Erdogan vuole ristabilire un nuovo Impero Ottomano, costruito sull’Islam radicale

Per ora in Europa solo Francia e Grecia gli si oppongono

Mentre c’è chi addirittura propone di allearsi con la Turchia perchè “ci conviene”, procurandomi un bel mal di testa, l’articolo di Mideast  – pubblicato per la prima volta dal sito amico Ora Pro Siria – mi restituisce speranza sulla ragione umana. Il punto è che questo punto di vista è assai raro in Italia. (@vietatoparlare)

Erdogan progetta di convertire l’Europa in Islam radicale

MIDEAST DISCOURSE, 27 luglio 2020

di Steven Sahiounie

L’Europa è storicamente un gruppo di nazioni cristiane, ora riunite come un’unità economica nota come Unione Europea (UE). La Turchia è una nazione musulmana, ai margini dell’Europa, con un obiettivo di entrare nell’UE a lungo dichiarato, ma costantemente ostacolato sulla base della religione.

Il presidente turco Erdogan ha deciso di beneficiare della crisi in Siria, usando i migranti che inondano l’ Europa come metodo per cambiare la demografia a favore della Turchia. La Turchia ha inviato in barca moltissimi richiedenti asilo e migranti economici dalla Siria e da altri paesi musulmani, come Iraq e Afghanistan. Le promesse di benefici sono dedotte, ma non dichiarate dagli europei.

La Turchia non ha svuotato i propri campi profughi siriani , poiché trae profitto dalle donazioni e dagli impegni internazionali per il mantenimento dei rifugiati. Sistematicamente, il denaro che viene versato per i rifugiati viene solo parzialmente speso per i rifugiati. Le autorità turche, dal più alto funzionario di ufficio, alla più bassa guardia di turno nei campi, stanno beneficiando finanziariamente dei rifugiati. Hanno incoraggiato alcune persone, all’interno della Siria e altrove, a salire sulle barche per la Grecia. I migranti non hanno viaggiato gratuitamente. Ogni persona che usufruisce del trasbordo ha pagato da uno a tremila euro per effettuare la breve traversata su gommoni. Molti dei migranti provenivano da aree sicure e pacifiche, come la costa siriana, che non aveva mai avuto battaglie o attacchi aerei. Quelle persone non han lasciato dietro di sé morte e distruzione, ma hanno venduto case, automobili e mobili per pagare la loro nuova vita in Germania, a spese del cittadino contribuente tedesco. Le persone nei campi, quelle che avrebbero potuto trarre maggiormente beneficio da una nuova vita europea e dalle prestazioni sociali, non potevano salpare, perché non avevano soldi per pagare il viaggio.

I migranti seguivano i migranti, come pecore che corrono su una scogliera, incoraggiati dalla gelosia, dall’invidia e dall’avidità. Si chiedevano perché dovevano rimanere in Siria quando i loro vicini stavano ottenendo benefici gratuiti in Germania. Certamente, c’erano rifugiati che avevano sofferto molto in Siria e altrove e che meritavano, e tutt’ora meritano, un aiuto per iniziare una nuova vita, in un luogo sicuro.

I turchi trafficanti di popoli, “i Boat-Men ” (scafisti), hanno lavorato e ne hanno tratto profitto liberamente. La polizia turca, i servizi segreti, le forze di sicurezza, la guardia costiera e i militari sono stati tutti addestrati, ben pagati e in servizio in gran numero. Eppure, gli “scafisti” hanno continuato a operare senza timore di essere ostacolati. Gli scafisti pagano una grossa tassa alle autorità governative per chiudere un occhio.

La popolazione europea sta diminuendo, per il basso tasso di natalità, a differenza dei paesi musulmani, a causa di una cultura delle famiglie numerose. Il piano di Erdogan è di aumentare notevolmente la popolazione musulmana in Europa, e alla fine la Turchia sarebbe stata la vincitrice, entrando nell’UE, poiché l’obiezione a causa della religione non poteva più essere utilizzata. Il piano dipenderà dal fatto che i nuovi migranti alla fine diventeranno cittadini e le generazioni future potrebbero essere titolari di cariche governative e funzionari. Si stima che oltre due milioni di musulmani siano entrati in Europa nel 2015. Questo enorme afflusso avrà conseguenze drastiche in Europa e nel mondo.

