La pianificazione famigliare nelle Filippine

L‘incrocio tra aiuti internazionali e la pianificazione familiare rappresenta un connubio che abbiamo frequentemente sperimentato come mancante di rispetto verso le tradizioni culturali e religiose delle comunità “assistite”.

Sebbene tali iniziative possano apportare benefici tangibili, spesso vengono accompagnate da influenze ideologiche. Questi sono i dati forniti da Newsinfo per le Filippine, un paese profondamente radicato nella fede cattolica, dove il 92% della popolazione pratica la religione cristiana:

MANILA, Filippine – Le Filippine hanno ricevuto quasi 3,7 milioni di pesos (66.500 dollari) in assistenza tecnica e finanziamenti dal governo degli Stati Uniti per sviluppare piattaforme digitali per la pianificazione familiare .

Secondo l’ambasciata degli Stati Uniti , quattro sviluppatori informatici hanno ricevuto il sostegno di Villgro Filippine e della Duke University Global Health Innovation per aiutare a preparare le loro app per il rilascio sul mercato.

Questi quattro sviluppatori sono stati ingaggiati da:

    1. CareGo EMR, che ha sviluppato un sistema di comunicazione SMS per informare il pubblico sui servizi gratuiti e accessibili di pianificazione familiare, salute riproduttiva e materna.
    2. Edukasyon.ph, che ha sviluppato uno sportello unico chiamato “Turn You On 2.0” per un’educazione completa sulla salute sessuale e riproduttiva per i giovani filippini della generazione Z.
    3. FriendlyCare Foundation, che ha sviluppato un’app chiamata “E-Plano” che fornisce un facile accesso alla pianificazione familiare attraverso la prenotazione, la formazione e la consulenza digitale.
    4. Yaka.ph, un libro digitale per bambini e una comunità online per madri e famiglie che cercano maggiori informazioni sulla gravidanza e sulla pianificazione familiare dopo il parto.

“Siamo entusiasti di vedere l’ecosistema dell’innovazione nelle Filippine iniziare ad affrontare la pianificazione familiare e la salute riproduttiva degli adolescenti ”, ha dichiarato martedì in una dichiarazione il direttore dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale ( USAID ), Michelle Lang-Alley.

L’ambasciata americana ha affermato che i quattro sviluppatori hanno ricevuto sei mesi di “supporto intensivo” per preparare le rispettive app al rilascio sul mercato .

Una volta lanciate ufficialmente queste piattaforme, i governi locali e le istituzioni sanitarie potranno utilizzare le app per promuovere i servizi di pianificazione familiare.

“Stiamo parlando di circa il 60 % dei 110 milioni di filippini che non possono pagare i servizi da soli, quindi dobbiamo trovare il modo di lavorare su questo aspetto”, ha affermato la dottoressa Beverly Ho, vicesegretaria del Dipartimento della Salute (DOH). detto nella stessa dichiarazione.

“Ecco perché è importante per noi riunirci e creare connessioni in modo da poter sapere chi sta facendo cosa e sostenerci a vicenda”, ha aggiunto.

Le piattaforme digitali fanno parte del programma USAID ReachHealth e contemporaneamente si allineano con le priorità del Dipartimento della Salute , della Commissione per la popolazione e lo sviluppo e della Philippine Health Insurance Corporation nel fornire servizi di pianificazione familiare a basso costo, accessibili e affidabili ai filippini. — Vance Chan.

Fonte : https://newsinfo.inquirer.net/1737576/ph-receives-over-p3-million-from-us-in-support-of-family-planning-campaign

Nel 2012 il Parlamento filippino ha approvato la Legge sulla genitorialità responsabile e sulla salute riproduttiva, che ha introdotto una serie di misure per migliorare l’accesso alla contraccezione e ai servizi di pianificazione familiare. Tuttavia, l’aborto rimane vietato nelle Filippine e considerato reato. Ci sono alcune eccezioni in cui l’aborto è consentito, come quando la vita della madre è in pericolo, ma queste eccezioni sono limitate e comunemente è illegale.

Ovviamente l’educazione alla pianificazione responsabile comprende anche l’educazione all’uguaglianza di genere, svolta dalla  Coalizione Nazionale delle Donne Rurali (PKKK) .

Trasformazione demografica delle Filippine

Ridurre il numero dei neonati può portare alla crescita economica

MANILA. Il calo della fertilità totale o del numero di neonati nelle Filippine è visto dalla Commissione per la popolazione e lo sviluppo ( POPCOM ) come una “opportunità demografica” per rilanciare l’economia.

Lolito Tacardon, vicedirettore esecutivo di POPCOM, ha affermato che il basso tasso di natalità finirà per modificare la struttura per età della popolazione e aumentare il numero di persone in età lavorativa.

“Kung mas marami po ang pwedeng magtrabaho, less na po angdependents na mga bata ( Più lavoratori, meno dipendenti ci saranno ). Quindi, se la popolazione attiva è occupata, penso che abbiamo un cosiddetto dividendo demografico che può essere realizzato (che sarà realizzato)”, ha detto Tacardon durante il briefing pubblico di Laging Handa lunedì.

Il National Demographic and Health Survey condotto l’anno scorso dall’Autorità di statistica filippina ha mostrato che la maggior parte delle gravidanze tra adolescenti si è verificata tra le 19enni, pari al 13,3%, rispetto al 22,4 % del 2017.

Seguono i diciottenni con il 5,9%, rispetto al 12,8% di cinque anni prima.

D’altra parte, il sondaggio sulla fertilità giovanile dell’Università della popolazione delle Filippine del 2021 ha mostrato che il tasso di natalità tra le persone di età compresa tra 15 e 24 anni è sceso al 7,2% nel 2021 dal 14,4% nel 2013 .

POPCOM sta attuando l’Ordine Esecutivo 141 firmato dall’ex presidente Rodrigo Duterte, che mira ad attivare tutte le agenzie governative e a trattare le gravidanze adolescenziali come una priorità nazionale.

Fonte : https://www.pna.gov.ph/articles/1193939

65641 original1

Considerazioni

Indubbiamente, il progresso della modernizzazione nei servizi sanitari rappresenta un notevole passo avanti per le Filippine. Questo si traduce in un miglioramento significativo dei servizi sanitari nelle aree rurali e in una notevole riduzione del tasso di mortalità infantile. Di conseguenza, le madri sono ora meno preoccupate per la sopravvivenza dei propri figli, contribuendo così al significativo calo del tasso di fecondità totale, cioè del numero medio di figli per donna.

Nonostante riconosciamo l’importanza di questo sviluppo, in quando cattolici, non possiamo esimerci dall’esprimere alcune critiche riguardo all’approccio alla “pianificazione familiare” che abbiamo osservato negli Stati Uniti. Auspichiamo che il modello di pianificazione familiare adottato nelle Filippine mantenga la sua identità e non si omologhi indiscriminatamente agli approcci delle ONG statunitensi come Planned Parenthood e C.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.