Iraq – Rinviato a tempo indeterminato il voto per il presidente

parlamento iracheno

parlamento iracheno

Il 7 febbraio, il parlamento iracheno ha rinviato a tempo indeterminato le elezioni presidenziali per mancanza del quorum al voto.

Baghdad, 7 febbraio.

Era previsto per mezzogiorno, ma già il giorno prima era chiaro che la procedura non avrebbe avuto luogo a causa di un massiccio boicottaggio da parte dei più potenti partiti politici del Consiglio dei Rappresentanti. Per approvare un candidato sono necessari almeno i due terzi dei voti su 329, ma all’ora stabilita erano presenti alla camera solo pochi deputati.

Il blocco di Muqtada al-Sadr, leader in parlamento, è stato il primo a ritirarsi dall’evento, avendo vinto le elezioni dello scorso autunno e prendendo 73 seggi. La sua assenza non ha reso impossibile il voto, ma poi l’alleanza sunnita guidata dal presidente Muhammad al-Khalbusi, alleato di Al-Sadr, che ha 51 voti alla Camera dei rappresentanti, si è unita al boicottaggio. Questo ha effettivamente posto fine ad ogni possibilità.

Successivamente anche il Partito Democratico del Kurdistan (KDP) con 31 rappresentanti ha rifiutato di partecipare alle elezioni, alle quali era stato indicato come candidato principale, l’ex ministro delle finanze e ministro degli Esteri Hoshyar Zebari.

Il motivo del boicottaggio è stato proprio lui: nel 2016 è stato esonerato dal suo incarico al ministero delle Finanze per accuse di corruzione. Al-Sadr ha affermato che il politico non soddisfa i requisiti per un potenziale mandato presidenziale e ha invitato il suo alleato KDP a nominare un “candidato unico”.

In precedenza, la Corte Suprema irachena ha “congelato” la partecipazione di Zebari a causa delle denunce di legislatori che hanno accusato di corruzione contro di lui. Tuttavia, il politico ha risposto che non era stato condannato.

Hoshyar Zebari è considerato il principale rivale del presidente in carica Barham Saleh dell’Unione Patriottica del Kurdistan. Secondo le regole stabilite, è un nativo di questa regione che dovrebbe assumere la carica di capo della repubblica. Per la maggior parte, questa posizione ricoperta è cerimoniale, ma nelle condizioni attuali il voto è estremamente importante per la continuazione del lavoro del governo: le leggi irachene obbligano il presidente a nominare un primo ministro entro 15 giorni dalla sua elezione, che di fatto guida Paese .

Inoltre, quest’ultimo dovrebbe essere un membro del più grande blocco parlamentare, in questo caso il partito dei “sadristi” e la “Struttura di coordinamento” dei partiti sciiti filo-iraniani contrari si battono ora per questo titolo. Questi ultimi, con un totale di 88 seggi, hanno chiesto alla corte di riconoscere la loro leadership, ma la richiesta è stata rifiutata.

Il primo ministro, eletto tra gli sciiti, ha un mese di tempo per formare il suo governo. Questo spiega il duro atteggiamento tra i sostenitori di Teheran e Al-Sadr, dal momento che lui, essendo contro ogni ingerenza straniera, non intende far parte al governo di altri blocchi politici. Ora gli “sadristi” hanno ricevuto una pausa in cui cercheranno in parlamento di attirare un partito che risponda alle proprie posizioni, per una alleanza.

Exit mobile version