L’Europa di fronte all’islamizzazione nel Sahel

Pubblicità

Sebbene il crescente numero di attentati e l’instabilità regionale in Africa aumenti sempre di più, finora i paesi europei sene sono interessati completamente. O meglio prima hanno aggravato la situazione con la guerra di aggressione in Libia, dopodiché – per un congruo periodo di tempo – se ne sono del tutto dimenticati.
Ora che per la proliferazione di gruppi jihadisti armati, sta diventando veramente insostenibile, alcuni paesi europei cominciano a preoccuparsi (pur supportando ancora le sanzioni e la jihad in Siria) perchè il rischio è che nascano in Africa stati governati da entità simili ad ISIS. Così i rappresentanti europei si sono incontrati per decidere come arginare questa escalation.
Ma per la maggior parte dei paesi europei l’Africa è un continente sconosciuto e solo la Francia ha in Africa un proprio asset militare decente. Ma solo nei paesi francofoni del Franco FCA.
L’articolo che segue, è tratto dall’Edizione europea di EADaily nella mia traduzione in italiano.

patrizio ricci @vietatoparlare

Il mal di testa di Macron e della Merkel: l’Europa di fronte all’islamizzazione nel Sahel

Questa settimana, l’Unione europea dovrà affrontare il peggioramento della situazione politico-militare nel cosiddetto Sahel – una vasta regione africana a sud del deserto del Sahara, che si estende da ovest a est dal Senegal al Sudan. A Bruxelles si terranno le riunioni dei ministri degli affari esteri, della difesa e dello sviluppo dei paesi dell’UE con i rappresentanti dei cinque paesi africani del gruppo del Sahel: Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger.

L’UE sostiene le operazioni di sicurezza e militari nel Sahel di questi cinque stati contro gruppi altamente diversificati di jihadisti islamici. L’organizzazione Boko Haram opera nel nord-est della Nigeria e nel bacino del lago Ciad. Altre organizzazioni islamiste operano in Burkina Faso e in Mali. Nella fascia centrale della Nigeria e del Mali c’è una striscia di conflitti tra agricoltori e pastori. La pervasiva debolezza delle strutture statali nel Sahel contribuisce all’organizzazione di milizie comunitarie incontrollate, i cui leader diventano attori indipendenti in una situazione sempre più confusa.

Ricordiamo che l’aggravamento della situazione nel Sahel per la prima volta è stato indicato direttamente dall’intervento francese in Mali nel gennaio 2013 sotto il presidente Francois Hollande – con la cosiddetta operazione Serval.

A sua volta, la destabilizzazione in Mali è stata facilitata dall’intervento dell’Occidente nella vicina Libia nel 2011. A luglio 2014 è stato ufficialmente annunciato il completamento dell’operazione francese “Serval” in Mali. Ma a quel tempo era diventato chiaro che la crisi, oltre al Mali, si era estesa agli stati confinanti del Sahel. Pertanto, la presenza di truppe francesi nella regione continuò nella stessa composizione, ma già come parte dell’operazione Barkhan. Quest’ultima circostanza indica un problema irrisolto.

 


Le truppe francesi e l’operazione “Barhan”.

Pubblicità

Fin dall’inizio dell’operazione Serval, i francesi si sono rivolti agli alleati dell’UE per chiedere aiuto. Pertanto, l’operazione iniziò a prendere un carattere europeo comune.

Dal 2014, sotto l’egida dei francesi e dell’UE, l’organizzazione militare-politica combinata del Sahel dal Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger è stata proclamata per contrastare gli islamisti. Si pensava che le forze dei nativi alleati preparate e pagate dagli europei avrebbero soppresso altri nativi ostili agli europei. Ora le “Forze Combinate del Sahel” hanno circa 5mila soldati ed è parzialmente finanziata dall’Unione Europea. È vero, non si sa nulla di operazioni offensive efficaci di queste forze contro gli islamisti.

Nel frattempo, l’UE ha istituito missioni per una politica di sicurezza e di difesa comune in Niger e Mali, dove conducono esercitazioni militari e altre forme di sostegno per queste stesse “forze unite del Sahel”. I maggiori contributi a queste missioni sono Germania e Francia. Ufficialmente, i fondi dell’UE vanno alla fornitura di “attrezzature, servizi e infrastrutture non letali”. Inizialmente, l’UE ha stanziato circa 50 milioni di euro per finanziare la “United Force of the Sahel“. Seguirono nuove infusioni di denaro. Si afferma che il contingente delle cinquemila “forze unite del Sahel” diventerà efficiente e sconfiggerà gli islamisti dopo aver investito 500 milioni di euro in esso.

