Nel caso che le elezioni andassero male la UE ha gli strumenti per rimettere in riga l’Italia, dice la Von der Leyen

Ue, ira Salvini: "Da von der Leyen squallida minaccia, bullismo istituzionale"

Von der Leyen minaccia l’Italia in vista delle elezioni

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, è preoccupatissima del voto nel nostro Paese e lascia intendere che se gli italiani non dovessero votare come piace ai burocrati di Bruxelles, loro sono già pronti a intervenire.

Salvini  a  Mattino 5 su Canale 5 ha reagito alle inaudite parole della presidente della Commissione: “Presenteremo mozione di censura a Bruxelles contro la signora“.

“Per me è una squallida minaccia, una invasione di campo non richiesta, la signora rappresenta tutti gli europei, non solo quelli di sinistra”. Così Matteo Salvini ha risposto alla minaccia della presidente della Commissione la quale ha affermato che l’Unione Europea ha gli “strumenti come nel caso di Polonia e Ungheria” per intervenire per rimettere in riga l’Italia se va  “in una direzione difficile” (evidentemente riferendosi ad una vittoria del centro-dx).

Il leader della Lega ha aggiunto che sarà presentata una “mozione di censura a Bruxelles contro la signora”, aggiungendo che le parole della von der Leyen sono “bullismo istituzionale”.

E ha aggiunto: “I pochi soldi che ci sono, perché il governo non avrà soldi per tutti, vanno prima agli italiani, prima ai pensionati italiani, ai disabili italiani e se a Bruxelles qualcuno pensasse di tagliare i fondi che spettano all’Italia perché la Lega vince le elezioni, allora ci sarebbe da ripensare anche a questa Europa, a cui chiedo protezione e non minacce vergognose”.

Infine, Salvini, ospite a Corriere.it ha invitato la von der Leyen a “dimettersi o chiedere scusa”.

La notizia è su Andkronos

Exit mobile version