Tutta la verità sui droni iraniani in Ucraina

Dal blog di geopolitica e analisi militare Israil, ecco una interessante e chiara disamina sulla vicenda dei droni iraniani ceduti alla Russia, che stanno infliggendo seri danni alla infrastruttura energetica ucraina:

Secondo i nuovi documenti dell’intelligence ucraina, la maggior parte delle parti trovate nei droni iraniani abbattuti in Ucraina sono prodotte negli Stati Uniti, in Asia e in Europa, ciò mette in dubbio il successo degli sforzi statunitensi per frenare la diffusione di droni di fabbricazione iraniana.

Queste informazioni fanno luce sul successo dell’Iran nella costruzione di una potente industria di armi basata su componenti economici disponibili in commercio che possono essere ottenuti in Occidente, aggirando le sanzioni statunitensi.

Secondo i documenti ottenuti dal Wall Street Journal dalla Commissione anticorruzione indipendente (NAKO), un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Kiev che ha verificato le informazioni dell’intelligence militare ucraina, tre quarti dei componenti dei droni iraniani acquistati dalla Russia e abbattuti in Ucraina sono stati fabbricati negli Stati Uniti.

In un caso, i ricercatori sono stati in grado di studiare un UAV Mohajer-6 iraniano che è atterrato intatto dopo essere stato agganciato in volo.

Secondo il rapporto, circa la metà dei componenti del drone sono stati realizzati da società con sede negli Stati Uniti e un terzo da società con sede in Giappone. “L’Iran è pronto a incontrare l’Ucraina a livello di esperti tecnici e indagare sulle accuse di possesso di droni o parti”, ha affermato la missione iraniana presso le Nazioni Unite a New York, ma ha rifiutato di commentare direttamente il rapporto. Gli Stati Uniti hanno imposto dure sanzioni contro l’Iran e la sua economia.

Washington ha anche imposto controlli sulle esportazioni di componenti commerciali che potrebbero essere utilizzati nella fabbricazione di sistemi d’arma, ma gli esperti avvertono che la semplice composizione dei droni iraniani e la disponibilità di molte parti sul mercato commerciale rendono difficile frenarne la proliferazione.

A ottobre, il Wall Street Journal ha citato un rapporto confidenziale preparato per il governo del Regno Unito che rivelava come l’Iran fosse in grado di fornire UAV ai suoi alleati Houthi nello Yemen e aggirare le sanzioni utilizzando società commerciali per ottenere componenti e parti. Gran parte della tecnologia trovata nei droni iraniani abbattuti in Ucraina potrebbe essere facilmente acquistata online e inviata in Iran attraverso paesi intermediari, rendendoli difficili da intercettare. Un dispositivo che consente agli operatori di controllare l’UAV Mohajer-6, studiato dall’intelligence ucraina, è stato prodotto dalla società giapponese Tonegawa-Seiko Co.

I componenti elettronici sono stati prodotti dalle divisioni della società tedesca Infineon Technologies AG e Microchip Technology Inc. con sede in Arizona. “Senza l’accesso al dispositivo stesso, non possiamo dire se si tratta di un prodotto a microchip o di un prodotto contraffatto, e se si tratta di un prodotto a microchip, come è finito in questa particolare applicazione”, ha detto al WSJ Brian Thorsen, portavoce di Microchip Technology. a questo proposito Inc.

La lente telescopica a infrarossi ad alta risoluzione utilizzata nel Mohajer-6 per l’osservazione e la guida si è rivelata identica al modello realizzato dalla società israeliana Ophir Optronics Solutions Ltd. Gli Stati Uniti hanno anche accusato l’Iran di ottenere parti per il suo programma di droni dalla Cina, con Pechino che ha chiuso un occhio sulle vendite che hanno aiutato la Repubblica islamica ad aiutare i suoi alleati nella regione. I funzionari statunitensi considerano i droni schierati dai delegati iraniani in Yemen, Libano e Iraq come una delle preoccupazioni di sicurezza più urgenti in Medio Oriente.

Tuttavia, l’uso di droni iraniani da parte della Russia segna la loro diffusione sul territorio europeo. Un problema per lo sforzo degli Stati Uniti di contrastare il programma di droni dell’Iran è che molti alleati di Washington, compresi quelli in Europa, si sono rifiutati di firmare sanzioni anti-iraniane ad ampio raggio, affermano gli analisti. Il 15 novembre, gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni alle società in Iran, Russia ed Emirati Arabi Uniti per aver facilitato il trasferimento e la produzione di UAV iraniani da utilizzare nelle operazioni di combattimento in Ucraina.

Teheran ha ammesso di aver venduto i droni alla Russia, ma nega di averlo fatto da quando Mosca ha lanciato la sua operazione militare in Ucraina a febbraio.

Secondo gli esperti dell’Istanbul Center for Economic and Foreign Policy Studies (EDAM), la Russia sta utilizzando i droni iraniani per arricchire il proprio arsenale di attacchi Questo è motivato da una semplice analisi costi-benefici. Con un costo stimato in circa $ 20.000 per unità, i droni kamikaze di Teheran sono molto più economici dei missili e svolgono anche un ottimo lavoro nel distruggere le infrastrutture nazionali critiche dell’Ucraina.

Gli Shahed-136 iraniani (noti in Russia come “Geran-2”) hanno svolto un ruolo importante negli attacchi alle infrastrutture in Ucraina. Con le scorte missilistiche russe in esaurimento (solo il 13% degli Iskander e circa il 45% dei missili Kh-101 e Kh-555 sono rimasticostringendo la Russia a utilizzare scorte di emergenza), i droni iraniani forniscono alla Russia un’alternativa rapida ed efficace. Facili da realizzare ed economici da acquistare, possono aiutare la Russia a mantenere un ritmo di avanzamento più rapido. Tuttavia, il carico utile di questi UAV non è sufficiente per distruggere completamente obiettivi su larga scala come ponti o fabbriche. Per tali attacchi, i missili balistici e da crociera sono ancora fondamentali.