La Francia è costretta a mantenere ufficialmente il proprio contingente militare di 4,5 mila militari in Ciad, Burkina Faso, Mali e Niger – per assistere le forze locali nella lotta contro i jihadisti. In pratica, i francesi stanno rafforzando sempre più Stati insolventi nella zona del neocolonialismo francofono. Anche la Germania partecipa attivamente agli eventi e contiene circa 1 000 soldati tedeschi nella regione. Gli Stati Uniti sostengono le operazioni degli europei dalle attività di intelligence dei propri UAV dalle basi in Niger.

Naturalmente, con la natura protratta e fiacca della lotta, né le Forze Combinate del Sahel, in realtà scritte su carta, né i francesi riuscirono a ottenere una svolta nella lotta contro gli islamisti, che nel frattempo lentamente espandevano il loro controllo sui territori della regione. Gli islamisti hanno risposto al consolidamento transfrontaliero dei paesi del Sahel promossi dall’UE con la loro unificazione delle loro forze. Nel marzo 2017, hanno creato un’organizzazione transfrontaliera, il “Gruppo di sostegno per l’Islam e i musulmani”.

All’inizio di maggio, le Nazioni Unite hanno avvertito che l’insicurezza e gli attacchi armati nel Sahel hanno raggiunto livelli senza precedenti. Nell’ultimo anno il numero di rifugiati a seguito della diffusione delle ostilità è aumentato di cinque volte, aggiungendo oltre 330 mila persone ai 100mila rifugiati già presenti nel periodo precedente.

Ora i cinque paesi – Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger – inviano i loro diplomatici a Bruxelles per incontrare i ministri dell’UE. Ci si aspetta che chiedano ulteriore assistenza da parte dell’UE non solo per la propria sicurezza – le forze armate e la polizia, ma anche per lo sviluppo dell’economia e delle infrastrutture dei loro stati. È significativo che gli attuali incontri a Bruxelles siano stati preceduti dal viaggio del cancelliere tedesco Angela Merkel nei paesi del Sahel. La Merkel ha promesso di stanziare altri 40 milioni di euro per “la lotta contro il terrorismo”.

Lunedì 13 maggio sono iniziati gli incontri dei rappresentanti dei cinque stati del Sahel con i ministri degli esteri dell’UE. Discutono dei problemi della politica regionale. Martedì, i ministri della difesa si incontreranno con i rappresentanti dei cinque per discutere di urgenti problemi di sicurezza. L’incontro finale si terrà giovedì con i ministri dello sviluppo. Pertanto, l’Unione europea sta cercando di dimostrare un approccio integrato al problema della regione.

Bruxelles ammette che la regione del Sahel soffre di povertà diffusa, corruzione e criminalità organizzata. Il Mali e il Niger sono diventati centri e percorsi per il trasporto di migranti africani attraverso la Libia verso l’Europa.


Percorsi migratori in Africa verso l’Europa

Pubblicità

La difficoltà della situazione per l’UE è che gli eventi di crisi nel Sahel non sono isolati dalla vicina regione araba nordafricana e sono direttamente collegati ad essa. Da un lato, una Libia divisa e combattente rimane una fonte nutriente di instabilità per il Sahel. Pertanto, ora il primo ministro Fayez al-Sarraj che rappresenta una delle parti della Libia è stato invitato ai colloqui a Bruxelles sul Sahel.

D’altra parte, la situazione in Libia e nel Sahel destabilizza la vicina Algeria, il che aggiunge problemi di politica estera non solo agli europei a Bruxelles, ma in particolare al presidente francese Emmanuel Macron. Storicamente, dalle ex colonie francesi, l’Algeria era maggiormente associata alla metropoli. Questa connessione si fa sentire anche ora nella parte della migrazione multiculturale in Francia. Pertanto, è necessario ricordare che l’instabile Sahel è anche lo scenario della politica estera della crisi interna del presidente Macron. Un’ulteriore fonte del suo mal di testa. Le priorità della politica estera francese in Africa in caso di destabilizzazione dell’Algeria potrebbero benissimo spostarsi dal Sahel ancora più vicino alla “casa francese”, aggiungendo tensione alla stessa Francia.

source link: https://eadaily.com/en/news/2019/05/13/golovnaya-bol-makrona-i-merkel-evropa-pered-licom-islamizacii-v-sahele