Jeffrey Sachs: “Si stanno preparando per la guerra globale” e ricorda lo storico discorso di Kennedy sulla pace

Il saggista Jeffrey Sachs, ex direttore dell’Earth Institute alla Columbia University, ha recentemente partecipato a un evento per la pace a Vienna dove ha spiegato perché la NATO non ha permesso che la neutralità diventasse una soluzione per l’Ucraina e perché l’Alleanza Atlantica sta cercando di espandersi nella regione indo-pacifica.

Sachs afferma che la guerra in Ucraina è il più grande disastro possibile e che gli Stati Uniti stanno guidando la guerra per procura. Alla fine del suo intervento, cita lo storico discorso della pace di Kennedy, che riporto, dopo alcuni passaggi particolarmente interessanti dell’intervento del professore della Columbia:

Jeffrey Sachs: (…) Voglio dire, tutta questa guerra è il più grande disastro possibile, è quello che ho cercato di spiegare ai miei amici ucraini per anni, non entrate nel mezzo di una guerra per procura degli Stati Uniti, vi distruggerà ed è quello che sta succedendo all’Ucraina. Quindi io non sono contro l’Ucraina, sto cercando di salvare l’Ucraina, ma non nel modo in cui lo fanno gli Stati Uniti.

Jeffrey Sachs: (…) Voglio dire, tutta questa guerra è il più grande disastro possibile, è quello che ho cercato di spiegare ai miei amici ucraini per anni, non entrate nel mezzo di una guerra per procura degli Stati Uniti, vi distruggerà ed è quello che sta succedendo all’Ucraina. Quindi io non sono contro l’Ucraina, sto cercando di salvare l’Ucraina, ma non nel modo in cui lo fanno gli Stati Uniti.

Jeffrey Sachs: (…) Negli Stati Uniti “non ci danno la possibilità di avere alcun tipo di dibattito pubblico [sulla NATO] perchè gli Stati Uniti sono contro la neutralità, perché la NATO è il potere degli Stati Uniti questa è l’idea di base che è l’idea dei neocon. Loro la chiamano ‘egemonia liberale’, uh è un’idea ridicola, ma questa è stata l’idea prevalente dal 1992. e questa idea è profondamente condivisa in modo bipartisan perchè fondamentalmente è di proprietà del complesso industriale militare.

Jeffrey Sachs: [Nuland] è probabilmente la migliore illustrazione dell’aspetto dello Stato profondo perché già nei primi anni ’90 o addirittura nei primi anni 2000 era la consigliera per la sicurezza di Cheney. Non è un buon inizio e ci ha portato molteplici disastri, poi è diventata sotto Bush Jr l’ambasciatore degli Stati Uniti presso la Nato dal 2005 al 2008, Quindi è stata una persona chiave nell’impegno della NATO ad allargarsi. Quindi è diventata la portavoce di Hillary Clinton hmm vedi democratico repubblicano non importa poi è diventata assistente del segretario di stato per gli affari europei ed è stata la persona che ha coordinato gli Stati Uniti sul Maidan (,,,).

Sachs afferma che ci sono segni che gli Stati Uniti si preparano per una guerra

Jeffrey Sachs: (…) Gli Stati Uniti hanno insistito nell’invitare i leader dell’Asia-Pacifico alla NATO, questo non avrebbe senso a meno che non stanno guardando a una guerra globale. Quindi perché lo fanno? Io penso che sta accadendo quello che William Fulbright 60 anni descrisse in un grande libro che le persone dovrebbero leggere. Questo libro descrive l’arroganza del potere, sono ubriachi di potere ed è di questo che si tratta e non lo sanno bene ma sono fuori controllo.

La pace non è mai impossibile

Proseguendo, il professor Sachs fa riferimento al discorso sulla pace del 10 giugno 1963 pronunciato dal presidente John F. Kennedy all’Università americana, che presenta come il miglior discorso sulla pace che lui abbia mai sentito e che ha fatto leggere “una volta ed ancora una volta” ai suoi figli.

La data in cui è stato pronunciato era il 10 giugno 1963, il titolo dell’intervento era “Una strategia per la pace”. Il discorso di Kennedy era rivolto ai laureandi della American University. Il presidente cercò di spiegare quanto la pace tra Stati Uniti e Unione Sovietica fosse sia realistica che realizzabile, anche all’apice della guerra fredda.

Kennedy nel suo discorso ha definito il suo discorso come un rimedio per l’ignoranza, in particolare la visione ignorante secondo cui la guerra è inevitabile.
Questi i passaggi più significativi, nel primo dice ciò che auspica:

“… non solo la pace per gli americani, ma la pace per tutti gli uomini e le donne – non solo la pace nel nostro tempo, ma la pace per tutti i tempi”.

