La teoria dei Cigni Neri, decisiva per le elezioni presidenziali americane dal 1964, lo sarà nel 2020 anche per Donald Trump?

[su_spacer]Cosa possiamo dire delle elezioni presidenziali americane che si terranno il 3 novembre 2020? Il presidente uscente Donald Trump sarà rieletto? Oppure il suo avversario Joe Biden prevarrà, e diventerà quindi il 46 ° presidente degli Stati Uniti. Per rispondere, proviamo a far parlare la storia.

di Hamed – giovedì 13 agosto 2020

Prima di tutto, devi affermare una verità. L’uomo non ha alcun controllo sul proprio destino. Ha una presa solo finché la situazione economica gli sorride. Questo ci fa dire che esistono forze storiche estremamente potenti in grado di cambiare dall’oggi al domani l’esistenza di un uomo, l’esistenza di un popolo, l’esistenza di una nazione. La crisi sanitaria del Covid-19 ha sconvolto il mondo intero.

Quindi ci poniamo la domanda: ” Siamo maestri della nostra storia?” Siamo certamente gli attori della nostra storia, ma nelle nostre azioni, quanto li comandiamo anche perché siamo noi ad agire, resta il fatto che agiamo solo in base agli eventi che ci accadono e di cui non abbiamo idea. non sempre le capiamo quando ci accadono. Ad esempio, chi pensava che una pandemia virale sarebbe arrivata e avrebbe confinato più di 4 miliardi di esseri umani? Allo stesso modo chi pensava che il video che mostrava la morte dal vivo di George Floyd avrebbe fatto il giro del mondo? George Floyd, un nero americano, arrestato da diversi agenti di polizia bianchi fino a quando, per soffocamento, muore.

È proprio questa morte di George Floyd e il modo in cui è morto che spinto il mondo ad agire, con conseguenze, tra le altre cose, nel destino dell’America e del mondo. Quindi vogliamo mettere in discussione il significato sia umano che metafisico di questi due grandi eventi, la pandemia e la morte di un nero americano?

Se non siamo noi i padroni della nostra storia, possiamo pensare che quello che succede agli uomini sia una questione di fortuna? Le forze della storia agiscono ciecamente e arbitrariamente? Questa incapacità per l’uomo di prevedere ciò che gli accade in termini di eventi felici o infelici lo rende davvero dipendente da forze superiori. E questi eventi seguono un corso ineludibile, indipendente dalla volontà umana. E non possiamo che riferirci alla divina Provvidenza, poiché ad essa ricade il funzionamento del mondo, attraverso di essa che noi esistiamo. Non siamo stati e poi siamo, esistiamo.

Da quanto precede, tre punti emergono e legittimano la situazione dell’uomo nell’Essere del mondo . Il primo punto sono le forze storiche. Non sono una questione di fortuna e non sono arbitrarie. Va anche detto che questo postulato va oltre l’uomo. “ C’è uno Spirito che governa il mondo. È la divina Provvidenza . La marcia dell’umanità procede quindi secondo un’Intelligenza che trascende gli uomini. E, per il principio di causalità che ne consegue, ogni effetto che segue la causa è necessario e anche qualsiasi causa che lo ha generato.

Il secondo punto è il progresso della storia che è davvero una realtà per la comprensione umana. L’essere umano comprende facilmente che le epoche della storia sono interdipendenti. L’umanità si è sempre evoluta positivamente nonostante le guerre atroci e le calamità, questo è testimoniato da quello che era l’umanità durante l’Antichità, prima dell’Antichità, poi nel Medioevo, e passando per altre fasi , fino ad arrivare ai giorni nostri. E così all’inizio del 3 ° millennio che è anche transitorio.

Il terzo punto è la “perfetta ignoranza” dell’uomo riguardo al suo destino in perenne movimento e in continuo cambiamento. L’uomo è e diventa. Questo diventare umano non solo è necessario, ma costituisce la sostanza stessa della sua esistenza . Senza questo ” sconosciuto “, la storia dell’umanità avrebbe perso la sua sostanza, o più semplicemente la sua essenza di esistere. Il significato della storia se l’uomo conoscesse la sua essenza semplicemente non lo sarebbe. Allo stesso modo per l’universo. La storia come il mondo allora non sarebbe il nulla e niente esisterebbe. Quindi possiamo dire che la conoscenza degli esseri umani è delimitata dall’Essenza da cui procede la loro esistenza.