La Cattedrale di Santa Sofia a Istanbul è stata un’attrazione turistica per oltre mezzo secolo. La Cattedrale cristiana fu convertita in moschea dopo la conquista islamica di Costantinopoli, la capitale dell’Impero bizantino, dalle orde dell’Asia centrale che divenne l’Impero Ottomano. Nel 1934 il governo turco designò Haji Sophia come museo, che fu successivamente dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Di recente, il presidente Erdogan ha riconvertito ufficialmente il museo in moschea, e venerdì 24 luglio vi è stato proclamato il primo sermone del venerdì e la preghiera pubblica. Il Mufti di Turchia reggeva la spada di Sultan Mohammed al-Fatah, che era un brutale leader dell’era ottomana, durata 400 anni. Questa è quindi stata la prima preghiera islamica fatta lì in 86 anni. La condanna internazionale e lo sgomento sono state espresse alla decisione, tra cui le Nazioni Unite, gli Stati Uniti, il Vaticano, l’Egitto, la Spagna, la Grecia e l’opposizione turca interna all’amministrazione Erdogan

Gli analisti politici hanno commentato che questa nuova mossa è un ulteriore passo nel piano di Erdogan per ristabilire un nuovo Impero Ottomano, costruito sull’Islam radicale come valore fondamentale e l’allontanamento dai moderni valori secolari turchi che sono stati il fondamento dell’ideologia di Ataturk. Il partito AKP di Erdogan si basa invece sull’ideologia dei Fratelli Musulmani, che è l’Islam radicale, e non è una religione, né una setta. In risposta a questo editto di Erdogan, la Siria ha annunciato l’intenzione di costruire una nuova cattedrale nel villaggio cristiano di Squelbia, nella provincia di Hama, e sarà chiamata Cattedrale di Santa Sofia, in onore del santuario di Istanbul. La Siria è stata la culla del cristianesimo e continua ad avere grandi comunità cristiane in tutto il Paese, anche se molti hanno lasciato la Siria a causa della persecuzione da parte dei terroristi islamici radicali che sono stati sostenuti dalla Turchia.

Steven Sahiounie è un giornalista pluripremiato

[su_divider divider_color=”#5f5d6e”]

Les pays occidentaux doivent tenir tête à l’impérialisme d’Erdogan

La decisione del presidente turco di trasformare l’ex Basilica di Santa Sofia in moschea conferma la sua corsa in avanti e la sua aggressività verso i Paesi occidentali. Questi devono finalmente trarne le conseguenze e opporsi ad Erdogan senza debolezza: dichiarazioni di Charles de Meyer e Benjamin Blanchard, dirigenti di SOS Chrétiens d’Orient.

Chretien d’Orient –  10 agosto 2020

La re-islamizzazione della Basilica di Santa Sofia in Turchia ha un significato politico, simbolico e religioso. Con questo gesto, il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan lancia una nuova provocazione alla testa dell’Europa, che non smette mai di insultare e minacciare. Sta distruggendo un potente simbolo della presunta Turchia laica e nazionalista di Mustafa Kemal, noto come Atatürk. Quest’ultimo, nel 1934, aveva trasformato la prima basilica, diventata moschea dopo la presa di Costantinopoli degli Ottomani nel 1453, in un museo aperto a tutti e che illustrava una parte del patrimonio mondiale dell’umanità. Atatürk era vicino al Movimento dei Giovani Turchi, che concepì e realizzò il genocidio dei cristiani della Turchia, descrivendoli come nemici dall’interno a partire dal 1915. Tuttavia, egli stesso capì che questa basilica bizantina non poteva essere trasformata in una moschea senza sottolineare la volontà di cancellare qualsiasi presenza cristiana in Turchia.

La Turchia ha ripreso i suoi sogni millenari attaccando regolarmente la sovranità delle isole greche vicine al suo territorio.
Rompendo questa eredità, Erdogan perpetua il mito – molto potente nel suo paese – di un risveglio dell’Impero Ottomano, estendendo la religione musulmana ai più piccoli angoli del suo territorio. All’esterno, inoltre, sceglie di porsi come avversario dell’Europa, che viene assimilata a un cristianesimo descritto come “islamofobico”.
Per molto tempo l’Europa ha chiuso un occhio sulla Turchia come partner affidabile e persino come potenziale membro dell’Unione Europea, nonostante il fatto che occupi la metà di Cipro, uno stato membro delle Nazioni Unite, dell’Unione Europea e della NATO. Peggio ancora, la Turchia sta riprendendo i suoi sogni millenari attaccando regolarmente la sovranità delle isole greche vicine al suo territorio. Per decenni, Bruxelles ha versato centinaia di milioni di euro per far passare “le buone pratiche democratiche”, sensibilizzare Ankara sui diritti umani e far progredire la causa delle donne. Anche Bruxelles si è affidata alla Turchia per sorvegliare i confini dell’Europa.
Era un periodo in cui i decisori turchi si stavano imbarcando nell'”islam di mercato”. Senza negare la loro ideologia ispirata al movimento dei Fratelli Musulmani, si sono vestiti in abiti occidentali per fare affari e diplomazia in Europa. Era la legge della Sharia in giacca e cravatta che deliziava i tecnocrati, felici di immaginare che i fondi europei non fossero spesi in puro spreco.