La guerra, il militarismo e la deterrenza sono privi di senso:

“La guerra totale non ha senso in un’epoca in cui le grandi potenze possono mantenere forze nucleari grandi e relativamente invulnerabili e rifiutarsi di arrendersi senza ricorrere a quelle forze. Non ha senso in un’epoca in cui una singola arma nucleare contiene quasi dieci volte la forza esplosiva consegnata da tutte le forze aeree alleate nella seconda guerra mondiale. Non ha senso in un’epoca in cui i veleni mortali prodotti da uno scambio nucleare sarebbero trasportati dal vento e dall’acqua, dal suolo e dai semi fino agli angoli più lontani del globo e alle generazioni non ancora nate. “

Sulla spesa militare:

“Oggi”, ha detto Kennedy nel1963,

“La spesa di miliardi di dollari ogni anno sulle armi acquistate allo scopo di assicurarsi che non abbiamo mai bisogno di usarle è essenziale per mantenere la pace. Ma sicuramente l’acquisizione di tali scorte oziose – che possono solo distruggere e non creare mai – non è il solo, tanto meno il mezzo più efficiente per assicurare la pace “.

Pace, fine razionale per uomini razionali:

“Parlo di pace, quindi, come il necessario fine razionale degli uomini razionali. Mi rendo conto che la ricerca della pace non è così drammatica come la ricerca della guerra, e spesso le parole degli inseguitori cadono nel vuoto. Ma non abbiamo un compito più urgente. Alcuni dicono che è inutile parlare della pace mondiale o della legge mondiale o del disarmo mondiale – e che sarà inutile finché i leader dell’Unione Sovietica non adottano un atteggiamento più illuminato. Spero lo facciano. Credo che possiamo aiutarli a farlo. Ma credo anche che dobbiamo riesaminare il nostro atteggiamento – come individui e come nazione – perché il nostro atteggiamento è essenziale quanto il loro. E ogni laureato di questa scuola, ogni cittadino riflessivo che dispera la guerra e desidera portare la pace, dovrebbe cominciare guardando verso l’interno, esaminando il proprio atteggiamento verso le possibilità di pace, verso l’Unione Sovietica, verso il corso della guerra fredda e verso la libertà e la pace qui a casa “.

A differenza del nostro governo e delle istituzioni europee, Kennedy nel suo discorso disse che la pace è perfettamente possibile “ I nostri problemi sono creati dall’uomo, quindi possono essere risolti dall’uomo”:

“Primo: esaminiamo il nostro atteggiamento verso la pace stessa. Troppi di noi pensano che sia impossibile. Troppi pensano che sia irreale. Ma questa è una credenza pericolosa e disfattista. Porta alla conclusione che la guerra è inevitabile – che l’umanità è condannata – che siamo attanagliati da forze che non possiamo controllare. Non è necessario accettare questa visione. I nostri problemi sono creati dall’uomo, quindi possono essere risolti dall’uomo. E l’uomo può essere grande quanto vuole. Nessun problema del destino umano è al di là degli esseri umani. La ragione e lo spirito dell’uomo hanno spesso risolto l’apparentemente irrisolvibile, e crediamo che possano farlo di nuovo. Non mi riferisco all’assoluto, infinito concetto di pace e buona volontà di cui alcune fantasie e fanatici sognano. Non nego il valore delle speranze e dei sogni, ma invitiamo semplicemente lo scoraggiamento e l’incredulità facendone l’unico e immediato obiettivo. Concentriamoci invece su una pace più pratica, più raggiungibile, basata non su un’improvvisa rivoluzione nella natura umana, ma su una graduale evoluzione delle istituzioni umane, su una serie di azioni concrete e accordi efficaci che sono nell’interesse di tutti gli interessati. Non esiste una sola, semplice chiave per questa pace: nessuna grande o formula magica da adottare con uno o due poteri. La vera pace deve essere il prodotto di molte nazioni, la somma di molti atti. Deve essere dinamico, non statico, cambiando per affrontare la sfida di ogni nuova generazione. Perché la pace è un processo, un modo per risolvere i problemi “.

