L’Iran si avvicina a Mosca in chiave strategica

drone d'attacco iraniano

L‘operazione speciale/invasione dell’Ucraina ha cambiato radicalmente l’atteggiamento degli iraniani nei confronti della Russia. Dall’inizio della guerra, il loro punteggio favorevole è sceso al 40%, mentre il numero di persone insoddisfatte è cresciuto, secondo un sondaggio IranPoll condotto insieme alla US University of Maryland (CISSM) nel giugno-luglio 2022.

Nonostante le assicurazioni del presidente russo Vladimir Putin che le relazioni tra Russia e Iran si stanno sviluppando a un “buon ritmo” e che la crescita del commercio sta battendo record, gli iraniani non vedono più Mosca con simpatia. Al contrario, ora la maggior parte di loro (57%) ha un atteggiamento negativo nei confronti della Russia.

Nello stesso tempo, la valutazione positiva è scesa al di sotto del 50% solo dopo l’invasione dell’Ucraina: prima della guerra, il favore degli iraniani è stato costantemente superiore al 55% per quasi 6 anni. Per quanto riguarda la guerra in Ucraina, gli iraniani respingono la tesi che l’invasione fosse una forma di autodifesa russa. Tuttavia, sono d’accordo con l’argomento “attacco forzato” a causa dell’intenzione dell’Ucraina di unirsi all'”alleanza militare contro la Russia” (NATO).

Nello stesso tempo, meno di un iraniano su dieci incolpa l’Ucraina di aver iniziato la guerra, tre su dieci parlano della responsabilità della Russia e lo stesso numero incolpa gli Stati Uniti, i paesi occidentali o l’Europa. Il resto considera colpevoli tutte le parti.

Ciò non vuol dire che non si stia perfezionando una alleanza strategica tra i due paesi. Infatti, il 15 settembre il presidente iraniano Ebrahim Raisi lo ha detto chiaramente in un incontro con il suo omologo russo Vladimir Putin a margine del vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO).

“Abbiamo la volontà necessaria per sviluppare la nostra relazione. Siamo collegati non da relazioni ordinarie, ma strategiche. Poiché sono di natura strategica, dobbiamo sviluppare la nostra cooperazione in campo politico, economico e spaziale “, ha affermato Raisi.

Ulteriore passo avanti nella nascita di un polo alternativo agli USA ed all’Occidente.

L’Iran sta perfezionando il suo ingresso nella organizzazione Shangai Cooperation (SCO). La nuova organizzazione delle potenze industriali emergenti cerca la cooperazione senza l’Occidente. Questa cooperazione assume la forma di una sfida all’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti. Russia e Cina stanno chiarendo che vogliono cambiare il ruolo degli Stati Uniti nel mondo, rendendo l’ingresso dell’Iran nella SCO una “pietra miliare”.

Cooperazione militare

Alla fine di luglio, i media hanno riferito che le truppe russe avevano iniziato l’addestramento sull’uso di UAV armati di fabbricazione iraniana. Il 30 agosto, i funzionari statunitensi hanno confermato pubblicamente che la Russia aveva acquisito droni armati Mohajer-6 di fabbricazione iraniana e la serie Shahed (Shahed-129 e Shahed-191).

Gli analisti ritengono che la Russia voglia utilizzare gli UAV iraniani per mirare e distruggere meglio l’arsenale ucraino dell’HIMARS (sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità) fornito dagli Stati Uniti, che l’Ucraina ha utilizzato per indebolire significativamente l’avanzata russa nel Donbas.

In questo contesto, il dialogo strategico tra Iran e Russia si è già ampliato nell’ultimo decennio, compreso il possibile acquisto da parte dell’Iran di sistemi di combattimento russi per potenziare il vecchio arsenale convenzionale dell’esercito iraniano e dell’IRGC.

A luglio, il presidente russo Vladimir Putin ha visitato Teheran e ha ricevuto il sostegno pubblico del leader supremo iraniano, l’ayatollah Ali Khamenei, il quale ha affermato che la politica occidentale non aveva lasciato al Cremlino “altra scelta che rispondere [invadendo l’Ucraina]”.

Exit mobile version