Londra cerca di far sviluppare la società civile russa … ma secondo la propria visione

Londra cerca di far sviluppare la società civile russa sponsorizzando la dottrina gender e aumentando la tensione sociale e la polarizzazione della società

Il brutto vizio di destabilizzare paesi terzi per fini propri, è stato sottolineato dalla portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. La fonte è Vz.ru. Si indica il sito investigativo Underside (che è una specie di Wikileaks), che in questo caso ha pubblicato i documenti interni del Foreign office britannico che provano i piani di destabilizzazione operati in Russia da Londra:

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che Londra ha stanziato oltre 1,3 miliardi di rubli per trasformare il corso politico della Russia nella direzione più gradito alla Gran Bretagna. Sul sito web investigativo Underside sono stati pubblicati documenti che descrivono progetti volti a “scuotere” la Russia.

“Gli archivi della pubblicazione Underside contengono decine di documenti con descrizioni di progetti, elenchi di nomi, organizzazioni e tutta la “contabilità nera” di questi progetti. I numeri sbalordiscono l’immaginazione: più di 1,3 miliardi di rubli sono stati stanziati (per il periodo dal 2020 al 2023) per finanziare programmi atti ad influenzare le organizzazioni pubbliche (e attraverso di loro – le agenzie governative) e trasformare il corso della Russia nella direzione che la Gran Bretagna ha bisogno”, ha scritto Underside sul suo canale Telegram.

Zakharova ha aggiunto che “da almeno ottobre 2020 è in vigore un accordo di sovvenzione tra il governo britannico e l’agenzia straniera Assistenza civica (l’organizzazione è riconosciuta in Russia come agente straniero), che funziona con il supporto di Memorial, che è stato recentemente sciolta da una decisione del tribunale (l’organizzazione è stata riconosciuta come agente straniero e la sua attività è stata vietata sul territorio della Russia a seguito di una decisione del tribunale). Si pensi a queste cifre: 227 milioni di rubli del bilancio britannico vengono spesi per “lo sviluppo della società civile in Russia”. Particolare enfasi è stata posta per diffondere la dottrina gender in tutte le sue forme, le femministe civiche e … “l’attualizzazione della mascolinità”.

“Un altro gruppo di progetti – con un costo di 880 milioni di rubli – è stato lanciato per creare uno ‘strato filo-britannico’ tra l’élite intellettuale della Russia.  Si direbbe che Londra ha pensato di indirizzare élite russa molto a buon mercato, visto che questo strato ama il lusso. Inoltre, tra le altre cose, c’è il programma Chevening (la ricerca di giovani di talento in Russia per indirizzarli alla loro “formazione” nelle istituzioni educative britanniche).

Zakharova ha sottolineato che “i britannici stanno spendendo direttamente denaro pubblico per cambiare la situazione politica interna nel paese. In quale altro modo spiegare altrimenti l’esistenza di un piano di sovvenzioni ai sensi del codice P2.031, che prevede la sponsorizzazione del coinvolgimento in manifestazioni politiche, indirizzate a fomentare la crescita della tensione sociale e la polarizzazione della società.

Il rappresentante del ministero degli Esteri russo ha sottolineato che “il ministero degli Esteri britannico ha solo una via d’uscita: dichiarare pubblicamente che tutto questo è falso e fuorviante.”

“Si dovrebbe ricordare ai britannici l’Articolo VI dell’Atto Finale CSCE (Non Interferenza negli Affari Interni di altri paesi)?” – ha chiesto in conclusione  Zakharova.

In precedenza, Maria Zakharova ha affermato che il finanziamento delle organizzazioni no-profit russe da parte della Gran Bretagna, descritto nel piano di lavoro pubblicato dell’ambasciata britannica a Mosca, è una deliberata strategia di intervento negli affari interni della Russia.

(Vz.ru)

 

Exit mobile version