“La pace non deve essere impraticabile e la guerra non deve essere inevitabile”:

“Con una tale pace, ci saranno ancora litigi e interessi conflittuali, come ci sono all’interno delle famiglie e delle nazioni. La pace mondiale, come la pace della comunità, non richiede che ogni uomo ami il suo prossimo: richiede solo che vivano insieme in reciproca tolleranza, sottoponendo le loro controversie a una soluzione giusta e pacifica. E la storia ci insegna che le inimicizie tra le nazioni, come tra gli individui, non durano per sempre. Per quanto possano sembrare le nostre simpatie e antipatie, l’ondata di tempo e gli eventi spesso portano cambiamenti sorprendenti nelle relazioni tra nazioni e vicini. Quindi cerchiamo di perseverare. La pace non deve essere impraticabile e la guerra non deve essere inevitabile. Definendo più chiaramente il nostro obiettivo, rendendolo più gestibile e meno remoto, possiamo aiutare tutti i popoli a vederlo, a trarne speranza e a muoversi irresistibilmente verso di esso “.

Kennedy si lamenta dei sovietici ossessionati dall’imperialismo USA (ma conosciamo anche la sua critica dell’establishment USA):

“Eppure è triste leggere queste affermazioni sovietiche – per comprendere l’estensione del divario tra di noi. Ma è anche un avvertimento: un avvertimento al popolo americano di non cadere nella stessa trappola dei sovietici, di non vedere solo una visione distorta e disperata dell’altro lato, di non vedere il conflitto come inevitabile, l’accomodamento impossibile, e comunicazione come nient’altro che uno scambio di minacce. Nessun governo o sistema sociale è così malvagio che il suo popolo deve essere considerato privo di virtù. Come americani, troviamo il comunismo profondamente ripugnante come una negazione della libertà personale e della dignità. Ma possiamo ancora salutare il popolo russo per le sue numerose conquiste: nella scienza e nello spazio, nella crescita economica e industriale, nella cultura e negli atti di coraggio. Tra le molte caratteristiche che i popoli dei nostri due paesi hanno in comune, nessuno è più forte della nostra comune avversione per la guerra. Quasi unici tra le maggiori potenze mondiali, non siamo mai stati in guerra l’uno con l’altro. E nessuna nazione nella storia della battaglia ha mai sofferto più di quanto l’Unione Sovietica abbia sofferto nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Almeno 20 milioni hanno perso la vita. Innumerevoli milioni di case e fattorie furono bruciate o saccheggiate. Un terzo del territorio della nazione, inclusi quasi i due terzi della sua base industriale, fu trasformato in una terra desolata, una perdita equivalente alla devastazione di questo paese a est di Chicago. “

Direi che quello di Kennedy non è proprio il punto di vista filosofico proposto dai nostri media e dalla politica prevalente…

Ed ancora , dal discorso di Kennedy, sulla natura insensata della guerra:

“Oggi, se la guerra totale dovesse scoppiare di nuovo, non importa come, i nostri due paesi diventerebbero gli obiettivi principali. È un fatto ironico ma accurato che i due poteri più forti sono i due più a rischio di devastazione. Tutto ciò che abbiamo costruito, tutto ciò per cui abbiamo lavorato, verrebbe distrutto nelle prime ore 24. E anche nella guerra fredda, che porta fardelli e pericoli a così tante nazioni, compresi gli alleati più stretti di questa nazione, i nostri due paesi sopportano i carichi più pesanti. Poiché stiamo entrambi destinando ingenti somme di denaro a armi che potrebbero essere meglio dedite alla lotta contro l’ignoranza, la povertà e le malattie. Siamo entrambi coinvolti in un circolo vizioso e pericoloso in cui i sospetti da una parte alimentano il sospetto dall’altra, e nuove armi generano contro-armi. In breve, sia gli Stati Uniti che i loro alleati, e l’Unione Sovietica e i suoi alleati, hanno un interesse profondamente reciproco per una pace giusta e genuina e per arrestare la corsa agli armamenti. Gli accordi a tal fine sono nell’interesse dell’Unione Sovietica e della nostra – e anche le nazioni più ostili possono essere invocate per accettare e mantenere tali obblighi del trattato, e solo quegli obblighi del trattato, che sono nel loro stesso interesse “.

“Un mondo più sicuro accettando le diversità:”

“Quindi, non essere ciechi alle nostre differenze, ma rivolgiamo anche attenzione ai nostri interessi comuni e ai mezzi attraverso i quali tali differenze possono essere risolte. E se non possiamo terminare ora le nostre differenze, almeno possiamo contribuire a rendere il mondo sicuro per la diversità. Perché, in ultima analisi, il nostro collegamento comune di base è che abitiamo tutti questo piccolo pianeta. Tutti respiriamo la stessa aria. A tutti noi piace il futuro dei nostri figli. E siamo tutti mortali. “

Il vero nemico è la guerra fredda stessa, non i russi:

