L’occidente oggi dice che le richieste russe sono ‘irricevibili’ ma ieri promise di non espandersi “neanche un pollice a est”

L'occidente oggi dice che le richieste russe sono 'irricevibili' ma ieri promise di non espandersi "neanche un pollice a est" 2

Reagan ha partecipato tre volte ai negoziati con Mikhail Gorbaciov: a Ginevra nel 1985, a Reykjavik nel 1986 e a Mosca nel 1988. Foto: Il segretario generale del Comitato centrale del PCUS Mikhail Gorbachev e il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan firmano il Trattato sull'eliminazione dei missili a medio e corto raggio alla Casa Bianca, 1987Biblioteca presidenziale Ronald Reagan

L’occidente oggi dice che le richieste russe sono ‘irricevibili’ ma ieri promise di non espandersi “neanche un pollice a est”. Di seguito, dal blog dell’autrice, il post della giornalista investigativa Diana Mikhailova:

A metà dicembre, i National Security Archives della George Washington University hanno pubblicato tre dozzine di documenti declassificati relativi ai colloqui di riunificazione tedesca del 1990.

Ne consegue che una serie di diplomatici occidentali di alto rango hanno promesso alla leadership sovietica che l’espansione verso est della NATO si sarebbe fermata al confine tra FRG e DDR.

Successivamente, la leadership russa ha utilizzato questo argomento più di una volta per giustificare le sue difficili  relazioni con l’alleanza e l’Occidente nel suo insieme. In Occidente, di solito rispondono che poiché nessuno ha fatto una promessa scritta a Gorbacio – e questo non è esplicitato da nessuna parte nei testi degli accordi -, nulla ha formalmente ostacolato l’espansione verso est della NATO.

“Neanche un pollice a est”

Questa nota espressione relativa all’ulteriore allargamento della NATO è stata espressa in una conversazione dal Segretario di Stato americano James Baker con Mikhail Gorbachev il 9 febbraio 1990.

Nel contesto, suona così: “La NATO è un meccanismo per garantire la presenza americana in Europa. Se la NATO viene eliminata, non ci sarà tale meccanismo in Europa. Capiamo che è importante non solo per l’Unione Sovietica, ma anche affinché altri paesi europei abbiano garanzie che se gli Stati Uniti mantengono la loro presenza in Germania all’interno della NATO, nemmeno un centimetro della giurisdizione militare esistente della NATO si estenderà verso est. Riteniamo che le consultazioni e le discussioni nell’ambito del meccanismo due più quattro dovrebbero garantire che l’unificazione tedesca non porta all’allargamento dell’organizzazione militare della Nato ad est”.

(“Due più quattro” è l’Accordo sull’accordo definitivo nei confronti della Germania, concluso tra la Repubblica Democratica Tedesca e la Repubblica Federale di Germania, nonché Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Unione Sovietica il 12 settembre, 1990).

Durante quell’incontro, Baker ha ripetutamente confermato che dopo l’unificazione della Germania, la NATO sarebbe rimasta all’interno dei suoi precedenti confini e ha concordato con Gorbaciov quando ha affermato di considerare inaccettabile l’espansione dei confini dell’alleanza.

Lo stesso ha parlato anche il cancelliere tedesco al leader sovietico: “Riteniamo che la NATO non dovrebbe ampliare la sua sfera d’azione”.

Il ministro degli Esteri britannico Douglas Heard (11 aprile), il presidente francese François Mitterrand (25 maggio) e il presidente americano George W. Bush (31 maggio) hanno convinto Gorbaciov che l’alleanza non rappresenta una minaccia per l’URSS .

Baker incontrò nuovamente Gorbaciov a Mosca il 18 maggio e gli presentò i suoi “nove punti”, che includevano la trasformazione della NATO, il rafforzamento delle strutture di sicurezza europee, il mantenimento per la Germania dello status nazione libera dal nucleare e la considerazione dell’Unione Sovietica interessi in materia di propria sicurezza.

Nel tempo, tali conversazioni hanno sollevato sempre più spesso il tema della creazione di strutture di sicurezza paneuropee “dall’Atlantico agli Urali”. Lo scioglimento delle due maggiori strutture continentali – NATO e Direzione Affari Interni – è stato discusso anche con una delega delle loro responsabilità e doveri dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa.

Già nel 1989, il ministro degli Esteri tedesco Hans-Dietrich Genscher ha sottolineato la necessità di un disarmo sistematico in Europa e ha attivamente esercitato pressioni per la necessità di trattati sulle armi convenzionali e nucleari in Europa. A proposito, è stato lui ad annunciare per primo la necessità di tenere conto degli interessi dell’URSS e di fornirgli garanzie che la NATO non si espandesse a est. A febbraio, Genscher, in un’intervista a Heard, ha dichiarato: “I russi dovrebbero avere alcune garanzie che se, ad esempio, il governo polacco lascerà l’OVD un giorno, non entrerà a far parte della NATO il giorno successivo”.

Genscher credeva che l’unificazione della Germania potesse essere raggiunta solo in un contesto paneuropeo. Ma né lui né altri diplomatici e politici della Germania occidentale si aspettavano che gli eventi si sarebbero sviluppati a tale velocità.

In una conversazione con il cancelliere Kohl il 10 febbraio 1990, Gorbaciov concordò in linea di principio con l’idea dell’unificazione della Germania e dell’adesione alla NATO, subordinatamente a una serie di condizioni, incluso il mantenimento dell’alleanza entro i suoi confini esistenti.

Avvertimento

Il 18 aprile 1990, una nota fu posta sul tavolo di Gorbaciov dall’ex ambasciatore dell’URSS presso la Repubblica federale di Germania, e in quel momento dal capo del Dipartimento internazionale del Comitato centrale del PCUS, Valentin Falin.

“Gli Stati Uniti e la Repubblica federale di Germania, con il ruolo alquanto passivo di Inghilterra e Francia, stanno conducendo con determinazione e determinazione le questioni per garantire che tutti gli aspetti interni ed esterni dell’unificazione della Germania siano risolti al di fuori del quadro del processo negoziale due più quattro, e l’Unione Sovietica si troverebbe di fronte al fatto compiuto”, ha scritto il Segretario Generale. “In effetti, previo accordo nella loro cerchia, le potenze occidentali stanno già violando il principio del consenso e – rispetto al situazione agli incontri con Bush a Malta, così come con Baker a Mosca e Ottawa – le posizioni dell’URSS e degli Stati Uniti su questioni chiave divergono sempre più“.

L’Occidente ci sta superando promettendo di rispettare gli interessi dell’URSS, ma in pratica, passo dopo passo, sta isolando il nostro paese dall'”Europa tradizionale”, ha avvertito il presidente Falin. la cui attuazione, sono stati i paesi del continente erano impegnati, si sta trasformando in un miraggio”.

Lo storico Vladislav Zubok crede che Falin abbia torto, soprattutto quando dice che Gorbaciov “ha fatto un cattivo affare”: generalmente era riluttante a parlare di soldi e chiamava Kolya solo perché tutti lo premevano: tutti avevano bisogno di soldi, l’economia si stava sgretolando. E a settembre chiamò con riluttanza Kolya e gli chiese 15 miliardi di marchi. Poi c’erano le somme legate al ritiro delle truppe sovietiche dalla Germania, e poi i polacchi chiesero denaro di transito per il ritiro delle truppe. Ma per Gorbaciov, la cosa principale la cosa non erano i soldi, ma l’opportunità di negoziare una partnership con l’Occidente”.

dal blog di Diana Mikhailova

Exit mobile version