Il governo turco non esita a sostenere i gruppi terroristici islamisti in Siria; o un gruppo estremista e ultra-nazionalista come i “Lupi Grigi” in Europa.
In realtà, i diritti umani non sono progrediti al pari della causa delle donne. Il cosiddetto partner, Erdogan, ha continuato a fare pressione sull’Europa ricattandola sui “migranti”. Il Presidente turco, quando ha deciso di farlo, ha permesso a masse di immigrati clandestini, tra cui diversi terroristi, di attraversare i confini dell’Unione Europea.

Sul versante di Cipro e della Grecia, la Turchia sta ora moltiplicando le azioni e le violazioni del territorio per aumentare la sua influenza su queste ex conquiste ottomane.

Allo stesso tempo, Ankara sta aggiungendo carburante al fuoco del conflitto siriano per liquidare le popolazioni curde con il pretesto di combattere contro i gruppi armati del PKK, nascondendo male il suo desiderio di annettere il nord-est del Paese. Peggio ancora, il governo turco non esita a sostenere i gruppi terroristici islamisti in Siria; o un gruppo estremista e ultra-nazionalista come i “Lupi Grigi” in Europa. E la Turchia sta interferendo in Libia per controllare il flusso di petrolio.
Erdogan ha ricevuto i fondi che si aspettava dall’Unione Europea. Può mettere in atto la sua politica. Il “Sultano” ha fatto cadere la cravatta.
I giudici turchi hanno accettato di revocare il decreto del 1934 per legittimare la trasformazione di Santa Sofia in moschea. Così, in questo 10 agosto 2020, il centenario del trattato di Sèvres, che consacrò lo smantellamento dell’Impero ottomano, forse sarebbe una buona idea affidarsi al diritto internazionale e alla storia per porre fine a un imperialismo turco sempre più bellicoso.

Il Trattato di Sèvres, firmato cento anni fa, impose, sotto il controllo internazionale, la smilitarizzazione ottomana degli stretti dal Mar Egeo al Mar Nero.
I trattati di Versailles, Saint-Germain-en-Laye e Trianon, che prevedevano lo smembramento degli sconfitti (cioè rispettivamente Germania, Austria e Ungheria) della Prima Guerra Mondiale, furono applicati rigorosamente, almeno per quanto riguarda gli aspetti territoriali, sotto la stretta sorveglianza dei vincitori. Non è stato così per il Trattato di Sèvres, firmato il 10 agosto 1920 dagli alleati vittoriosi e dal sultano sconfitto – e neppure per il genocidio armeno del 1915, per il quale la Turchia non ha ancora pagato il risarcimento finanziario previsto per la sofferenza e la distruzione di migliaia di famiglie sterminate o costrette all’esilio.
Il Trattato di Sèvres prevedeva, in particolare, la creazione di un Kurdistan autonomo; soprattutto imponeva, sotto il controllo internazionale, la smilitarizzazione ottomana degli stretti dal Mar Egeo al Mar Nero, cosa che appare più che mai urgente vista l’aggressione da parte di una fregata turca, della francese Courbet, in giugno, nel Mediterraneo. Il trattato di Sèvres non ha mai potuto essere applicato. L’Europa guariva le sue ferite e Kemal aveva preso il comando di un esercito per rovesciare il Sultano, cacciare gli eserciti alleati e combattere l’esercito greco per calpestare il trattato, che fu infine sostituito dal Trattato di Losanna il 24 luglio 1923, consacrando la Grande Turchia e completando la purificazione dei cristiani di Turchia, soprattutto Greci.

Il grave incidente avvenuto durante un pattugliamento tra due alleati della NATO dimostra quanto sia urgente tornare ad alcune delle stipulazioni del Trattato di Sèvres per contrastare la Turchia, un attore geopolitico tossico che sta pericolosamente aggravando l’instabilità della regione e del mondo. È in gioco l’onore del nostro paese, la Francia. E per un destino misterioso, corrisponde ancora oggi alla difesa del destino dei cristiani vittime dei sogni ottomani.

Exit mobile version