L’amministrazione Trump ha accettato l’offensiva a Daara, nel sud della Siria?

L'amministrazione Trump ha accettato l'offensiva a Daara, nel sud della Siria? 2

di Sic Sempre Tyrannis

Chiunque stia attuando la politica americana in Siria, sicuramente non è Nikki Haley. Nonostante la sua rabbiosa dichiarazione di venerdì, in cui ha dichiarato che “la Russia alla fine sarà responsabile di ulteriori escalation in Siria”, gli aerei da guerra russi si sono uniti alla battaglia di Daraa durante la notte, ieri sera, dopo essere stati “assenti” come Reuters ha detto prima di sabato.

Allo stesso tempo, il governo degli Stati Uniti ha informato i gruppi ribelli meridionali attraverso una lettera vista da Reuters che non poteva aspettarsi alcun intervento militare statunitense a loro nome. Questa potrebbe essere stata la motivazione per altre unità della FSA a disertare la parte dell’esercito siriano per combattere contro Hayat Tahrir al Sham, l’ultima incarnazione di Al Qaeda in Siria. Sono state coordinate le azioni russe e statunitensi?

Sebbene le prove siano solo circostanziali, Sembrerebbe che, nonostante le minacce di Haley, l’amministrazione Trump stia effettivamente appoggiando la strategia siriana per fare pressioni su qualsiasi elemento jihadista che non cambi le parti per arrendersi ed evacuare, come è stato fatto a Douma in aprile. Nessuno, né sul lato statunitense né su quello russo, ha detto qualcosa di simile, naturalmente. Non c’è stato nemmeno alcun riconoscimento da parte russa, per ora, che gli aerei da guerra russi stiano compiendo attacchi aerei a sostegno delle forze siriane a Daraa.

La cronologia degli eventi nelle ultime 24 ore è approssimativamente la seguente:

Al Masdar  ha dato  la notizia che gli aerei russi si sono uniti alla campagna alle 12:20 ora locale della scorsa notte. Una fonte militare ha detto che gli aerei russi hanno lanciato circa 20 attacchi aerei nel nord-est di Daraa a partire dalle 23:00 ora locale, ma che la maggior parte di loro ha colpito la città di Busra Al-Harir, che divide a metà l’area detenuta dai jihadisti. Nel giro di 40 minuti il ​​numero di attacchi aerei  è arrivato  a 30. Nello stesso periodo, la Reuters ha  riferito che gli aerei da guerra russi non erano stati schierati fino a quando le forze del governo siriano non hanno cessato l’uso massiccio dell’artiglieria e dei missili nell’assalto . L’agenzia di stampa ha inoltre rilevato  che “il fatto che la Russia abbia lanciato tutto il suo peso militare in pieno nella campagna per riconquistare la Siria meridionale, indebolirà la capacità dei gruppi ribelli del Free Syrian Army (FSA) di resistere agli implacabili bombardamenti su aree civili che costringono i loro compatrioti in altre aree a sottomettersi alle offerte di conciliazione”,

Il ministero della Difesa russo ha  rilasciato  una dichiarazione a metà giornata di oggi a Mosca, riferendo che le formazioni della FSA in undici insediamenti si erano unite con l’esercito siriano per combattere contro ISIS e Jabhat al Nusra. “Entro la fine di giugno 23 questi insediamenti erano completamente sotto il controllo delle legittime autorità siriane”, ha detto il Centro.

La dichiarazione arriva appena un giorno dopo che l’esercito siriano e la FSA hanno respinto congiuntamente un attacco da parte di oltre un migliaio di terroristi del Fronte al Nusra nella zona sud della de-escalation zone, aggiunge Sputnik  . Allo stesso tempo, la Reuters ha  riferito che gli Stati Uniti hanno detto alle fazioni ribelli siriane che non dovrebbero aspettarsi un sostegno militare statunitense che li aiuti  a resistere a un’offensiva del governo sostenuta dalla Russia per riconquistare parti dell’opposizione della Siria al confine con la Giordania e le alture del Golan occupate da Israele.

Una copia di un messaggio inviato da Washington ai capi dei gruppi dell’esercito siriano libero (FSA) – che è stata vista da Reuters – ha detto che il governo degli Stati Uniti voleva chiarire che le milizie “non dovrebbero basare le proprie decisioni da prendere su ipotesi o sull’aspettativa di un nostro intervento militare.” Secondo la Reuters, il messaggio degli Stati Uniti dice anche ai ribelli, che solo loro hanno la facoltà di prendere la decisione giusta su come affrontare la campagna militare dell’esercito siriano basata su ciò che vedevano meglio per loro stessi e il loro popolo.

È del tutto possibile, mi sembra, che ciò che vedremo nei prossimi giorni sia l’attuazione della stessa strategia di riconciliazione che abbiamo visto nella Ghouta orientale, ad Aleppo e in altre aree dove alcuni cosiddetti ribelli combattenti cesseranno il combattimento e concorderanno il loro status con il governo, altri saranno evacuati da Idlib e quelli che rifiuteranno, molto probabilmente ISIS, saranno eliminati. L’agenzia di stampa Fars iraniana ha  riferito ieri che alcuni gruppi di opposizione (“terroristi”) stanno chiedendo esattamente questo.

Fars cita fonti locali che riferiscono che i rapidi progressi dell’esercito nella provincia di Dara’a hanno indotto i gruppi terroristici a deporre le armi nei villaggi e nelle città della regione di al-Lajah (che secondo i rapporti di Al Masdar citati sopra era uno dei principali obiettivi del Assalto siriano) e accetta i termini e le condizioni dell’esercito, chiedendo l’attuazione del piano di riconciliazione.

Source link

Exit mobile version