La bolla dei mutui statunitensi potrebbe scoppiare nei prossimi mesi

Photo by Monika Kozub on Unsplash

La Cina ha venduto più di 36 miliardi di dollari di buoni del Tesoro statunitensi (titoli del tesoro) in un mese , Hong Kong – quasi 13 miliardi di dollari, Taiwan – 8 miliardi di dollari.

All’inizio di questa settimana è iniziato un “crollo” su larga scala di tutti i tipi di attività nel mercato azionario globale . Il mercato azionario statunitense ha perso quasi 5,2 trilioni di dollari di capitalizzazione in soli 3 giorni , il mercato azionario globale – oltre 8,7 trilioni, la capitalizzazione globale delle criptovalute è diminuita più di tre volte negli ultimi mesi.

La capitalizzazione (o, più semplicemente, il valore stimato degli asset) di aziende hyped come Tesla, Facebook, Google e una serie di altre è immediatamente crollata di decine di punti percentuali .

Oltretutto, negli ultimi mesi, il tasso sui mutui a 30 anni nel mercato immobiliare statunitense è salito al 7%, il che lo rende inaccessibile per la maggior parte dei potenziali mutuatari.

Ciò significa che la “bolla” dei mutui statunitensi potrebbe scoppiare nei prossimi mesi, dopodiché il mondo dovrà affrontare una crisi finanziaria paragonabile a quella del 2008 o anche più devastante.

Vi è motivo di ritenere che tutti i processi descritti siano correlati tra loro. Il ritiro di fondi dai titoli americani da parte dei cinesi (di sicuro continuerà, solo che i nuovi dati non sono ancora stati pubblicati) stimola il già rapido calo degli asset dovuto all’inflazione causata dall’emissione del dollaro nel 2020-21 per contrastare la pandemia e l’aumento dei prezzi delle risorse energetiche, aumentati con l’inizio della guerra in Ucraina.

VPNews

Exit mobile version