Con questa presentazione metafisica, ma anche obiettivo del senso di umanità, possiamo allora chiedersi le prossime elezioni presidenziali americane, prevista per novembre 2020. Per risposta, e prima di vedere ciò che emerge dal del Presidente 1 ° termine Donald Trump, diamo prima un’occhiata agli ultimi 50 anni. Diamo un’occhiata ai contesti storici che sono esistiti in ogni precedente elezione presidenziale. Quali erano le forze che portavano i candidati alla carica suprema?

Primo, il presidente Lyndon Johnson del Partito Democratico. Vicepresidente, è diventato presidente degli Stati Uniti il ​​23 novembre 1963, in seguito all’assassinio del presidente JF Kennedy. Nel 1964 fu rieletto. È la più grande vittoria elettorale nella storia degli Stati Uniti. Come la vendetta contro l’assassinio di un presidente. Il coinvolgimento americano nella guerra del Vietnam in seguito agli incidenti nel Golfo del Tonchino, avvenuti il ​​2 e 4 agosto 1964, non presagiva una guerra disastrosa per gli Stati Uniti.

Precisamente, dal 1965, gli Stati Uniti sono intervenuti massicciamente in Vietnam. Per quattro anni, nonostante i massicci bombardamenti  contro il territorio del Vietnam del Nord, i guerriglieri del sud erano ancora operativi. La stagnazione dell’esercito americano, il conflitto che va nello stallo sempre più impopolare nell’opinione pubblica americana costituirono un cigno nero per il presidente Johnson che capì di non avere alcuna possibilità di essere rieletto . Ha rinunciato alla rielezione nel 1968 per un secondo mandato.

Nel 1968 fu eletto l’ex vicepresidente di D. Eisenhower, Richard Nixon, repubblicano. È diventato il 37 ° presidente degli Stati Uniti. Corregge gli errori del precedente presidente, ritira le truppe americane, riconosce la Repubblica popolare cinese. È il primo presidente americano a visitare la Cina e l’URSS. È il disgelo nella guerra fredda, l’inizio del rilassamento tra le grandi potenze.

Nel 1974 si è dimesso in seguito all’avvio di un procedimento di impeachment a seguito dell’affare Watergate. Cosa si può dire delle dimissioni di Nixon? Il ritiro delle forze americane e il riconoscimento della RPC sono stati dettati dalle forze della storia. Per Nixon, sarebbe stata una follia continuare la guerra come ha fatto la precedente amministrazione democratica.

Se è stato rieletto nel 1972, un cigno nero latente esisteva comunque durante il secondo mandato. Una grave crisi monetaria ha opposto l’Europa agli Stati Uniti. Ciò spinse il presidente americano a porre fine alla convertibilità del dollaro in oro il 15 agosto 1971, poiché lo stock di oro americano aveva raggiunto un limite che non poteva superare (linea rossa). Le successive crisi valutarie tra il 1971 e il 1972 non trovarono soluzione con la prima crisi petrolifera successiva alla quarta guerra arabo-israeliana. Le dimissioni nel 1974 del presidente Nixon furono in definitiva solo un processo naturale che iniziò e che avrebbe interessato anche il vicepresidente Gérard Ford.

Il 38 ° presidente degli Stati Uniti nel 1974, in sostituzione del presidente Nixon, Gerard Ford non sarà eletto nel 1976. Anche in questo caso gli aspetti economici, finanziari e monetari, negli anni ’70, erano in sospeso, lasciando un’influenza da cigno nero l’economia degli Stati Uniti. L’elevata inflazione durante il suo mandato dovuta alla guerra economica tra i poli occidentali (Europa, Stati Uniti e Giappone), l’evoluzione irregolare del sistema monetario internazionale e le crisi petrolifere hanno avuto un effetto molto negativo nell’opinione pubblica americana. Questo ha spinto il contesto storico a favore ai Democratici.

