L’Algeria ha chiuso il proprio spazio aereo alla Francia

Macron si era scagliato contro la Turchia e l'Algeria accusando le loro leadership di memoria corta

presidente francese Macron - foto wikipedia

Il presidente francese Emmanuel Macron lo scorso fine settimana ha rivolto alla Turchia un feroce “complimento” per quella che ha definito la capacità di Ankara di cancellare il suo passato coloniale nel paese nordafricano. “Ammiro la capacità della Turchia di far dimenticare completamente all’Algeria il ruolo che ha svolto nel Paese e il dominio che vi ha instillato”, ha detto oggi, 4 ottobre, il quotidiano francese Le Monde, Macron al portale di notizie e analisi Ahval.

“Loro (i turchi) dicono solo che siamo noi i coloni, e gli algerini ci credono. C’era uno stato algerino prima del colonialismo francese? Questa è la domanda principale”, ha detto il proprietario dell’Eliseo.
Le affermazioni di Emmanuel Macron sono arrivate sullo sfondo di una disputa diplomatica sempre più profonda con l’Algeria sulla decisione di Parigi di ridurre il numero di visti che rilascerà ai cittadini di quel paese, nonché ai cittadini marocchini e tunisini.

Macron si è rivolto ai rappresentanti dei discendenti franco-algerini dei kharqi,che hanno combattuto dalla parte dei francesi durante la guerra d’indipendenza, Macron ha anche parlato in modo critico della storia e del sistema politico algerino. Ha descritto lo stato nordafricano come governato da un “sistema politico-militare” e ha indicato la creazione di una storia nazionale incentrata sul “discorso dell’odio della Francia”. Macron ha insistito sul fatto che il suo rapporto personale con il presidente algerino Abdelmejid Tebun fosse buono, ma ha descritto il sistema politico algerino come “stanco” dopo il movimento di protesta del 2019 che ha scosso il Paese.

In risposta a queste dichiarazioni, lo stesso giorno l’Algeria ha richiamato il suo ambasciatore da Parigi per consultazioni e ha vietato agli aerei militari francesi di attraversare il proprio spazio aereo.

“A seguito di osservazioni che non sono state confutate (da Parigi ufficiale) e che diverse fonti francesi attribuiscono a Macron, l’Algeria rifiuta categoricamente un’ingerenza inaccettabile nei suoi affari interni”, ha affermato il presidente algerino in una nota.

“I crimini della Francia coloniale in Algeria sono innumerevoli e soddisfano le definizioni più rigorose di genocidio”, ha aggiunto il presidente algerino.

L’Algeria fu colonizzata dalla Francia nel 1830 e tale rimase fino a quando non prese il sopravvento nella Guerra d’Indipendenza durata otto anni, dal 1954 al 1962. Fu un conflitto segnato da una brutale violenza, in cui avvennero diversi massacri da parte delle forze francesi e dei ribelli algerini, questo ha causato una profonda polarizzazione. Il partito di governo algerino, il Fronte di liberazione nazionale (FNL), è al potere da quando ha liberato il paese dal controllo francese. Dall’indipendenza, la politica algerina ha affrontato la sfida del ruolo delle forze armate nella politica interna.

Macron aveva precedentemente escluso che la Francia avrebbe presentato le proprie scuse per la colonizzazione dell’Algeria o per il suo comportamento durante la Guerra d’indipendenza algerina. Il leader francese non si è assolutamente scusato per la storia del suo paese, che si tratti del suo passato imperiale o del suo ruolo nella tratta degli schiavi africani.

Durante l’Impero ottomano, la Turchia esercitò il controllo sulle regioni costiere dell’attuale Algeria dal 1519 al 1830, ovvero fino a quando cadde in mano alla Francia. Oggi, la Turchia e l’Algeria rimangono partner commerciali e condividono opinioni sul conflitto nella vicina Libia, dove sono attualmente di stanza le forze turche, ha affermato Ahval.

Fonte – eadaily.com

Exit mobile version