Dalla Turchia con i convogli umanitari transitano in Siria armi e logistica per i terroristi

Sotto le finte spoglie degli aiuti umanitari passa il supporto alla guerra siriana

Con il pretesto degli aiuti umanitari ancora oggi  giungono ai gruppi terroristici dall’estero in Siria una grande quantità di armi, denaro, materiali e mezzi tecnologici . Questo è il contenuto della  dichiarazione fatta dal Rappresentante Permanente della Repubblica Siriana presso l’ ONU,Bashar Jaafari, in una lettera al Presidente del Consiglio di Sicurezza.

“Una serie di convogli di aiuti umanitari provenienti dall’estero, in particolare dalla Turchia , sono ancora utilizzati come mezzo per trasportare armi, denaro, mezzi materiali e tecnici, cibo e medicine per gruppi terroristici armati, specialmente ai terroristi del fronte” al Nusra ” – ha detto nella lettera del Rappresentante permanente della Repubblica Araba Siriana (RAS).

Jaafari sottolinea che il meccanismo di controllo approvato dall’ONU “si è rivelato inefficace nell’eseguire compiti di controllo del carico che trasportano i convogli. Oltre al controllo del contenuto dei beni trasportati è anche inefficace l’osservazione dei movimenti dei convogli che dalla Turchia vanno verso la loro destinazione finale situata in territorio siriano”.

Il rappresentante permanente della RAS ha osservato che cibo e medicine “continuano a finire nelle mani di gruppi terroristici armati”.

Jaafari ha ricordato in proposito  anche ciò che accadde al momento della liberazione dei quartieri orientali della città di Aleppo, dove “i terroristi organizzarono magazzini con dozzine di tonnellate di tali beni che erano nascosti ai bisognosi, furono venduti a loro a prezzi esorbitanti, e furono anche usati nell’interesse dei leader di gruppi terroristici, dei militanti e dei membri delle loro famiglie. ”

Da parte sua l’Onu sembra ignorare questo tipo di istanze e proprio oggi ha esortato la Siria di abbandonare l’offensiva per evitare profughi e sofferenze ai civili. Nulla le Nazioni Unite sembrano obiettare sul dominio di al Qaeda e di gruppi simili nel territorio di Idlib.

Se non ci sono soldi e logistica, armi, non c’è jihad.

Nel 2014, gli analisti libanesi hanno presentato prove che il Qatar, nella fase iniziale della guerra siriana, hanno speso circa $ 15 miliardi  a favore della Fratellanza Musulmana Siriana e dell’Esercito Siriano Libero (FSA). L’Arabia Saudita ha anche fornito un sostegno finanziario attivo ai militanti della FSA, che alla fine si sono spostati sul segmento radicale dell’opposizione.

Grazie a questi ingenti aiuti i gruppi radicali in Siria sono diventati paragonabili ad un paese della Nato in termini di proporzioni di forze. Il numero dei jihadisti nella massima espansione ha superato gli effettivi di questi singoli paesi: Polonia, Kazakistan, Bulgaria, Canada, Australia, Croazia, Austria e Finlandia.

I fondi a disposizione di tutti i gruppi presi insieme sono di un ordine di grandezza superiore a quelli con cui alcuni membri della NATO gestiscono il loro budget.

Riguardo ai passaggi logistici attraverso la frontiera turca citati da Jaafari , è  noto da tempo che la Turchia ha effettivamente instaurato rapporti con organizzazioni terroristiche, tra cui lo Stato islamico e al-Nusra (successivamente ridenominata Tharir al Sham). Di particolare interesse è la cooperazione di Ankara con l’ISIS, che, senza dubbio, è stato uno dei principali partner della Turchia nella regione, si spiega solo così il suo relativo benessere. La Turchia ha commerciato per lungo tempo con l’ISIS importando idrocarburi,  manufatti storici, minerali, materiali da costruzione e prodotti agricoli siriani con Ankara. La Turchia ha così permesso allo Stato islamico costanti introiti nel proprio bilancio, oltre un terzo del quale è stato speso per i salari ai militanti.

La principale rotta per il trasporto di manodopera da tutto il mondo verso la jihad in Iraq e in Siria ha attraversato apertamente il territorio della Turchia , ciò è spiegato non solo dalla frontiera comune, ma anche dalla completa lealtà delle autorità turche.

Molti esperti hanno ripetutamente sottolineato che tutte queste rotte, compresi i valichi di frontiera, sono controllate dai servizi segreti turchi (MIT).  Il MIT non è sottoposto ac ontrolli per la fornitura di armi, munizioni ai militanti in Siria, che passano sotto il pretesto di fornire “il popolo siriano di aiuti umanitari”. In passato, la polizia turca di frontiera ha ripetutamente condotto operazioni per intercettare le “carovane”, ma solo una di esse si è conclusa con successo (19 gennaio 2014) – il resto dei carichi è stato accompagnato dal personale del MIT. Di conseguenza, sono stati aperti casi di reato contro coloro che hanno autorizzato la ricerca di camion con armi. Il pretesto è stato di bollare una legittima azione di polizia come ” un tentativo di svelare segreti di stato”.

In riferimento alle condizioni attuali, non si conosce di chi siano oggi gli aiuti ai militanti nella provincia di Idlib ma è certo che i jihadisti senza il sostegno esterno,  capitolerebbe molto presto. Invece non essi sembrano non avere nessun problema di rifornimento.

@vietatoparlare