Nel novembre 1976 fu eletto Jimmy Carter, un democratico. Diventa il 39 °Presidente degli Stati Uniti. Piuttosto presidente anti-sistema, soprattutto pragmatico, ha cercato di rilanciare l’economia americana. Umanista, favorisce il multilateralismo, il non intervento e il riavvicinamento degli Stati Uniti ai paesi poveri e in via di sviluppo. Tutti questi progressi nella sua politica estera non sono stati sufficienti al suo interno per rilanciare l’economia statunitense. E la popolazione americana è molto sensibile al problema della disoccupazione, è il problema numero uno per l’America. La Grande Depressione degli anni ’30 che portò l’America, un paese prospero, ricco e potente alla più grande crisi economica di tutti i tempi, è ancora ricordata dal popolo americano. Disoccupazione di almeno il 40%, mense per i poveri, rivolte per la fame, milioni di famiglie gettate nelle strade,

Il cigno nero era lì. Il 2 °Crollo del petrolio nel 1979, seguito dal forte aumento del tasso di interesse chiave da parte della Banca centrale americana (Fed) dal 10% a oltre il 20% per contrastare l’impennata dell’inflazione – era in doppia cifra (15% ) – ha causato un disastro economico globale negli anni ’80 – il debito ha colpito gran parte del mondo. E l’inflazione galoppante era dovuta alla guerra finanziaria e monetaria che oppose Europa e Giappone agli Stati Uniti. I primi due poli hanno anche iniziato a emettere liquidità internazionale per far fronte alla liquidità emessa dalla Fed statunitense per finanziare i suoi deficit commerciali con l’estero. Infatti una monetizzazione di fatto del surplus di importazione sulle esportazioni da parte degli Stati Uniti che, assimilando a finanziamenti basati sulla creazione monetaria e quindi gratuiti, ha esortato altri poteri dei partner a fare lo stesso. Questa crisi, che ha provocato l’aumento dei prezzi, di cui il prezzo del carburante alla pompa e la disoccupazione erano il cigno nero nella non rielezione di Jimmy Carter, per un secondo mandato.

Cosa si può dire dei quattro presidenti degli Stati Uniti tra il 1968 da quando il presidente Johnson ha rinunciato nel 1968 per un secondo mandato e nel 1980 che ha visto Jimmy Carter privato di un secondo mandato? Ogni volta, è il cigno nero , cioè il contesto storico che, attraverso le forze storiche sottostanti ma essenziali, determina in ultima analisi le elezioni presidenziali americane. Dobbiamo capire che questi non sono i candidati stessi che scelgono di candidarsi alla presidenza o di candidarsi per un 2 ° mandato, ma la storia ha anticipato e già fatto la sua scelta, portando il popolo ad avallare quanto era già al potere. Come possiamo ancora vedere nelle elezioni che seguirono.

Nel novembre 1980 fu eletto Ronald Reagan, ex attore cinematografico e repubblicano. È diventato il 40 ° presidente degli Stati Uniti. Dopo la recessione del 1982, a causa del forte aumento dei tassi di interesse e del forte aumento del tasso di cambio del dollaro USA, la ripresa economica è stata rapida. È stato rieletto nel 1984. Nonostante il crollo del 1987, il tasso di inflazione e il tasso di disoccupazione sono diminuiti drasticamente, l’economia statunitense è rimasta stabile durante il secondo mandato. Si può sostenere che non c’erano potenziali cigni neri che hanno offuscato la sua presidenza. Quindi ricadute positive per il suo partito, un altro repubblicano viene eletto alla fine del suo secondo mandato.

Nel novembre 1988 fu eletto George HW Bush, vicepresidente di Ronald Reagan. È diventato il 41 ° presidente degli Stati Uniti. Dopo il crollo dei paesi socialisti dell’Est, seguito da quello dell’URSS nel dicembre 1991, segnando l’emergere di un mondo unipolare, gli Stati Uniti, sotto il suo mandato, hanno assunto il ruolo di poliziotto del mondo . A capo di una coalizione internazionale, gli Stati Uniti hanno liberato il Kuwait (prima guerra del Golfo) nel 1991.

Se Bush senior registrerà forti successi internazionali, due cigni neri oscureranno il suo trionfo esterno. Il primo cigno nero parla dei disordini razziali a Los Angeles (aprile-maggio 1992). Il pestaggio di un automobilista nero americano da parte di quattro poliziotti bianchi, assolti da una giuria composta da 10 bianchi, un asiatico e un latino ha dato fuoco alla polvere. Diversi giorni di disordini (53 morti, 2300 feriti, 1100 edifici distrutti, diverse migliaia di persone arrestate). È il primo cigno nero .