“Riesaminiamo il nostro atteggiamento nei confronti della guerra fredda, ricordando che non siamo impegnati in un dibattito, cercando di accumulare punti di discussione. Non siamo qui a distribuire la colpa o puntare il dito sul giudizio. Dobbiamo affrontare il mondo così com’è, e non come avrebbe potuto essere se la storia degli ultimi 18 fosse stata diversa. Dobbiamo quindi perseverare nella ricerca della pace nella speranza che i cambiamenti costruttivi all’interno del blocco comunista possano portare a soluzioni che ora sembrano al di là di noi. Dobbiamo condurre i nostri affari in modo tale che diventi nell’interesse dei comunisti l’accordo su una vera pace. Soprattutto, mentre difendiamo i nostri interessi vitali, le potenze nucleari devono evitare quegli scontri che portano un avversario a scegliere tra un ritiro umiliante o una guerra nucleare. Adottare questo tipo di corso nell’era nucleare sarebbe la prova solo della bancarotta della nostra politica o di un desiderio collettivo di morte per il mondo. “

°°°°

Ed ecco la traduzione integrale in italiano:

Discorso di John Fitzgerald Kennedy sulla Pace

[John Fitzgerald Kennedy – Presidente degli Stati Uniti]

Ci sono poche cose terrene che sono più belle di un’università, scrisse John Maysfield nel suo omaggio alle università inglesi. E le sue parole rimangono vere anche oggi. Non si riferiva alle torri oppure ai campus universitari. Ammirava la splendida bellezza delle università perché erano, citando le sue parole, un luogo dove coloro che odiano l’ignoranza possono sforzarsi di conoscere. Dove coloro che percepiscono la verità possono sforzarsi di portare a vedere anche gli altri. Ho quindi scelto questo tempo e questo luogo per discutere di un argomento su cui troppo spesso abbonda l’ignoranza e di cui troppo raramente viene percepita la verità.

E questo è l’argomento più importante che ci sia sulla Terra: la pace. Che tipo di pace intendo? E che tipo di pace cerchiamo? Non una Pax Americana, imposta al mondo con le armi da guerra americane. Non la pace della tomba oppure la sicurezza dello schiavo. Sto parlando della pace vera,. Il tipo di pace che rende la vita sulla terra degna di essere vissuta. Il tipo di pace che consente agli uomini e alle nazioni di crescere e di sperare e di costruire una vita migliore per i propri figli. Non solo pace per gli americani, ma pace per tutti gli uomini e per tutte le donne. Non solo pace nel nostro tempo, ma pace in tutti i tempi.

Parlo della pace in ragione del nuovo volto della guerra. La guerra totale non ha senso in un’epoca in cui le grandi potenze possono mantenere forze nucleari molto vaste, e relativamente invulnerabili, e rifiutano di arrendersi senza ricorrere a tali forze. Non ha senso in un’epoca in cui una singola arma nucleare contiene quasi dieci volte la forza esplosiva fornita da tutte le forze aeree alleate nella seconda guerra mondiale. Non ha senso in un’epoca in cui i veleni mortali prodotti da uno scambio nucleare sarebbero trasportati dal vento e dall’acqua e dal suolo e dai semi fino agli angoli più remoti del globo e alle generazioni ancora non nate.

Oggi, i miliardi di dollari che spendiamo ogni anno per procurarci armi allo scopo di assicurarci di non averne mai bisogno, sono un fattore essenziale per il mantenimento della pace. Ma sicuramente l’acquisizione di tali scorte inattive, che possono solo distruggere e mai creare, non è l’unico, né tanto meno il più efficace mezzo per assicurare la pace. Parlo dunque della pace come fine razionale necessario per gli uomini razionali.

Mi rendo conto che la ricerca della pace non è così drammatica come la ricerca della guerra, e che spesso le parole di chi la cerca cadono nel vuoto. Ma non esiste compito che sia più urgente di questo. Alcuni dicono che sia inutile parlare di pace o di legge internazionale o di disarmo mondiale, e che sarà inutile fino a quando i leader dell’Unione Sovietica non adotteranno un atteggiamento più illuminato. Spero che lo facciano. Credo che possiamo aiutarli a farlo. Ma credo anche che noi dobbiamo riesaminare i nostri atteggiamenti come individui e come nazione, perché il nostro atteggiamento è essenziale quanto il loro. E ogni laureato di questa scuola, ogni cittadino razionale che non voglia la guerra e che voglia portare la pace, dovrebbe iniziare guardandosi dentro, esaminando il proprio atteggiamento verso le possibilità di conseguire una pace, il proprio atteggiamento nei confronti dell’Unione Sovietica, della guerra fredda, e della libertà e della pace qui a casa nostra. In primo luogo, esaminiamo il nostro atteggiamento nei confronti della pace stessa.

