalla stampa degli Stati Uniti e del Medio Oriente in particolare è: un colpo di stato è possibile in Cina nell’interesse degli Stati Uniti, come è stato possibile tentare un colpo di stato nell’interesse della Gran Bretagna in Siria?

Diverse pubblicazioni degli ultimi giorni e settimane indicano direttamente che questo argomento è molto discusso – soprattutto dopo il recente fallimento del colpo di mano in Venezuela con la partecipazione di dipendenti della società militare privata americana (PMC), finalizzata al rovesciamento del presidente Maduro .

CINA

È arrivato al punto che l’agenzia Bloomberg, che non è certo nota per la replica di notizie false, ha pubblicato un importante articolo intitolato ” La rivalità cinese può riportare gli Stati Uniti al colpo di stato ” – “L’inimicizia con la Cina potrebbe riportare gli Stati Uniti alla pratica del colpo di stato” .

L’altro giorno, le agenzie di intelligence cinesi hanno rilasciato un rapporto alla propria leadership politica, che indicava chiaramente: Pechino si trovava di fronte a un’ondata di sentimenti anti-cinesi guidati dagli Stati Uniti e dovrebbe essere preparata nel peggiore dei casi di uno scontro armato tra le due potenze mondiali. Questo è stato riportato da Reuters nell’articolo “Exclusive: Internal Chinese report warns Beijing faces Tiananmen-like global backlash over virus” (Un rapporto cinese interno avverte che Pechino deve affrontare una reazione globale simile a quella di Tiananmen sul virus). – “Un rapporto interno cinese avverte che Pechino sta affrontando una reazione globale negativa al virus, che è simile alla reazione agli eventi in Piazza Tiananmen”. Il suggerimento non potrebbe essere più chiaro.

Secondo l’alleanza di agenzie di intelligence anglosassoni “Five Eyes” (che comprende Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Nuova Zelanda, Australia) pretesto è già stato trovato – , “la Cina ha nascosto deliberatamente i dati sulla diffusione del coronavirus e la possibilità della sua trasmissione da persona a persona”. “ Il dossier” Five Eyes ” trapelato sul presunto insediamento di coronavirus cinese in linea con le scoperte statunitensi, affermano i funzionari è stato reso pubblico su Fox News.

SIRIA

E l’agenzia Middle East Eye, che si occupa del Medio Oriente, ma con sede a Londra, dedica due ampi articoli che pubblicano materiali segreti su come l’intelligence britannica e le autorità britanniche hanno tramato per molti anni contro il presidente siriano Bashar al-Assad: “Come un Operazione mediatica sostenuta dagli inglesi ha cercato di indirizzare gli alawiti contro Assad “(“How a British-backed media operation tried to turn Alawites against Assad”) e” La campagna di propaganda segreta del governo britannico in Siria “(Dispatch podcast: The UK’s secret campaigns in Syria“).

I giornalisti erano attratti da buoni compensi, che permettevano agli organizzatori di non perdere tempo con le piccole cose. Alcuni sono stati pagati tra $ 250 e $ 500 al mese, altri sono stati pagati per materiale separato – $ 50 e $ 200 per video.

Su quest’ultimo argomento  – sempre Middle Est Eye – a febbraio trattava ancora della guerra di propaganda del governo Britannico sulla Siria ” The British government’s covert propaganda campaign in Syria

Il governo britannico ha segretamente istituito una rete di cittadini giornalisti in tutta la Siria durante i primi anni della guerra civile del paese nel tentativo di modellare le percezioni del conflitto, spesso reclutando persone che non erano consapevoli di essere dirette da Londra.

Numerosi documenti trapelati visti da Middle East Eye mostrano come l’iniziativa di propaganda sia iniziata nel 2012 e abbia preso piede l’anno successivo, poco dopo che il parlamento britannico ha rifiutato di autorizzare l’azione militare britannica in Siria.

Gli attivisti siriani sostengono che la campagna di propaganda pro-ribelle potrebbe essere stata controproducente

Attingendo a finanziamenti britannici, americani e canadesi, gli appaltatori del governo britannico hanno istituito uffici a Istanbul e Amman, dove hanno assunto membri della diaspora siriana, che a loro volta hanno reclutato cittadini giornalisti all’interno della Siria.

Questi giornalisti, molti dei quali giovani, sono stati incaricati di produrre filmati televisivi, programmi radiofonici, social media, poster, riviste e persino fumetti per bambini. (…)

(…) i giornalisti erano attratti da buoni compensi, che permettevano agli organizzatori di non perdere tempo con le piccole cose. Alcuni sono stati pagati tra $ 250 e $ 500 al mese, altri sono stati pagati per materiali vario $ 50 e $ 200 per i video.

Non vorrei infierire ..ma quante volte durante la guerra di Siria vi veniva detto citando gli ”attivisti siriani” che quella di Siria era ”una rivoluzione di popolo”  e che tutto era così chiaro? E quante volte io utilizzando altre fonti locali e testimonianze indipendenti vi dicevo che non era vero?

Siete stati presi in giro e nessuno vi ha chiesto scusa. Anzi potete contarci che si continua così, proprio in questo momento.

Tuttavia non è finita. Sembra che Gran Bretagna e gli Stati Uniti d’America, nonostante stanno perdendo forza, vogliono i metodi consueti per salvare le loro posizioni nella politica mondiale. In altre parole, cercheranno di mantenere le proprie posizioni dominanti a livello internazionale ma non per il proprio guadagno, il che è improbabile nelle attuali condizioni del crollo degli scambi commerciali e della crescente crisi delle finanze, ma indebolendo i loro concorrenti. Di questo ci sono molti segni eloquenti e quella della guerra -combattuta con le armi o meno – è ancora la via più breve.

patrizio ricci by @vietatoparlare

Exit mobile version