Il secondo cigno nero è l’entrata in recessione dell’economia statunitense nel 1991-1992. La recessione economica degli Stati Uniti è comprensibile se ricordiamo che gran parte del mondo era indebitato negli anni ’80, in particolare i paesi in via di sviluppo in Africa, America Latina e Asia. I paesi emergenti, a quel tempo, erano solo i quattro draghi asiatici seguiti dalle tigri tutti localizzati in Asia. In totale 9 paesi e tutti situati nell’ovile occidentale. Cioè Corea del Sud, Taiwan, Singapore, Hong Kong seguita da Thailandia, Malesia, Indonesia, Vietnam, Filippine …

Il blocco orientale era in rovina, seguì la Federazione jugoslava. Comprendiamo quindi che l’intera economia mondiale era in depressione. Il cigno nero che stava colpendo gli Stati Uniti era sia interno, poiché causato dal rialzo dei tassi di interesse mondiali nel 1980, avviato dalla Fed americana ed esterno, sia esterno, cioè il feedback degli Stati Uniti. La politica monetaria americana su se stessa (feedback). Rompendo la sua promessa di non aumentare le tasse, l’economia in recessione, la disoccupazione in aumento, George Bush non è stato rieletto nel 1992.

Nel novembre 1992 è stato eletto Bill Clinton del Partito Democratico. È il 41 ° presidente degli Stati Uniti. Progressi sul fronte esterno (accordi di Oslo), la ripresa economica, la caduta del tasso di disoccupazione grazie alla rivoluzione tecnologica e l’Asia compresa l’India e soprattutto la Cina che, convertita al socialismo di mercato, era in piena crescita. Anche la trasformazione della Russia e del Sud America ha svolto un ruolo trainante per l’economia americana, a differenza degli anni ’80, quando il resto del mondo era impantanato nei debiti. Una situazione che ha portato la Banca Centrale Americana (Fed), finanziando i propri deficit esterni, a “ finanziarizzare ” di fatto i Paesi del resto del mondo. Con ” extra »Dell’Europa e del Giappone, in quanto emittenti di valute internazionali, tramite i loro deficit esterni. Senza i deficit esterni occidentali, il resto del mondo che ha bisogno di liquidità internazionale non potrebbe svilupparsi. Bill Clinton è stato rieletto nel 1996.

Nonostante diversi scandali politici e di altro tipo legati ad affari privati ​​e diversi interventi armati (Iraq, Kosovo…), non ci sono stati cigni neri propriamente detti per i due mandati di Bill Clinton. L’economia era in crescita, il tasso di disoccupazione ai minimi da 30 anni, una ripresa economica alla fine del 2 ° mandato, caratterizzata da un avanzo di bilancio.

Nel novembre 2000 è stato eletto G. Bush junior, governatore del Texas. Diventa il 43 ° presidente degli Stati Uniti. Il voto è stato molto serrato tra il candidato repubblicano, G. Bush, e il candidato democratico, Al Gore. Durante il primo mandato, la guerra al terrorismo dopo gli attentati dell’11 settembre 2001, le guerre in Afghanistan, in Iraq, la ripresa economica dopo la recessione del 2001, hanno costituito un trionfo per il presidente al punto che è stato rieletto. nel 2004, con la maggioranza assoluta dei voti popolari.

Ma il 2 ° termine sarà l’opposto assoluto 1 ° periodo. O meglio, i successi del primo mandato, in realtà solo apparenti, portavano il germe dei cigni neri . Primo, la stagnazione dell’esercito americano in Iraq al punto che i media hanno paragonato la guerra a quella del Vietnam. Il 2 ° Cigno Nero, iniziato nel 2007, è la “crisi dei subprime ” ovvero il rischio ipotecario che ha inquinato gran parte dei bilanci delle banche statunitensi e del resto del mondo, in particolare l’Europa. Nel 2008 è seguita la grande crisi finanziaria del 2008, conseguenza della prima. Il sistema bancario americano è paralizzato.

Per non parlare di un altro cigno nero annunciatore, l’uragano Katrina nel 2005, in Louisiana. Dopo il picco, il trionfo di Bush si trasforma in un disastro per gli Stati Uniti.

Cosa vediamo in questa svolta in America? In realtà, nonostante il successo del 1 ° periodo, si nasconde il disastro a venire, la storia era già costruito nel corso della stessa prima cosa sarebbe successo il secondo. Ciò significa chiaramente che i cigni neri che esistevano prima del primo mandato sono scoppiati solo nel secondo termine. Una situazione che metterà i repubblicani in una situazione politica delicata tale che si è verificato un capovolgimento delle solite tendenze ed è un candidato democratico nero a conquistare l’appoggio del popolo americano.