Troppi di noi pensano che sia impossibile, troppi pensano che sia irreale. Ma questa è una convinzione pericolosa e disfattista. Porta alla conclusione che la guerra sia inevitabile, che l’umanità sia condannata, che siamo attanagliati da forze che non possiamo controllare. Non dobbiamo accettare questo punto di vista. I nostri problemi sono creati dall’uomo, quindi possono essere risolti dall’uomo. E, quando vuole, l’uomo sa essere grande. Nessun problema del destino umano va oltre le capacità degli esseri umani. Il raziocinio e lo spirito umano hanno spesso risolto ciò che appariva irrisolvibile, e crediamo che possano farlo di nuovo.

Non mi riferisco al concetto assoluto, infinito, di pace universale e di buona volontà, sognato da alcune fantasie e da alcuni fanatici. Non nego il valore delle speranze e dei sogni, ma se il nostro unico obiettivo immediato fosse di perseguire speranze e sogni, non faremmo altro che invitare allo scoraggiamento e all’incredulità. Concentriamoci invece su una pace più pratica, più raggiungibile, non basata su un’improvvisa rivoluzione della natura umana, ma su una graduale evoluzione delle istituzioni umane, su una serie di azioni concrete e di accordi efficaci che siano nell’interesse di tutte le parti coinvolte. Non esiste un’unica, semplice chiave per raggiungere tale pace, nessuna formula grandiosa o magica che una o due potenze possano adottare. La vera pace deve essere il prodotto di molte nazioni, la somma di molti atti.

Dev’essere dinamica, non statica, che cambia per affrontare le sfide di ogni nuova generazione. Perché la pace è un processo, un modo per risolvere i problemi. Con una pace di questo genere, ci saranno ancora litigi e interessi contrastanti, come ci sono all’interno delle famiglie e delle nazioni. La pace nel mondo, alla pari della pace comunitaria, non richiede che ogni uomo ami il suo prossimo. Richiede solo che viviamo insieme, nella reciproca tolleranza, sottoponendo le nostre controversie a una soluzione giusta e pacifica. E la storia ci insegna che l’inimicizia tra le nazioni, come tra gli individui, non dura per sempre. Per quanto fisse possano sembrare le nostre simpatie e antipatie, la marea del tempo e degli eventi porterà spesso cambiamenti sorprendenti nelle relazioni tra nazioni e nelle relazioni tra vicini di casa.

Dobbiamo quindi perseverare. La pace non deve essere impraticabile e la guerra non deve essere inevitabile. Definendo più chiaramente il nostro obiettivo, facendolo sembrare più gestibile e meno remoto, possiamo aiutare tutte le persone a vederlo, a trarne speranza e a muoversi irresistibilmente verso di esso. In secondo luogo, esaminiamo il nostro atteggiamento nei confronti dell’Unione Sovietica. È scoraggiante pensare che i loro leader possano effettivamente credere a ciò che scrivono i loro propagandisti. È scoraggiante leggere un recente autorevole testo sovietico sulla strategia militare, e trovare in pagina dopo pagina, affermazioni del tutto infondate e incredibili, come l’accusa che i circoli imperialisti americani si stiano preparando a scatenare diversi tipi di guerra. Che ci sia una minaccia molto reale di una guerra preventiva, scatenata dagli imperialisti americani contro l’Unione Sovietica.

E che gli obiettivi politici, e cito, degli imperialisti americani abbiano l’obiettivo di schiavizzare, economicamente e politicamente, l’Europa e gli altri paesi capitalisti al fine di raggiungere il dominio del mondo per mezzo di una guerra di aggressione. In verità, come fu scritto molto tempo fa, i malvagi fuggono senza bisogno che nessuno li insegua. Eppure è triste leggere queste dichiarazioni sovietiche, rendersi conto dell’estensione del divario che esiste tra noi. Ma costituiscono anche un monito, un avvertimento al popolo americano, di non cadere nella stessa trappola dei sovietici, di non vedere solo una visione distorta e disperata della controparte, di non vedere il conflitto come inevitabile, l’accomodamento come impossibile e la comunicazione come nient’altro che uno scambio di minacce.

Nessun governo o sistema sociale è tanto malvagio che il suo popolo debba essere considerato privo di virtù. Come americani, troviamo il comunismo profondamente ripugnante in quanto negazione delle libertà e delle dignità personali. Ma possiamo ancora lodare il popolo russo per i suoi numerosi successi nella scienza, nello spazio, nella crescita economica e industriale, nella cultura e negli atti di coraggio. Tra i molti tratti che i popoli dei nostri due paesi hanno in comune, nessuno è più forte della nostra reciproca avversione alla guerra, una caratteristica quasi unica tra le maggiori potenze mondiali. Non siamo mai stati in guerra l’uno contro l’altro, e nessuna nazione nella storia ha mai sofferto più di quanto abbia sofferto l’Unione Sovietica.

