L’Iran vuole fornire carburante gratis al Libano ma i convogli vengono attaccati dai droni

L'Iran risponde con un attacco ad una petroliera israeliana con un drone uno Shahed-136

Per frenare l’influenza dell’Iran, Washington e Tel Aviv stanno ostacolando di alleviare la crisi economica del Libano. In proposito, il vice segretario generale di Hezbollah, Naem Qassem ha dichiarato che gli USA hanno impedito al Libano di ricevere 600.000 tonnellate di carburante iraniano, per un valore di circa 350 milioni di dollari”, ciò corrisponde ad avere elettricità per 5-6 ore al giorno per tutto il Libano per diversi mesi.

Di seguito RT riferisce di come il Libano da una parte debba fronteggiare Israele, e di come dall’altra si trovi impedito a sviluppare una politica autonoma a causa dell’influenza dell’Iran non gradita a Washington e Tel Aviv che reagiscono isolando il paese:

Di Robert Inlakesh | RT | 16 novembre 2022

Nonostante la recente firma di uno storico accordo sul confine marittimo tra Tel Aviv e Beirut, le tensioni continuano a rimanere alte, con Israele e Stati Uniti che tentano di costringere il Libano a conformarsi alla loro agenda regionale.

Sebbene i leader israeliani e libanesi abbiano firmato lettere di intenti all’inizio di questo mese ponendo fine alla loro disputa sul confine marittimo di lunga data e scongiurando una grave escalation nel loro conflitto in corso, le due parti rimangono ancora tecnicamente in guerra. Beirut si rifiuta di riconoscere Israele, mantenendo la posizione secondo cui prima deve essere risolta la questione palestinese, poiché Tel Aviv mantiene il controllo sull’area di Shebaa Farms che il Libano sostiene essere il suo territorio.

La scorsa settimana, è stato riferito che attacchi di droni hanno ucciso fino a 25 persone dopo aver preso di mira un convoglio di aiuti di forniture di carburante che aveva appena superato il valico di Al-Qaim in Siria dall’Iraq. Ci sono rapporti contrastanti su chi abbia effettivamente effettuato l’attacco, ma il sospetto ricade inevitabilmente su Israele e Stati Uniti. (…) Secondo le autorità irachene, le 22 autocisterne di carburante erano state autorizzate ad uscire dal paese e sembravano far parte del nuovo accordo dell’Iran con il Libano per fornire carburante gratuito.

Nonostante l’opposizione di alti funzionari statunitensi, ad agosto il primo ministro libanese Nijab Mikati ha accettato un’offerta di Teheran di fornire gratuitamente carburante al Libano. Sebbene l’ambasciatore statunitense in Libano, Dorothy Shea, avesse avvertito Beirut di non accettare l’offerta dell’Iran, l’amministrazione libanese ha deciso ugualmente di continuare a ricevere il dono iraniano in qunado questo è nell’interesse nazionale libanese. (…) .

Dopo che Hezbollah, uno dei partiti politici più popolari del Libano, ha organizzato le spedizioni di carburante iraniano nel 2021, Washington ha rapidamente contrastato qualsiasi successivo tentativo di Teheran di venire in aiuto dell’economia libanese. Nel settembre del 2021 è stato quindi organizzato un accordo, sotto la supervisione degli Stati Uniti, affinché l’Egitto fornisse gas naturale attraverso la Giordania e la Siria al Libano, al fine di alleviare la crisi energetica. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti si era impegnato a modificare le sanzioni del Caesar Act che attualmente attua contro Damasco per consentire l’avanzamento dell’accordo, ma finora non lo ha fatto.
Intanto, lo Stato libanese stia ora iniziando rapidamente a prospezioni, nella speranza di estrarre gas naturale dal prospetto offshore di Qana, di cui si è assicurato i diritti in base al suo accordo sul confine marittimo con Israele, ma questo processo potrebbe richiedere anni per dare i suoi frutti.