Tuttavia, gli UAV iraniani possono ancora paralizzare i servizi pubblici ucraini e costringere il governo ucraino a spendere risorse per riparare le infrastrutture danneggiate. In breve, gli UAV dall’Iran stanno facendo il loro lavoro. Le informazioni ottenute da fonti aperte indicano che la Russia ha ordinato 2.400 UAV Shahed-136 dall’Iran.

Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, le forze militari russe hanno effettuato circa 30 attacchi di droni kamikaze in due giorni alla fine di ottobre, nonostante 23 siano stati abbattuti dall’Ucraina. Oltre all’UAV Shahed-136, la Russia potrebbe presto accettare nuovi droni iraniani nel suo arsenale. A luglio, una delegazione russa ha visitato la base aerea iraniana di Kashan per vedere lo Shahed-191 e lo Shahed-129, suggerendo che anche Mosca è potenzialmente interessata a questi oggetti.

Il primo è dotato di supporto a doppio missile, presumibilmente ha una portata massima di 1.500 chilometri e un tempo di volo di 4,5 ore, mentre il secondo ha un carico utile di 400 kg.

Alcuni organi di stampa ucraini affermano inoltre che la Russia potrebbe presto acquisire il Meraj-521, che è l’equivalente iraniano del Switchblade 300 della società americana AeroVironment. Secondo le stesse fonti, il nuovo lotto di ordini russi potrebbe includere i droni Arash-2, che sono droni dotati di telecamere ottiche e termiche che mancano allo Shahed-136. Mentre lo Shahed-136 può trasportare un carico utile di 40 chilogrammi, l’Arash-2 può trasportare circa 272 chilogrammi di esplosivo, rendendolo un’arma molto più letale dello Shahed-136.

Tuttavia, l’uso di droni kamikaze per colpire obiettivi di alto valore non è un fenomeno nuovo per i droni iraniani. Alcuni dei droni iraniani, tra cui lo Shahed-136, utilizzato dall’Ucraina, e lo Shahed-131, sono stati usati dagli Houthi per colpire preziosi obiettivi sauditi, navi collegate a Israele e basi statunitensi in Iraq. I droni iraniani sono estremamente pericolosi in Ucraina, in parte la loro efficienza e anche per la mancanza di sistemi di difesa aerea realmente efficaci in Ucraina.

Secondo i generali ucraini, circa il 40% degli Shahed-136 raggiunge il proprio obiettivo, il che non è un tasso di successo elevato, ma comunque sufficiente a causare danni su larga scala, soprattutto nei centri urbani.

Le caratteristiche dei droni iraniani utilizzati in Ucraina includono vantaggi e svantaggi per le forze armate ucraine.

Innanzitutto, emettono un ronzio distinto che li rende rilevabili in volo.

In secondo luogo, sono piuttosto grandi per una munizione volante, il che, ancora una volta, aumenta la facilità di rilevamento. Tuttavia, a causa della bassa quota di volo e della mancanza di materiali compositi riflettenti, lo Shahed-136 ha una bassa visibilità radar e termica, il che rende difficile l’intercettazione dei sistemi di difesa aerea.

Da quando la Russia ha iniziato a utilizzare gli UAV iraniani in combattimento, molti di loro sono stati intercettati dalle forze armate ucraine con missili antiaerei come lo Stinger. Tuttavia, a causa del loro costo elevato, la distruzione di questi droni kamikaze diventa più costosa della minaccia stessa. Ciò rende il puntamento di missili antiaerei contro droni kamikaze iraniani un’opzione altamente inefficiente per l’Ucraina.

Dal punto di vista dell’efficacia militare, la creazione di una difesa aerea stratificata richiede anche sistemi di difesa aerea di base a corto e medio raggio e guerra elettronica.

Al momento, una strategia a più livelli che combina MANPADS, sistemi di difesa aerea e artiglieria antiaerea, come i Gepard tedeschi, sembra essere la soluzione ideale per l’Ucraina. Sebbene non siano sufficienti per la difesa territoriale, se utilizzati in combinazione con l’artiglieria antiaerea, sistemi come NASAMS possono anche fornire una soluzione di difesa puntuale per proteggere le installazioni critiche dell’Ucraina. Le linee di produzione di UAV dell’Iran ora si estendono al di fuori del paese, creando un quadro molto più complesso per le strategie antiterrorismo degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

Ad esempio, recentemente, in ottobre, Israele ha bombardato una fabbrica di UAV iraniani vicino all’aeroporto militare di Dimas in Siria.

Tuttavia, a causa degli stretti legami e del coordinamento tra l’IRGC e i delegati sostenuti dall’Iran, fermare il trasferimento della tecnologia dei droni iraniani, le strutture di produzione e di servizio tra i vari paesi ospitanti e i delegati richiederà più che distruggere una singola fabbrica.

In diverse regioni ad alto rischio come l’Europa orientale, l’Indo-Pacifico, l’Asia centrale e l’Africa orientale, la domanda di UAV non farà che crescere.

Ciò è dovuto principalmente al fatto che i droni hanno dimostrato di essere risorse convenienti che spostano in modo significativo l’equilibrio di potere a favore di un paese con risorse militari limitate, specialmente nei conflitti asimmetrici.

A questo proposito, l’espansione delle capacità di intelligence e sorveglianza sia all’interno dell’Iran che nei paesi ospitanti che utilizzano droni iraniani sarà anche la chiave della strategia dell’Occidente per combattere il programma di produzione di UAV dell’Iran.

Exit mobile version