Nella seconda guerra mondiale, almeno 20 milioni di russi persero la vita. Innumerevoli milioni di case e di famiglie sono state bruciate o saccheggiate. Un terzo dell’intero territorio della nazione, compresi due terzi della sua base industriale, è stato trasformato in una terra desolata, una perdita che sarebbe equivalente alla distruzione completa dell’intero territorio degli Stati Uniti che si trova ad est di Chicago. Oggi, non importa come, ma se mai dovesse scoppiare di nuovo una guerra totale, i nostri due paesi sarebbero gli obiettivi primari. È un fatto ironico, ma accurato che le due potenze più forti siano anche le due che corrano il maggior rischio di devastazione. Tutto quello che abbiamo costruito, Tutto ciò per cui abbiamo lavorato, sarebbe distrutto nelle prime 24 ore.

E anche nella Guerra Fredda, che porta fardelli e pericoli a così tanti paesi, compresi gli alleati più stretti della nostra nazione, i fardelli più pesanti vengono sopportati dai nostri due paesi, perché entrambi stiamo destinando ingenti somme di denaro per la costruzione di armi invece di destinarle a combattere l’ignoranza, la povertà e le malattie. Siamo entrambi coinvolti in un circolo vizioso e pericoloso, con i sospetti coltivati da una parte che alimentano i sospetti dall’altra, e con nuove armi che obbligano alla costruzione di altre nuove armi per contrastarle. In breve, sia gli Stati Uniti e i loro alleati, sia l’Unione Sovietica e i suoi alleati, hanno un interesse reciprocamente profondo nel conseguire una pace giusta e autentica e nel frenare la corsa agli armamenti.

La formulazione di accordi in tal senso rientra negli interessi dell’Unione Sovietica come anche nei nostri. E persino le nazioni più ostili possono essere portate ad accettare e a rispettare gli obblighi di un trattato che descrivano clausole che siano unicamente nel loro interesse. Non siamo quindi ciechi di fronte alle nostre differenze. Ma rivolgiamo anche l’attenzione ai nostri interessi comuni e ai mezzi con cui tali divergenze possono essere risolte. E se non possiamo porre fine ora alle nostre differenze, almeno possiamo contribuire a rendere il mondo sicuro anche nella diversità. Perché, in ultima analisi, il nostro legame comune più fondamentale è che tutti noi abitiamo questo piccolo pianeta, respiriamo tutti la stessa aria, abbiamo tutti a cuore il futuro dei nostri figli e siamo tutti mortali. In terzo luogo, rivediamo il nostro atteggiamento nei confronti della Guerra Fredda, ricordando che non siamo impegnati in un dibattito in cui ciascuna parte cerca di accumulare punti.

Non siamo qui per distribuire colpe oppure per puntare il dito e impartire giudizi. Dobbiamo affrontare il mondo così com’è e non come avrebbe potuto essere se la storia degli ultimi 18 anni fosse stata diversa. Dobbiamo quindi perseverare nella ricerca della pace, nella speranza che cambiamenti costruttivi all’interno del blocco comunista possano portare a soluzioni che ora sembrano al di là della nostra portata. Dobbiamo condurre i nostri affari in modo tale che diventi anche nell’interesse comunista concordare una vera pace mentre, soprattutto, difendiamo i nostri interessi vitali. Le potenze nucleari devono evitare quegli scontri che potrebbero portare un avversario a dover scegliere tra una ritirata umiliante oppure una guerra nucleare.

Adottare un approccio di tal genere nell’era nucleare sarebbe solo la prova del fallimento della nostra politica oppure di un desiderio di morte collettiva per l’intero mondo. Per garantire il raggiungimento di questi fini, le armi americane non devono costituire una provocazione, devono essere attentamente controllate e progettate al solo fine di scoraggiare un attacco e devono consentire un uso selettivo. Le nostre forze militari devono essere impegnate per la pace e devono essere disciplinate nell’autocontrollo. I nostri diplomatici devono essere istruiti al fine di evitare irritanti e inutili ostilità di natura puramente retorica, perché possiamo cercare un rilassamento delle tensioni senza dover abbassare la guardia. E da parte nostra, non abbiamo bisogno di usare minacce per dimostrare che siamo risoluti.