Nel novembre 2008 è stato eletto un senatore dell’Illinois, un nero americano, figlio di un keniota e di un bianco americano. Diventa il 44 ° presidente degli Stati Uniti e il primo presidente nero alla presidenza degli Stati Uniti. Ha fatto più o meno come Jimmy Carter. Sta accelerando il ritiro delle truppe americane dall’Iraq. Nel dicembre 2011, le truppe in conformità con l’accordo SOFA, si sono ritirate dall’Iraq. L’economia si sta gradualmente riprendendo grazie ai massicci piani di spesa pubblica, all’assistenza alle famiglie, alla mano tesa all’Iran, alla cosiddetta legge obamacare sull’assicurazione sanitaria. È stato rieletto nel 2012.

Come per Reagan e Clinton, non c’erano veri cigni neri . Tuttavia, alla fine del secondo mandato di Obama, subentrerà un repubblicano bianco atipico.

Nel novembre 2016 è stato eletto Donald Trump, un magnate immobiliare miliardario. Diventa il 45 °Presidente americano. Un candidato anti-sistema, lo afferma lui stesso. È caratterizzato da posizioni isolazioniste e protezionistiche. Presidente atipico, caso speciale nella storia americana, segnato dall’affare Russiagate e da diversi scandali, durante il suo mandato ha preso decisioni che non vanno nella direzione della pacificazione del mondo. Decreta l’uscita dall’accordo nucleare iraniano del 2015. Riconosce Gerusalemme come capitale di Israele. Annuncia il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo di Parigi sul clima e dall’UNESCO. L’8 luglio 2020 ha lanciato ufficialmente una procedura per recedere dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), mentre il mondo intero è ancora nel mezzo di una crisi sanitaria.

In Asia, a parte l’accordo con la Corea del Nord che ha evitato un conflitto nucleare, il presidente Donald Trump ha concluso all’inizio del suo mandato, il 23 gennaio 2017, la partecipazione degli Stati Uniti al trattato libero. -scambio transpacifico (TPP). Per quest’ultimo punto, per comprendere il significato geostrategico e geoeconomico del TPP, è interessante leggere un’analisi del quotidiano Le Monde.

“ Secondo la US International Trade Commission (USITC), il TPP avrebbe aumentato il prodotto interno lordo statunitense dello 0,15% entro il 2032 e le sue esportazioni dell’1%. Ma la vera questione di un trattato che, dall’inizio, ha lasciato Pechino in disparte, è diplomatica. La Trans-Pacific Partnership è stata al centro della strategia di “perno” verso l’Asia sostenuta da Obama. Con l’ambizione di controbilanciare la crescente influenza della Cina. “(1)

È indicativo delle questioni in gioco oggi, tra le potenze, nel mondo. Nel 2020, la situazione di stallo USA-Cina ha raggiunto una situazione quasi di non ritorno. Possiamo anche dire che la situazione economica oggi è molto grave. Quando due grandi potenze nel mondo non raggiungono un accordo, ci sono rischi molto gravi che graveranno sui paesi del resto del mondo.

Stando così le cose, resta il fatto che il primo mandato di Donald Trump è stato un vero successo sul fronte economico. Lo testimonia un’analisi dell’aprile 2019. “Intuendo una vittoria nel 2020, i democratici e i gruppi liberali o progressisti stanno già sbavando. Tuttavia, le elezioni presidenziali del 2020 potrebbero riservare loro una grande sorpresa: la rielezione di Donald Trump. Con il continuo sostegno di almeno il 40% dell’elettorato americano, uno scenario del genere è altamente plausibile.

Sebbene i democratici possano aver beneficiato di un’onda blu nelle elezioni di medio termine del novembre 2018, è probabile che le elezioni del 2020 saranno diverse. Non sarà niente più o meno un referendum su Donald Trump e la sua amministrazione. Tuttavia, gli ultimi sondaggi mostrano che il 2020 potrebbe riservare una brutta sorpresa per i democratici. […]

L’amministrazione Trump sta letteralmente cavalcando la ripresa economica messa in atto dal team di Obama. Non solo il tasso di disoccupazione è costantemente inferiore al 4% e la crescita economica è superiore al 3%, ma i salari dei lavoratori americani, dopo due decenni di stagnazione, stanno iniziato a salire. Inoltre, i tassi di interesse e l’inflazione sono ancora molto bassi. E in definitiva, non solo il prezzo della benzina è ancora accessibile, ma gli Stati Uniti sono nuovamente diventati il ​​più grande produttore mondiale di petrolio e gas naturale. In breve, gli americani non sentono la tristezza economica. […]