A breve termine, Beirut ha bisogno di una soluzione alla sua crisi energetica e l’Iran offre carburante gratuito per integrare parte del suo fabbisogno. Ma Washington e il suo stretto alleato Tel Aviv vedono questo come un complotto tra Hezbollah e Teheran per prendere il controllo dello Stato libanese. Sebbene il Libano sia tecnicamente uno stato indipendente, la realtà la Francia, gli Stati Uniti e gli Stati del Golfo e in particolare l’Arabia Saudita, esercitano una enorme influenza negli affari politici ed economici del paese, e nessuno di loro si sente a proprio agio con l’idea di Teheran abbia un’influenza significativa.

La strategia regionale del governo degli Stati Uniti, a cui anche Israele si attiene, è quella di combattere l’influenza del governo iraniano. Parte di questa strategia consiste nel fare pressioni su più Stati arabi affinché normalizzino i legami con Tel Aviv e rinuncino al consenso tra gli Stati della Lega Araba per aderire all’Iniziativa di pace araba. L’iniziativa sosteneva che il riconoscimento di Israele da parte degli Stati arabi, insieme all’instaurazione di legami militari, economici e politici, non poteva avvenire senza la realizzazione di una soluzione a due Stati in base alla quale sarebbe stata stabilita la creazione di uno Stato palestinese a tutti gli effetti. Finora gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrain, il Marocco, l’Egitto, il Sudan e la Giordania hanno tutti normalizzato i legami con Tel Aviv, abbandonando la causa per lo Stato palestinese , L’amministrazione statunitense Biden sta chiaramente cercando di aggiungere l’Arabia Saudita all’elenco,

Al recente incontro sul clima COP27, tenutosi a Sharm el-Sheikh in Egitto, i rappresentanti libanesi, iracheni e israeliani sono stati tutti fotografati in piedi uno accanto all’altro e hanno concordato una cooperazione a distanza nella lotta al cambiamento climatico. Nei media israeliani e statunitensi, questo è stato definito come una sorta di svolta, nonostante il percorso sia stato ufficialmente minato sia da Baghdad che da Beirut. Tuttavia,  ciò che è certo, è che gli Stati Uniti e Israele continuano a inviare al Libano il messaggio che non gli sarà permesso di fare i propri affari e prosperare senza aderire alla loro agenda. Quindi gli Stati Uniti non hanno consentito l’accordo Egitto-Giordania-Siria per il trasferimento di carburante in Libano.

La parte più insidiosa della posizione assunta dal governo statunitense è che il Libano non può semplicemente uscire del tutto dalla sfera di influenza iraniana e Washington ne è ben consapevole. Finché gli Hezbollah libanesi rimarranno una forza popolare nel Paese, ci sarà sempre un legame tra Teheran e Beirut. Ciò significa che la politica degli Stati Uniti è progettata per punire il popolo libanese per non essersi sbarazzato di Hezbollah, cosa che né gli Stati Uniti né Israele oseranno tentare di fare da soli. Se Israele e gli Stati Uniti sono entrambi di pari passo per impedire al carburante iraniano di raggiungere il Libano, allora questo significa che stanno semplicemente privando il Libano della sua capacità di rimettersi in piedi, tutto in nome della lotta contro l’Iran e Hezbollah.

Gli Stati Uniti e Israele si stanno dimostrando incapaci di consentire al popolo libanese di raggiungere uno standard di vita migliore, a causa del fatto che Hezbollah e l’Iran sono ancora lì. Nel frattempo, sbarazzarsi di Hezbollah non solo sarebbe militarmente impossibile, ma non ci sono nemmeno prove che una tale mossa porterebbe effettivamente stabilità, come dimostra il caso del Sudan, dove nonostante l’occidente ha portato il Sudan a normalizzare i legami con Israele sdoganandosi nei confronti degli Stati Uniti, deve ancora ricevere gli aiuti dell’Occidente, vivendo un continuo stato di crisi.

VPNews

Exit mobile version