Non abbiamo bisogno di disturbare le trasmissioni radio straniere per paura che la nostra fede possa essere erosa. Non vogliamo imporre il nostro sistema di governo a nessun popolo che sia riluttante nell’accettarlo, ma siamo disposti e siamo in grado di impegnarci in una competizione pacifica con qualsiasi popolo sulla Terra. Nel frattempo, cerchiamo di rafforzare le Nazioni Unite contribuendo a risolvere i loro problemi finanziari, al fine di renderle uno strumento più efficace per la pace, per trasformarle in un vero sistema di sicurezza mondiale, un sistema in grado di risolvere le controversie sulla base della legge, di garantire la sicurezza dei grandi e dei piccoli, e di creare le condizioni per abolire finalmente le armi. Allo stesso tempo, cerchiamo di mantenere la pace all’interno del mondo non comunista, dove molte nazioni, tutte nostre amiche, sono divise su questioni che indeboliscono l’unità occidentale, che invitano all’intervento comunista o che minacciano di sfociare in guerra.

I nostri sforzi nella Nuova Guinea occidentale, in Congo, in Medio Oriente e nel subcontinente indiano sono stati persistenti e pazienti, nonostante le critiche di entrambe le parti. Abbiamo anche cercato di dare l’esempio agli altri, cercando di correggere piccole, ma significative differenze con i nostri vicini più prossimi in Messico e Canada. Parlando di altre nazioni, vorrei chiarire il fatto che siamo legati ad altri paesi da varie alleanze. Tali alleanze esistono perché i nostri obiettivi e i loro obiettivi, sostanzialmente, si sovrappongono. Il nostro impegno a difendere l’Europa occidentale e Berlino Ovest, per esempio, rimane immutato in ragione dell’identità dei nostri interessi vitali. Gli Stati Uniti non faranno alcun accordo con l’Unione Sovietica a spese di altre nazioni e di altri popoli, non solo perché questi ultimi sono nostri partner, ma anche perché i loro interessi e i nostri interessi convergono. Tuttavia, tali interessi convergono non solo nella difesa delle frontiere della libertà, ma anche nel perseguire le vie della pace.

La nostra speranza e lo scopo della politica alleata è di convincere l’Unione Sovietica che anch’essa dovrebbe lasciare che ogni nazione decida per il proprio futuro, purché tale scelta non interferisca con le scelte degli altri. La spinta comunista a imporre il proprio sistema politico ed economico agli altri paesi è la causa principale della odierna tensione mondiale. Perché non c’è dubbio che, se tutte le nazioni potessero astenersi dall’interferire nell’autodeterminazione delle altre, la pace sarebbe molto più garantita. Ciò richiederà un nuovo sforzo per costruire uno stato di diritto mondiale, un nuovo contesto per condurre la discussione a livello globale. Richiederà una maggiore comprensione tra i sovietici e noi. Ma tale maggiore comprensione richiederà che ci siano più contatti e comunicazione tra di noi. Un passo in questa direzione è la proposta di una linea diretta tra Mosca e Washington, per evitare da entrambe le parti i pericolosi ritardi, le pericolose incomprensioni e interpretazioni errate delle azioni altrui che potrebbero verificarsi in un momento di crisi.

A Ginevra abbiamo anche parlato dei nostri primi passi verso il controllo degli armamenti, volti a limitare l’intensità della corsa agli armamenti e a ridurre il rischio di una guerra accidentale. A Ginevra, il nostro principale interesse a lungo termine consiste, tuttavia, nel disarmo generale e completo, concepito per tappe che consentano sviluppi politici paralleli che portino alla costruzione di nuove istituzioni di pace e che possano sostituire le armi. Sin dal 1920, i governi statunitensi hanno compiuto sforzi in direzione del disarmo. Le ultime tre amministrazioni hanno cercato di conseguirlo con urgenza. E per quanto deboli siano oggi le prospettive, intendiamo continuare questo sforzo, continuare affinché tutti i paesi, compreso il nostro, possano comprendere meglio quali sono i problemi e le possibilità del disarmo. L’unico settore importante di questi negoziati dove vediamo la possibilità di raggiungere il traguardo, ma dove è anche assolutamente necessario ripartire con un passo diverso, è un trattato che vieti gli esperimenti nucleari.