D’altra parte, la retorica populista di Trump può sembrare a molti la più grossolana, anche se nel 2016 era molto abile nel suscitare malcontento tra l’elettorato americano e riaccendere le loro paure. È così che è riuscito ad attirare milioni di elettori che tradizionalmente votavano i democratici. I dati preliminari indicano che sta facendo lo stesso nei confronti dei membri delle minoranze etniche. […]

Inoltre, la maggior parte degli americani ritiene, guardando i suoi risultati sul taglio delle tasse, sulla pulizia della palude di Washington o sulla revisione degli accordi commerciali, di avere un presidente che mantiene le sue promesse. Ciò è particolarmente vero con la sua insistenza sulla costruzione di un muro e sul controllo dell’immigrazione. “(2)

Questa analisi mostra che il presidente Donald Trump potrà essere rieletto nel novembre 2020. Un ” referendum ” al massimo anticipa l’analisi poiché la situazione economica negli Stati Uniti è in buona forma. Il tasso di disoccupazione è del 3,5% nel 2019.

Solo che la storia sorprenderà sempre. Due cigni neri estremamente negativi a comparire entro un anno dalla presidenza per un 2 ° mandato per Donald Trump. Il primo cigno nero è la pandemia che ha colpito gli Stati Uniti. Tra maggio 2020 e agosto 2020, gli Stati Uniti sono diventati l’epicentro del Covid-19, con oltre 150.000 morti e più di 5 milioni di contagiati, il 9 agosto 2020.

Il secondo cigno nero , è la morte di George Floyd che ha provocato un movimento planetario contro il razzismo, con questo slogan ” Black lives Matter “, The lives of blacks count. E il presidente Donald Trump ha sostenuto i servizi di polizia più della popolazione americana bianca e nera che ha manifestato per settimane. E il Black Lives Matter si è diffuso in altre parti del mondo.

Arrivato alla fine di questa analisi delle elezioni americane previste per il 3 novembre 2020, e in considerazione di quanto sopra, l’autore pone la domanda: la teoria dei Cigni Neri si applicherà anche a Donald Trump?

L’autore di queste righe non può andare oltre, non può entrare nelle Leggi divine. Al massimo, analizza le situazioni storiche e le forze storiche in gioco in esse. Quindi riflette sul perché questi due cigni neri siano apparsi proprio durante l’anno delle elezioni. Mentre potrebbero essersi verificati nel 2021, o successivamente, e quindi dopo le elezioni presidenziali del 3 novembre 2020, lasciando il campo aperto all’elezione del presidente uscente.

Tuttavia, i due cigni neri sono comparsi lo stesso anno in cui si terranno le elezioni presidenziali americane, mettendo in grave difficoltà il presidente in carica. L’unica risposta che ci appare oggettiva è che la storia dell’umanità ha le sue ragioni che gli uomini non conoscono. Come abbiamo detto sopra, se gli uomini conoscessero il loro destino, la storia umana semplicemente non sarebbe esistita perché perderebbe il suo significato. La storia dell’umanità è fatta solo grazie a questo principio superiore che governa l’umanità e che è l ‘“ Inconsapevolezza ” del proprio destino.

Quindi ci chiediamo della teoria dei cigni neri, regge? E se fosse confermato nel novembre 2020, non sarebbe interessante per il pensiero umano estenderlo ad altri regimi indipendentemente dalla loro obbedienza politica? Poiché ci sono solo due attori, il popolo e il sistema politico, e tra i due le forze storiche. L’umanità evolve, progredisce, il che significa che i popoli e i regimi politici sono costantemente confrontati con le forze della storia. Attraverso di loro le crisi, cioè i cigni neri che affrettano e fanno avanzare i popoli, l’umanità.

Medjdoub Hamed
Autore e ricercatore indipendente in economia globale, relazioni internazionali

Nota :

1. ” Libero scambio: Trump firma l’atto di ritiro degli Stati Uniti dal Trans-Pacific Partnership “, a cura del quotidiano Le Monde. Dal 23 gennaio 2017 https://www.lemonde.fr/ameriques/article/2017/01/23/libre-echange-trump-signe-l-acte-de-retrait-des-etats-unis-du-partenariat- transpacific_5067840_3222.html

2. ” Perché Trump potrebbe essere rieletto nel 2020 “, di Le Droit. 15 aprile 2019

https://www.ledroit.com/chroniques/pourquoi-trump-pourrait-etre-reelu-en-2020-e2b0f929314ed677a84bba52cc56f90a

Exit mobile version