La sigla di tale trattato, che è talmente vicina eppure così lontana, frenerebbe la spirale della corsa agli armamenti in una delle sue aree più pericolose. Ciò metterebbe le potenze nucleari in grado di affrontare più efficacemente uno dei maggiori rischi che il genere umano deve affrontare nel 1963, vale a dire l’ulteriore diffusione delle armi nucleari. Aumenterebbe la nostra sicurezza. Ridurrebbe le prospettive di guerra. Sicuramente questo obiettivo è abbastanza importante da richiedere la nostra costante dedizione, non cedendo alla tentazione di rinunciare a tutti gli sforzi compiuti, né alla tentazione di rinunciare alla nostra insistenza su misure protettive per noi stessi che siano vitali e responsabili. Colgo l’occasione, quindi, per annunciare due importanti decisioni al riguardo. In primo luogo, il presidente Krusciov, il primo ministro Macmillan ed io abbiamo convenuto che, a breve, inizieremo a Mosca discussioni ad alto livello per giungere a un rapido accordo su un trattato che metta al bando gli esperimenti nucleari.

La nostra speranza deve essere temperata. Le nostre speranze devono essere temperate con la prudenza della storia, ma alle nostre speranze si uniscono le speranze dell’umanità intera. In secondo luogo, al fine di manifestare la nostra buona fede e le nostre solenni convinzioni in materia, dichiaro in questo preciso momento che gli Stati Uniti si asterranno dal condurre test nucleari nell’atmosfera fintanto che anche gli altri Stati si asterranno. Non saremo noi i primi a riprendere l’esecuzione di tali test. Naturalmente, una dichiarazione di questo tipo non può sostituire un trattato formale e vincolante, ma spero che ci aiuti a raggiungerlo. Un trattato del genere non sostituirebbe neppure il disarmo, ma spero che ci aiuterà a realizzarlo. Infine, cari concittadini americani, esaminiamo il nostro atteggiamento nei confronti della pace e della libertà qui a casa. La qualità e lo spirito della nostra società devono giustificare e sostenere i nostri sforzi all’estero.

Dobbiamo dimostrarlo nella dedizione della nostra vita, come molti di voi che si stanno laureando oggi avranno l’opportunità di fare, prestando servizio senza retribuzione nei Corpi di pace all’estero, o nel Corpo di servizio nazionale che vi viene proposto qui negli Stati Uniti. Ma ovunque siamo, dobbiamo tutti, nella nostra vita quotidiana, dimostrarci all’altezza dell’antica massima che ci dice che la pace e la libertà camminano di pari passo. In troppe delle nostre città, oggi, la pace non è sicura perché la libertà è incompleta. È responsabilità del ramo esecutivo a tutti i livelli di governo, locale, statale e nazionale, fornire e proteggere tale libertà per tutti i nostri cittadini con tutti i mezzi che rientrano nella nostra sfera di autorità.

E’ responsabilità del ramo legislativo a tutti i livelli, laddove tale autorità non sia ancora adeguata, renderla adeguata. Ed è la responsabilità di tutti i cittadini in tutte le parti di questo paese di rispettare i diritti degli altri e di rispettare la legge della propria nazione. E tutto questo è strettamente correlato con la pace mondiale. Le Scritture ci dicono che, quando le opere dell’uomo piacciono a nostro signore, egli farà in modo che anche i suoi nemici siano in pace con lui. E la pace, in ultima analisi, non è forse fondamentalmente una questione di diritti umani? Il diritto di vivere la nostra vita senza paura della devastazione. Il diritto di respirare l’aria come la natura ce l’ha fornita, il diritto delle generazioni future a un’esistenza sana. Mentre procediamo a salvaguardare i nostri interessi nazionali, salvaguardiamo anche gli interessi umani.

E l’eliminazione della guerra e delle armi è chiaramente nell’interesse di entrambi. Per quanto strettamente possa essere formulato, non può fornire una sicurezza assoluta contro i rischi di inganno e di evasione degli obblighi definiti negli articoli del trattato. Ma può, se è abbastanza efficace nella sua applicazione ed è sufficientemente nell’interesse dei suoi firmatari, offrire molta più sicurezza e molti meno rischi rispetto a quelli che correremmo  se continuassimo in una sfrenata corsa agli armamenti incontrollata e imprevedibile. Gli Stati Uniti, come il mondo sa, non inizieranno mai una guerra. Non vogliamo una guerra. Non ci aspettiamo una guerra. Questa generazione di americani ne ha già avuto abbastanza, più che abbastanza, di guerra, odio e oppressione.

Ci manterremo preparati. E se altri volessero farci la guerra, saremo vigili per cercare di fermarla. Ma faremo anche la nostra parte per costruire un mondo di pace dove i deboli siano al sicuro e dove i forti siano giusti. Non siamo impotenti di fronte a questo compito e confidiamo nella possibilità del nostro successo nel conseguirlo. Dobbiamo lavorare con fiducia e senza paura, non verso una strategia di annientamento, ma verso una strategia di pace.

Grazie.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.